Da Flygt il primo sistema di pompaggio al mondo per acque reflue con intelligenza integrata

25 Ottobre 2016

La nuova gamma Concertor proposta da Flygt (società del gruppo Xylem) comprende pompe sommergibili. Queste soluzioni assicurano elevate prestazioni, notevole risparmio economico ed energetico nel funzionamento e nella gestione di una stazione di sollevamento per acque reflue

 

La linea Concertor™ di Flygt è formata da hardware, software, sensori, un motore elettrico sincrono e idraulica autopulente, il tutto in un contenitore sommergibile. Si tratta di un sistema intelligente perché è in grado di offrire in modo automatico ed economico performance di pompaggio elevatissime.

I modelli della linea hanno in comune con altre soluzioni il fatto di basare il proprio funzionamento sulla piattaforma Flygt Dirigo™. Le pompe della gamma Concertor™ sono dotate di un motore a magneti permanenti equivalente a IE4 Super Premium e all’idraulica inintasabile di tipo N Adattivo in lega di ghisa al cromo. Il sistema di controllo integrato, con un software brevettato, è in grado di conservare il fattore di potenza prossimo a 1, in ogni condizione possibile. Mediante i sensori e all’elettronica integrata, è possibile una rilevazione in real time della situazione del pozzetto e del liquido da pompare e una regolazione istantaneamente delle performance che assicura il minor utilizzo di energia possibile (versione XPC).

148-flygt

Le pompe della serie Concertor™ hanno dunque una vera e propria intelligenza operativa, che rende estremamente flessibile il loro utilizzo. Flygt propone 12 combinazioni di modelli, diversi per diametro della mandata: da DN 80 a DN 150 e con potenze del motore che vanno da 2,2 kW a 7,3 kW.

L’uso di queste pompe assicura quindi risparmi energetici che possono arrivare a -50% rispetto alle soluzioni tradizionali e, in virtù degli algoritmi di ciclo di pulizia del pozzetto e della tecnologia N Adattiva, una diminuzione (fino all’80%) delle operazioni di spurgo dei pozzetti. Inoltre, le funzioni di auto-monitoraggio aiutano a prevenire le potenziali avarie per cause esterne e cancellano i rischi di sovraccarichi del motore. Infine, vi è un risparmio anche sui costi infrastrutturali degli impianti che impiegano il sistema Flygt Concertor™: sono necessarie meno scorte di magazzino grazie all’ampio range operativo delle pompe.

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

emissioni industriali

Digital talk B2Better sul controllo delle emissioni industriali

Mercoledì 13 Luglio 2022 alle 11 parleremo di emissioni industriali, abbattimento delle polveri e BAT con due esperti del settore...

Riciclo imballaggi: Italia campione d'Europa

Riciclo imballaggi: Italia campione d'Europa

L’Italia? Ricicla di più e a costi inferiori. A dirlo è uno studio della Bocconi e del Wuppertal Institut, presentato...

Primo impianto di accumulo al mondo dotato di batterie alla CO2

Primo impianto di accumulo al mondo dotato di batterie alla CO2

La tecnologia di Energy Dome permette di conservare l'energia alla metà del costo dei sistemi che utilizzando batterie agli ioni...

Share This