ENEA si fa in 5 per l’Open Day del 28 settembre

24 settembre 2018

Più che raddoppiata quest’anno l’offerta ENEA in occasione della seconda edizione dell’Open day della Ricerca venerdì 28 settembre

 

Quest’anno infatti saranno 5 i Centri che apriranno le porte dalle ore 14.00 alle 23.30, con Portici, Trisaia e Brindisi che si aggiungono a Casaccia e Frascati nella manifestazione che permette a tutti di incontrare i ricercatori all’interno dei loro laboratori. Attraverso eventi, mostre, tour, esperimenti dal vivo e giochi, sarà possibile addentrarsi nel mondo della scienza e dell’innovazione tecnologica, guidati da scienziati, ricercatori e tecnici in un vero e proprio “viaggio” tra le eccellenze italiane.

In Casaccia si potranno visitare le 5 aree espositive e partecipare ai tour organizzati: da quello nel laboratorio di robotica dove sarà possibile incontrare Venus e Nao veri e propri robot autonomi il cui fine è quello di migliorare la qualità della vita della persona e dell’ambiente, al tour dedicato alla conoscenza degli insetti dannosi e di tutte le smart solution per una convivenza sostenibile, oppure prendere parte al seminario sui cambiamenti climatici globali e i loro effetti regionali con i risultati della ricerca ENEA.

Nel Centro di Frascati, dove entro quest’anno inizieranno i lavori per realizzare il grande polo di ricerca sulla fusione DTT (Divertor Tokamak Test), si potranno visitare proprio i laboratori dove si studia “l’energia delle stelle” con la possibilità di assistere ad un piccolo esperimento al plasma. Inoltre eventi e giochi che uniscono scienza, arte e musica, mentre i più piccoli potranno partecipare a “esplorando la ricerca… di corsa!”, una gara non agonistica con assegnazione di medaglie, gadget e foto ricordo.

Portici si potranno seguire diversi percorsi scientifici all’interno dei laboratori tra cui quello dedicato alle piante in grado di crescere in ambienti al chiuso, come centri commerciali, metropolitane, ma anche estremi, come al Polo Sud o nello spazio, il laboratorio dove si studiano e realizzano nuovi compositi sostenibili per il design e dove poter ammirare oggetti come bracciali, anelli e pendenti con inserti realizzati con fibre naturali come canapa, cotone e seta, mentre i più piccoli potranno prendere parte all’attività che porrà al centro i supereroi con i loro superpoteri e i supermateriali che non sempre seguono le leggi della fisica e della chimica.

Nel Centro della Trisaia sono previsti tour scientifici dedicati ai materiali innovativi per l’energia e la valorizzazione dei rifiuti dove si scoprirà la quantità di lavoro e di investimenti in ricerca e sviluppo che si nasconde dietro i materiali che compongono gli oggetti che usiamo tutti i giorni. Ci si potrà inoltre addentrare nel mondo dei bioprocessi e bioprodotti innovativi per i settori food e no-food dove verranno illustrate tecniche e metodi per la piena valorizzazione delle risorse biologiche, con attività specifiche per i più piccoli.

Infine a Brindisi attività e giochi con i ragazzi della startup Alumni Mathematica e in collegamento dall’estero si potrà dialogare con i talenti salentini sparsi in tutto il mondo, mentre spiegheranno cosa li ha spinti ad intraprendere la grande avventura della ricerca scientifica oltre i confini nazionali. Saranno inoltre presenti gli studenti dell’Istituto superiore “Antonietta De Pace” di Lecce che, in collaborazione con Tecnocart, realizzeranno un video promo sull’evento (anche con l’utilizzo di un drone), intervistando i partecipanti con dirette live su uno schermo gigante.

 

Fonte: ENEA

ARTICOLI CORRELATI

caprari

K+Energy: la rivoluzione DryWet per le acque reflue

La nuovissima gamma K+ Energy rappresenta una svolta epocale per il sistema “ ”, la soluzione per il raffreddamento unica...

pollutec

Pollutec: l’appuntamento d’affari della crescita verde

Pollutec oggi, è un’esposizione di soluzioni per il trattamento e la prevenzione in tutti settori ambientali, un programma di conferenze...

green economy

Green economy: Dati negativi sul clima, ma l’innovazione è in marcia

La priorità ambientale internazionale del clima non sta seguendo una traiettoria positiva

Pin It on Pinterest

Share This