Il Gruppo 9 “Torri di raffreddamento” di Assoclima si è ricostituito

2 Novembre 2016
Gruppo 9 “Torri di raffreddamento”

Assoclima, l’Associazione dei produttori di sistemi di climatizzazione federata ad Anima, ha annunciato la ricostituzione del Gruppo 9 “Torri di raffreddamento”, di cui faranno parte quattro delle società leader del comparto: Baltimore Aircoil International, Decsa, Evapco e Mita

 

Il rinnovato Gruppo 9 “Torri di raffreddamento” si propone di studiare l’evoluzione normativa del comparto, in Italia e in UE, e rappresentare i produttori di torri di raffreddamento, associati ad Assoclima, presso l’Eurovent in tutte le sedi in cui saranno discussi regolamenti e leggi per il settore.

Il coordinatore del Gruppo sarà Alessandro Fontana, AD di Mita, che a tal proposito ha dichiarato: “Una rappresentanza ufficiale della nostra industria, soprattutto ai tavoli europei, non poteva più mancare perché gli argomenti in discussione sono importanti e la situazione è in continua evoluzione. Circa una settimana fa, ad esempio, è stata ufficialmente presentata la Raccomandazione Eurovent 9/12 che indica gli obiettivi minimi di efficienza energetica per le torri di raffreddamento. Si tratta di un codice di buona pratica sviluppato in poco più di un anno grazie allo sforzo congiunto dei principali produttori europei di torri di raffreddamento che fanno parte del Product Group Evaporative Cooling Equipment di Eurovent. La nostra presenza è quindi importante soprattutto se si considera che l’Italia è il secondo produttore di torri di raffreddamento in Europa e il secondo mercato in termini di volume”.

Il Gruppo intende inoltre riportare l’attenzione dei progettisti italiani, e in particolare dei più giovani, sulle torri diassoclima-logo raffreddamento, che rappresentano soluzioni consolidate nel mercato, in grado di soddisfare le richieste delle ultime direttive in tema del risparmio energetico. Su questo tema si sono espressi Philip Montrasio, AD di Evapco Europe e Antonio Visintini, regional manager south east Europe di BAC. Secondo Montrasio, “i progettisti devono sapere che con l’evoluzione normativa in atto, in particolare per quanto riguarda gli edifici nZEB, dovranno prendere nuovamente in considerazione anche questa  tipologia di sistemi se vorranno raggiungere alti livelli di efficienza”. Visintini ha invece precisato che “rispetto ad altre apparecchiature le torri di raffreddamento hanno una minore carbon footprint e per potenze elevate la condensazione con acqua di torre è indubbiamente più efficiente dal punto di vista energetico”.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Plantvoice

Plantvoice, la startup che analizza in real-time la linfa delle piante

Una tecnologia sensoristica avanzata permette alle aziende agricole di migliorare la produttività e la qualità delle coltivazioni, incrementando la resa,...

riciclo chimico itelyum plasta rei

Economia circolare, il Gruppo Itelyum entra nel mercato del riciclo chimico della plastica

Il processo, messo a punto da Plasta Rei, permette di recuperare oltre il 95% del PET utilizzato, contribuendo significativamente alla...

nose4.0

Nose4.0, il naso elettronico che vigila sulla sicurezza delle abitazioni di Vulcano

L'innovativo ecosistema per la qualità dell’aria indoor è stato installato sull’isola per prevenire il rischio da esalazioni dal sottosuolo nelle...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

IndustryChemistry

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a: Anes  Assolombarda