Efficienza energetica per le acque lombarde

19 marzo 2019
ego

EGO si aggiudica la gara del Gruppo CAP relativa all’ottenimento degli incentivi per l’efficienza energetica

 

Il Gruppo CAP, che garantisce il servizio idrico a oltre 2 milioni di utenti in Lombardia, ha indetto un bando per la gestione dei servizi legati all’ottenimento degli incentivi per l’efficienza energetica.

EGO, operatore attivo nel settore delle nuove energie, si è aggiudicata la gara, per un valore totale di 400.000 Euro di servizi da erogare, alle aziende del Gruppo CAP ed a quelle aderenti alla  “Water Alliance – Acque di Lombardia”, la prima rete di imprese tra aziende idriche in house della Lombardia.

Il bando di gara comprende i servizi per l’assegnazione, la gestione e la vendita dei certificati bianchi, per la conduzione delle pratiche relative  agli incentivi legati al Conto Termico 2.0 (fra cui diagnosi energetica e certificazione energetica) e delle pratiche di qualifica presso il GSE degli impianti di biometano e di cogenerazione.

Parole nuove per le aziende del servizio idrico integrato, che a seguito della delibera ARERA 917 del dicembre 2017, devono perseguire  l’efficientamento dei servizi legati alla raccolta, distribuzione e depurazione dell’acqua e dove questo comporta anche miglioramenti nella spesa energetica ben venga. Recenti studi del Politecnico di Milano riportano che il potenziale di risparmio energetico complessivo associato all’utilizzo dell’acqua nella rete idrica italiana risulta essere superiore a 3TWh, e, come confermato dalle Linee Guida ENEA, gli interventi possono essere incentivati tramite i certificati bianchi, recuperando parte dell’investimento.

La delibera, infatti, non fa alcun riferimento ai servizi energetici, ma definisce le caratteristiche di prestazione nell’erogazione dei servizi al singolo utente, e individua alcuni macro-indicatori per qualificare le condizioni tecniche di erogazione del servizio. I macro-indicatori sono: perdite idriche, interruzioni del servizio, qualità dell’acqua erogata, adeguatezza del sistema fognario, smaltimento fanghi in discarica, qualità dell’acqua depurata. Nessuno di questi è direttamente legato all’energia, ma molti di questi per essere migliorati richiedono interventi di efficienza energetica. Ad esempio, per intervenire sulle perdite di rete è importante modificare la pressione delle pompe ottenendo due effetti positivi: si riducono le perdite e si risparmia energia elettrica.

Fra i requisiti di partecipazione alla gara rientrava essere una ESCo (Energy Service Company) certificata UNICEI 11352 e accreditata presso il GSE per l’accesso al meccanismo dei certificati bianchi, caratteristiche che identificano aziende con esperienza consolidata in attività di misura ed analisi dei parametri energetici riferiti allo specifico processo, quindi in grado di individuare cosa e come misurare, identificando con precisione le tipologie di intervento che possono essere oggetto di incentivo o no. Ottenere i certificati bianchi è più complesso di quanto possa sembrare e l’esperienza maturata da una ESCo è di grande importanza: a meno delle grandi utilities, che si occupano sia di acqua che di elettricità e hanno spesso una ESCo al proprio interno, bisogna chiedere supporto a società esterne qualificate.

“EGO Power, la ESCO del nostro Gruppo attiva sul mercato da più di dieci anni è pronta a cogliere questa opportunità”, afferma Carlo Corallo, fondatore e amministratore delegato di EGO; “oltre alla consolidata esperienza nel settore industriale da qualche anno ci rivolgiamo anche al settore idrico, in partnership con specialisti di ingegneria idraulica e di fluidodinamica appartenenti al nostro network societario”.

EGO in maggio scorso ha ottenuto, tra le prime in Italia, riscontro positivo dal GSE per l’ottenimento dei Certificati Bianchi nel settore del Sistema Idrico Integrato, in accordo con il decreto ministeriale dell’11 gennaio 2017. Il progetto riguardava la riduzione dei consumi di energia elettrica nella distribuzione di acqua alle utenze finali della rete idrica del comune di Castiglione delle Stiviere in provincia di Mantova, in gestione alla società AqA Mantova srl, appartenente al gruppo TEA SpA.

ARTICOLI CORRELATI

impianto sperimentale

Al campus un nuovo impianto sperimentale per la trasformazione di biomasse vegetali con recupero energetico

Innovativo impiant sperimentale di pirogassificazione per la trasformazione di biomasse vegetali in biochar con recupero energetico.

expomove

Passato, presente e futuro della mobilità elettrica e sostenibile

EGO si aggiudica la gara del Gruppo CAP relativa all’ottenimento degli incentivi per l’efficienza energetica   Il Gruppo CAP, che...

EnergyOpportunity

Le opportunità dell’energia: 4 nuovi modi di gestire l’energia per migliorare le performance aziendali

Pubblicata l’ultima guida sulle opportunità dell’energia di Centrica: un taglio del 20% del costo dell'energia può avere lo stesso effetto...

Pin It on Pinterest

Share This