Da Mammoet strumenti puliti per l’energia pulita del futuro

12 Giugno 2024
mammoet strumenti puliti

L’azienda utilizza SPMT completamente elettrici per movimentare di routine le componenti del dimostratore ITER di fusione nucleare controllata.

 

I nuovi SPMT (Self Propelled Modular Transport) elettrici alimentati a batterie di Mammoet hanno iniziato a funzionare presso la struttura internazionale di ricerca sulla fusione nucleare ITER, a Tolosa, nel sud della Francia.

I carrelli vengono utilizzati ormai di routine per trasportare componenti pesanti necessari alla costruzione del tokamak più grande del mondo.

Il tokamak è un dispositivo a forma di ciambella che viene utilizzato per il confinamento magnetico del plasma ad altissima temperatura e che è il cuore dell’impianto dimostrativo in scala reale della fattibilità della fusione nucleare come fonte su larga scala di energia di ITER. Mammoet opera su incarico di DAHER, specialista della logistica globale, effettuando il trasporto di componenti chiave del tokamak, per esempio bobine toroidali per la generazione di un campo magnetico pesanti 367 tonnellate e settori di 440 tonnellate della “ciambella” in cui verrà creato il vuoto. All’interno dell’impianto vengono utilizzate due combinazioni di dodici linee d’assi di SPMT per spostare i componenti dal magazzino all’area di assemblaggio. 

La richiesta di ITER per SPMT elettrici risale al luglio dello scorso anno, proprio quando Mammoet era nel pieno dello sviluppo del prototipo che combina un’unità di alimentazione elettrica, la ePPU, con i normali carrelli. I sei mesi successivi hanno visto Mammoet eseguire test approfonditi sul livello di rumore e sulle interferenze elettromagnetiche. Sono state anche eseguite oltre 100 ore di prove con diversi tipi di carico, per dimostrare che la tecnologia sarebbe stato in grado di svolgere lavori di routine operando solo su batteria.

Prima dell’arrivo dei nuovi SPMT, i trasferimenti dei componenti venivano eseguiti alimentando il sistema oleodinamico dei carrelli utilizzando motori diesel, che sono più rumorosi e generano emissioni di carbonio e soprattutto polveri fini che devono essere filtrate ed evacuate dagli ambienti interni. Nel progetto specifico eliminare gli scarichi in aria è ancora più importante, in quanto il tokamak deve essere costruito in un ambiente pulito, dove umidità, temperatura e particelle sospese sono tutte controllate. Oltre ad essere più pulita e silenziosa, una ePPU può alimentare due linee di SPMT contemporaneamente. Ciò significa che anche le movimentazioni più pesanti, che richiedono il lavoro in tandem, possono essere eseguite in modo completamente elettrico.

Gli spostamenti effettuati presso ITER stanno fornendo informazioni e insegnamenti preziosi a Mammoet, consentendo di migliorare l’unità e di definire le metodologie di impiego ottimale. Nel corso dell’ultimo anno si è rivelato un mito il fatto che gli spostamenti di componenti anche di peso rilevante non possano essere eseguiti con apparecchiature ad alimentazione elettrica. Ora Mammoet è pronta a portare i nuovi SPMT su lavori più di routine ma che richiedono comunque un basso impatto ambientale locale, come quelli in ambienti chiusi, in galleria, sotterranei o in ambiti urbani molto densi ed affollati.

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

celle per batterie BASF and WHW Recycling

BASF e WHW Recycling rendono la produzione delle celle per batterie ancora più sostenibile

I minerali che ne derivano potranno essere riutilizzati come materie prime per la produzione di nuovo materiale.

accadueo 2024

ACCADUEO, l’85% dello spazio disponibile già prenotato

Sono aperte le registrazioni alla manifestazione internazionale per i professionisti del settore idrico, in scena dal 27 al 28 novembre...

riciclo imballaggi

Riciclo imballaggi, il Paese arriva al 75,3%

Lo annuncia CONAI nella nuova Relazione generale che riporta una percentuale di riciclo in forte crescita rispetto al 71% circa...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

IndustryChemistry

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a: Anes  Assolombarda