De Dietrich punta a chimica vegetale e pharma

21 Dicembre 2022
De Dietrich punta a chimica vegetale e pharma

Convinto del forte potenziale di crescita dei mercati della chimica vegetale e farmaceutico, il gruppo ha deciso di orientare la propria strategia verso questi due mercati, pur mantenendo un piede nel mercato chimico.

 

Questa decisione si basa anche sul desiderio di indipendenza dell’Europa nella produzione di medicinali, su vincoli ambientali più severi e su clienti sempre più attenti all’ambiente che cercano di cambiare i loro processi di produzione e adottare metodi rispettosi dell’ambiente e dei consumatori.

 

Per imprimere e accentuare la propria presenza su questi mercati, De Dietrich Process Systems ha sviluppato una rete PGS (Pharma & Green Solutions), aprendo diversi uffici in Francia, Germania, Spagna e Inghilterra, per accompagnare i propri clienti fin dall’inizio nei loro progetti.

I suoi team stanno già lavorando a numerosi progetti per unità farmaceutiche complete che vanno da 500.000 a 5 milioni di euro, per la produzione di principi attivi farmaceutici (API) e intermedi di sintesi.

Questo è anche il caso della chimica vegetale, con progetti che prevedono l’estrazione di principi da alghe, piante e fiori per applicazioni finali nel campo dei cosmetici e nel mercato in forte espansione del CBD.

I team PGS traggono la loro forza dalla loro diversità di competenze, con project manager, ingegneri di processo, esperti di automazione, designer industriali e product manager che lavorano insieme per fornire ai clienti le soluzioni più efficaci.

Questi team forniscono supporto commerciale, tecnico ed esecutivo in Europa e gestiscono progetti chiavi in mano. I reparti di ingegneria PGS agiscono come entità indipendenti e sono supportati dal know-how storico dei centri di competenza, per offrire un supporto ottimale ai clienti.

I servizi offerti comprendono studi di processo e di ingegneria, follow-up ed esecuzione dei progetti per tutti i progetti nei settori della chimica fine, farmaceutica, cosmetica, dei profumi, degli aromi e degli alimenti.

Per sfruttare le competenze esistenti nei loro uffici PGS, il gruppo ha anche acquisito una partecipazione in una società di ingegneria a Lione (AIGP), ha acquistato la società spagnola ZEAN e ha stretto una stretta collaborazione con la società Thar Process.

Ciò ha consentito a De Dietrich Process Systems di espandere il proprio know-how ingegneristico e allo stesso tempo integrare nuove tecnologie come soluzioni di evaporazione a flusso cadente, film sottili, short path ed estrazione di CO2 supercritica che sono essenziali per purificare ed estrarre ingredienti e attivi dalla biomassa.

Questo nuovo approccio consente a De Dietrich Process Systems di sfruttare nuove opportunità nella purificazione di monomeri e oli, biodiesel e di rafforzare la propria capacità nelle fasi di purificazione di intermedi, API e recupero di solventi.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

processori Google Cloud

Bayer accelera l'R&D in-silico con i processori Google Cloud

La multinazionale tedesca intende sfruttare la potenza di calcolo ad alte prestazioni di Google Cloud per aumentare l'efficienza nella scoperta,...

Le nuove sfide della meccatronica in Italia

Le nuove sfide della meccatronica in Italia: asset tangibili e intangibili in versione 5.0

Gli Stati Generali della Meccatronica, evento di avvicinamento alla Fiera Internazionale A&T, realizzano la...

Soluzione all-in-one per il monitoraggio di pressione nella lavorazione del plasma

Soluzione all-in-one per il monitoraggio di pressione nella lavorazione del plasma

Il trasmettitore di pressione UPT-2x di WIKA è una soluzione completa che soddisfa i requisiti di...

Share This