A Taranto il primo parco eolico offshore del Mediterraneo

15 Febbraio 2022
A Taranto il primo parco eolico offshore del Mediterraneo

L’impianto eolico offshore ad opera di Renexia è in via di completamento e sarà composto da 10 turbine per una potenza complessiva di circa 30 MW ed una produzione stimata di oltre 58.000 MWh/anno, pari al fabbisogno energetico di 60.000 persone.


Nel giro di qualche settimana sarà completato nelle acque di Taranto il primo parco eolico offshore italiano e del Mediterraneo: è stata infatti terminata l’installazione della prima turbina di Beleolico. Questo il nome del parco dell’omonima società che sorge su uno specchio acqueo di circa 131.000 mq ed un’area demaniale marittima di 455 mq, concesse per 30 anni dalla Capitaneria di Porto di Taranto. 

 

L’eolico in mare è una tecnologia che porta vantaggi nel campo della produzione di energia da fonti rinnovabili, perché sfrutta il vento del mare che ha una forza maggiore. In questo modo Beleolico è in grado di generare più energia rispetto ad un impianto analogo posizionato sulla terraferma. Inoltre non occupa suolo fisico ed è una vera alternativa per la produzione di energia pulita perché riduce la produzione CO2: un concreto contributo al percorso di transizione ecologica ed energetica intrapreso dall’Italia.

 

Il parco Beleolico è un’infrastruttura con caratteristiche di innovazione e sostenibilità. Avrà 10 turbine per una capacità complessiva di 30 MW, in grado di assicurare una produzione di oltre 58 mila MWh, pari al fabbisogno annuo di 60mila persone residenti a Taranto. In termini ambientali, afferma Renexia SpA che ha realizzato l’opera, significa che nell’arco dei 25 anni di vita prevista per l’impianto ci sarà un risparmio di circa 730mila tonnellate di CO2. Le turbine sono di MingYang Smart Energy, i più grandi produttori cinesi di turbine eoliche che con Taranto si sono aggiudicati la loro prima commessa in Europa.

 

“L’operazione appena conclusa – annuncia Renexia – rappresenta il primo passo del nostro Paese in un articolato percorso di transizione energetica, verso gli sfidanti obiettivi del nuovo Piano nazionale energetico (Pniec) che prevedono per l’Italia 114Gw di energia da fonti rinnovabili al 2030. Per Renexia, inoltre, Taranto diviene il centro di partenza dell’energia del futuro, pulita e sostenibile, grazie al vento e al mare”.

 

Renexia fa parte del Gruppo TOTO ed è specializzata nello sviluppo, progettazione, costruzione e gestione di grandi infrastrutture innovative per le energie rinnovabili, come impianti eolici e solari. La società è anche impegnata nella progettazione di Med Wind, che diventerà il più grande parco eolico offshore nel cuore del Mediterraneo. Renexia unisce la visione strategica alle funzioni operative, in una formula completa: ideare progetti e mettere insieme i talenti più influenti per poi realizzare e gestire infrastrutture energetiche uniche, innovative, decisive per compiere la transizione energetica. 

 

La componentistica di Beleolico è stata affidata ad importanti player internazionali. Tuttavia l’obiettivo per il futuro è creare localmente opportunità di crescita per aziende italiane, al fine di promuovere lo sviluppo del tessuto economico, in un regime di ‘local-content requirement’, contribuendo a creare una nuova manifattura a Taranto.

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

La transizione green delle batterie parla Italiano

La transizione green delle batterie parla Italiano

NTE Process è l’unica società italiana qualificata per turnkey di impianti batterie SemiSolid per la produzione di batterie agli ioni...

Energia rinnovabile in Lafert

Lafert sceglie Samso per l'autoproduzione di energia rinnovabile

In corso l’installazione del grande impianto fotovoltaico con potenza pari a 345 kW del nuovo stabilimento Lafert.

Infrastrutture: gli Emirati Arabi scelgono la Puglia

Infrastrutture: gli Emirati Arabi scelgono la Puglia

Siglata una joint venture tra l’emiratina Danway, leader nelle infrastrutture elettriche e strumentazione impiantistica, e la pugliese Tecnomec Engineering. 

Share This