Air Liquide mette in servizio l’ASU più grande al mondo

9 febbraio 2018
ASU più grande al mondo

Air Liquide ha recentemente messo in servizio in Sudafrica la più grande unità di produzione di ossigeno al mondo per Sasol, multinazionale integrata dei settori dell’energia e della chimica

 

Air Liquide ha investito circa 200 milioni di euro per la costruzione di questa ASU (Air Separation Unit) con una capacità produttiva di 5.000 tonnellate di ossigeno al giornoLa nuova ASU, che si trova presso il sito di Sasol a Secunda (circa 140 km ad est di Johannesburg), fornisce a Sasol grandi quantità di ossigeno usato per la produzione di carburanti e prodotti chimici.

La messa in servizio dell’unità di separazione dell’aria rappresenta una nuova tappa nella partnership tra Air Liquide e Sasol, che porta a 17 il numero di ASU fornite a Sasol nel corso degli ultimi 40 anni, con una capacità totale di produzione di ossigeno di oltre 45.000 tonnellate al giorno. È la prima volta che Sasol ha scelto di esternalizzare sul sito di Secunda il suo approvvigionamento di ossigeno, riconoscendo così la competenza di Air Liquide nel campo della produzione di ossigeno e sottolineando l’importanza di questa relazione a lungo termine.

L’unità è stata progettata e costruita dai team Engineering & Construction di Air Liquide usando tecnologie all’avanguardia che soddisfano gli standard più elevati di sicurezza, affidabilità ed efficienza, aumentando al tempo stesso la capacità produttiva. Il design della ASU si basa su tecnologie proprietarie di Air Liquide che includono diverse innovazioni nel processo di compressione dell’aria, consentendo una riduzione dei consumi di elettricità annui di Sasol di oltre il 20% e contribuendo a ridurre l’emissione di gas serra.

Come previsto, la nuova ASU è stata completata in meno di tre anni dalla progettazione alla messa in servizio. L’ASU inoltre fornisce ad Air Liquide una nuova fonte di gas liquidi per l’approvvigionamento del crescente mercato del gas industriale in Sud Africa.

François Jackow, membro del Comitato Esecutivo del Gruppo Air Liquide che supervisiona l’area Medio Oriente e Africa, ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di consolidare una partnership strategica basata sulla fiducia e l’impegno a lungo termine con Sasol. Questo progetto dimostra la capacità di Air Liquide di gestire progetti innovativi su vasta scala. La nuova unità vede Sasol esternalizzare per la prima volta le sue esigenze di ossigeno presso il suo sito di Secunda, confermando la nostra leadership nella tecnologia per la produzione di ossigeno, oltre al nostro impegno per contribuire allo sviluppo economico e sociale del Sud Africa”.

Bernard Klingenberg, Executive Vice President, Operations di Sasol, ha dichiarato: “Il successo della messa in servizio di questa ASU all’avanguardia consolida la partnership strategica di lunga data di Sasol con Air Liquide, che apporta competenze all’avanguardia nella fornitura di ossigeno ed affidabilità a lungo temine alle nostre attività a Secunda. Questa importante tappa conferma inoltre la nostra catena del valore integrata in Sud Africa che costituisce una robusta piattaforma per la crescita a lungo termine di Sasol e per il suo contributo all’economia del paese”.

Fonte Air Liquide

 

ARTICOLI CORRELATI

BASF_logo_blue World Plastics Council

BASF aderisce al World Plastics Council

BASF aderisce al World Plastics Council che riunisce gli operatori leader dell’industria della plastica

Partec 2019: call for papers

Partec 2019: call for papers published

Researchers and scientists have until 30 April 2018 to submit their contributions for Partec 2019

PPS Ryton

Advanced Sensor Technologies sceglie il PPS Ryton di Solvay

ASTi sceglie il PPS Ryton di Solvay per alloggiamenti di sensori ad alta resistenza chimica e termica