Comau entra nel consiglio d’amministrazione della Bepa

17 Febbraio 2021
Comau

Il leader globale dell’automazione si unisce alla European Battery Alliance, alla Batteries European Partnership Association (BEPA) e alla European Technology & Innovation Platform (ETIP)

 

A coronamento dei continui investimenti del settore dell’elettrificazione, Comau è entrata a far parte di tre importanti consorzi commerciali per promuovere lo sviluppo e l’espansione del settore europeo delle batterie.

 

Oltre ad aver aderito alla European Battery Alliance (EBA) e alla Batteries European Partnership Association (BEPA), di cui Carlo Novarese – Global Competence Center Batteries Manager di Comau – è stato eletto membro del Consiglio d’amministrazione, l’azienda contribuisce attivamente anche alla European Technology & Innovation Platform (ETIP) per le batterie.

La partecipazione di Comau a queste associazioni è dettata dal ruolo sempre più determinante dell’azienda nel settore dell’elettrificazione. Con l’espansione delle tecnologie per le batterie elettriche, l’azienda sta mettendo a punto innovazioni volte allo sviluppo di sistemi di produzione flessibili e digitali, caratterizzati da eccellenti livelli di qualità e rendimento. In particolare, in qualità di membro della rete EBA, che include organizzazioni pubbliche e private, Comau può interfacciarsi con i principali stakeholder della catena del valore delle batterie.

Grazie alla carica amministrativa di Novarese nella BEPA, Comau può inoltre fornire indicazioni d’investimento strategiche insieme ai 137 membri dell’associazione, di cui 54 sono player industriali e 56 enti di ricerca. Comau occupa una posizione di leadership anche nell’ETIP, co-presiedendo e collaborando attivamente all’interno del Gruppo di lavoro 4: Progettazione e produzione delle celle di batterie.

Si stima che, entro il 2040, la sola domanda di batterie per i veicoli elettrici prodotti in Europa raggiungerà i 1.200 Gwh all’anno (Fonte: McKinsey, giugno 2019). L’aumento della domanda di batterie ricaricabili impone quindi la necessità di una cooperazione internazionale per individuare nuove tecnologie in cui investire, come ad esempio gli accumulatori agli ioni di litio, che hanno il potenziale per portare ad una produzione di batterie sicura e sostenibile.

Il coinvolgimento di Comau in questi consorzi industriali paneuropei consente all’azienda di mettere il proprio know-how al servizio di una filiera produttiva più avanzata, sia a livello nazionale (italiano) che internazionale. “Siamo orgogliosi di essere in prima linea nel dare il nostro contributo per accelerare il progresso tecnologico nel campo delle batterie di prossima generazione, per tutte le fasi del loro ciclo di vita, dalla produzione all’implementazione, dall’utilizzo, al riciclo e smaltimento”, conferma Carlo Novarese, Global Competence Center Batteries Manager. “Partecipando alle attività di queste importanti associazioni di settore, Comau è in una posizione preferenziale per poter individuare e sviluppare soluzioni tecnologiche avanzate, cogliere opportunità di collaborazione inter-settoriali e creare valore sia per gli OEM che per i fornitori.

 

 

VISITA L’AZIENDA “COMAU”

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

OMC

OMC Ravenna rinviato a settembre: "Ripensare l'energia insieme" il tema dell'edizione 2021

Dal 28 al 30 settembre 2021 il Pala De André di Ravenna ospiterà la XV° edizione  dell’Offshore Mediterranean...

Refrion

Refrion lancia Selection Tool, il nuovo configuratore delle unità ventilate

La realtà punto di riferimento in Europa nel mondo della refrigerazione industriale, nel settore energetico e dei data center...

Ego energy

EGO Energy rafforza il suo posizionamento nella digital‐energy

EGO Energy, operatore integrato della digital‐energy che unisce attività di trading nell’ambito dell’energia rinnovabile con la...

Share This