Investimenti Oil&Gas: ripresa all’orizzonte ma con dubbi

14 Febbraio 2017
investimenti

La ripresa dei prezzi delle materie prime energetiche nel 2016 ha generato anche delle conseguenze all’interno del settore Oil&Gas: nel 2017 la somma degli investimenti aumenterà di circa il 3% rispetto all’anno precedente, mentre nel 2018 l’incremento sarà compreso fra il 7-14%. Seppur lievemente, si tornerà ad investire in aree che hanno subito dei drastici tagli nell’ultimo biennio

 

Tutto è iniziato nel 2015, quando le quotazioni del greggio sono passate da 102 a 25 dollari al barile: questa vertiginosa discesa del prezzo ha messo fuori mercato interi progetti di esplorazione e estrazione. Le maggiori compagnie petrolifere hanno preferito cancellare o dilazionare nel tempo investimenti importanti, per un ammontare complessivo di oltre 620 miliardi di dollari. La risultante di questo processo è stata una diminuzione del 15% degli investimenti nel settore dell’oil & gas nell’ultimo biennio.

Il comparto dell’upstream è stato sicuramente quello più colpito: gli investimenti si sono contratti del 39%, passando da 724 miliardi di dollari nel 2014 a 444 miliardi di dollari nel 2016. Le attività di esplorazione e sfruttamento dei nuovi giacimenti sono state danneggiate ancor più, tanto che da 95 miliardi di dollari di investimenti nel 2014 si è passati a 40 miliardi di dollari nel 2016, con una contrazione del 58%.

Fortunatmente nel 2017 gli investimenti complessivi nel settore dell’oil & gas aumenteranno di circa il 3% rispetto all’anno precedente, mentre nel 2018 l’incremento previsto sarà compreso tra il 7-14% (stima che oscilla a seconda della quotazione del greggio). Bisogna però sottolineare due questioni importanti: in primis il livello degli investimenti non raggiungerà di nuovo la soglia di quelli del 2014; la crescita degli investimenti riguarderà solo alcune aree del mondo, quindi non tutti i comparti della filiera oil & gas.

L’incremento dei nuovi progetti riguarderà soprattutto il Nord America, l’Asia e la Russia, inoltre nel 2017 e nell’anno successivo l’impiego di capitali su nuovi progetti si sposterà dall’upstream al downstream.

I capitali spesi nelle pipeline invece passeranno da 194 miliardi di dollari (nel periodo 2012-2016) a 203 miliardi di dollari nel periodo (2017-2021), consentendo la realizzazione di 276.000 km di nuove linee di oleodotti e gasdotti. Nord America e Asia saranno i protagonisti principali in questo campo, infatti deterranno insieme una quota complessiva del 53% degli investimenti.

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Rubix si rafforza nel settore della lavorazione materie plastiche

Rubix si rafforza nel settore della lavorazione materie plastiche

Rubix incorpora Barlotti Srl, da più di quarant'anni punto di riferimento per quanto riguarda le lavorazioni delle materie termoplastiche e...

Nasce il tavolo di lavoro di Federazione Gomma Plastica dedicato all’energia

Nasce il tavolo di lavoro di Federazione Gomma Plastica dedicato all’energia

Il tavolo, formato da delegati delle aziende associate, si pone l’obiettivo di ascoltare le esigenze dei due settori industriali rappresentati...

mct

Tutto pronto per mcT Oil&Gas: appuntamento il 24 novembre a Milano

mcT Oil&Gas vi aspetta il 24 novembre 2022 a Milano, in concomitanza con mcT Idrogeno, mcT ATEX ed mcT Cyber...

Share This