Tecnologie di misura per l’ottimizzazione dei processi di riduzione dell’emissione di CO2

12 Dicembre 2016

SICK propone soluzioni per il monitoraggio delle emissioni di CO2, in grado di memorizzare i dati registrati dai sensori che si trovano sui collettori di scarico dei gas di torcia, elaborarli in base alle variabili determinate e ottenere i valori della portata massica, per un controllo complessivo dei processi.

 

Per i suoi strumenti SICK impiega la tecnologia a ultrasuoni, che non subisce usura meccanica e dunque limita le possibilità di guasto e fermo impianti e le perdite di carico. All’interno della gamma di smart meter proposti dall’azienda, vi è la linea di misuratori di portata FLOWSIC100 che, mediante la centralina di controllo MCU, garantisce dati preziosi sul processo di gas flaring ed è dotata di una funzionalità diagnostica per il miglioramento continuo delle performance dell’impianto.

203-sick

FLOWSIC100 Flare rappresenta un innovativo misuratore ultrasonico di portata per gas di torcia che funziona perfettamente, sia nel caso in cui il flusso di gas risulti impercettibile sia quando raggiunge in maniera rapida alti livelli. La sonda di misura ha un design sagomato e copre un range di portate che va da 0,03 a 120 m/s, evitando l’insorgere di turbolenze intorno al sensore. Si tratta di uno strumento affidabile che, calcolando del peso molecolare del gas nel corso della misurazione, permette di identificare da dove provengono le possibili perdite di porzioni di impianto, anche in zone esplosive.

203-sickFLOWSIC100 Flare è disponibile in due versioni “cross duct” e una a singolo probe per tutte quelle condizioni nelle quali è impossibile o non consigliata l’installazione su due lati del collettore di flare. Per ciascun modello esiste una versione fornita di un meccanismo retraibile per installare o effettuare la sostituzione dello strumento senza fermare la produzione.

L’unità di controllo può essere collocata fino a mille metri dal punto di misura e può essere installata anche all’esterno dell’area esplosiva. Infine, la funzione di diagnostica automatica identifica e mette in funzione un allarme in caso di situazioni anomale.

 

203_sick

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Tecnologie per idrogeno pulite: Europa al top nei brevetti

Tecnologie pulite per l'idrogeno: Europa al top nei brevetti

I brevetti sull'idrogeno si spostano verso tecnologie pulite con Europa e Giappone in testa, secondo i risultati di uno studio...

ButanGas con IBM per migliorare performance e disponibilità dei servizi

ButanGas con IBM per migliorare performance e disponibilità dei servizi

La collaborazione di ButanGas ha portato all’adozione della tecnologia IBM Power per aumentare la reattività dei sistemi e migliorare la...

Nuove Barriere ottiche per aree a rischio esplosione

Nuove Barriere ottiche per aree a rischio esplosione

Schmersal propone la nuova famiglia dei dispositivi ATEX EX-SLC/SLG pensata per l'utilizzo in tutte le aree a rischio di esplosione...

Share This