Le nuove sfide dell’Automazione nell’industria Life Science

6 Luglio 2020
Automazione

Trasformatosi in evento digitale per la sua seconda edizione, si è tenuto giovedì 25 giugno Automation Day, una giornata intera dedicata all’Automazione in campo farmaceutico e Life Science.

Dopo una breve introduzione sullo svolgimento della giornata virtuale, si è passati alla presentazione di Michele Candia, Project Manager and Serialization expert  Delpharm, riguardante i requisiti di tracciabilità farmaceutica dei prodotti. Le aziende stanno affrontando, infatti, ogni giorno grandi flussi di cambiamenti soprattutto nella gestione dei dati per salvaguardare la compliance e la sicurezza dei prodotti immessi in commercio.

 

In questa prospettiva i requisiti regolatori imposti da diversi paesi hanno richiesto l’adattamento dei sistemi aziendali e delle linee di confezionamento in modo da poter assegnare un codice seriale univoco a ciascun astuccio di prodotto.

In seguito Giovanna Iannuzzi, CEO Ympronta, ha introdotto l’argomento della Data Integrity. Dopo aver spiegato e definito il concetto di Data Integrity e i vari livelli raggiungibili all’interno delle aziende, Iannuzzi ha voluto sottolineare l’importanza dell’automazione a garanzia di un ottimizzata Data Integrity. La digital Data Integrity, che per alcune aziende risulta un costo, diventa invece un investimento che consente un abbattimento dei costi sistemici, un miglioramento delle skills del personale, nonché dei livelli di soddisfazione personale.

Andrea Pedna, Senior Manager m-Squared Consulting, ha proseguito la discussione evidenziando come l’utilizzo del Data Integrity si inserisca nella struttura di qualità aziendale. L’integrità dei dati è imposta in un sistema fin dalla fase della sua progettazione attraverso l’uso di regole standard e procedure ed è mantenuta attraverso il controllo di errori procedurali ed operativi e routine di convalida.

Il Dr. Luca Sala, Validation Manager, Cordenpharma, ha successivamente approfondito ulteriormente il tema della validazione, presentando gli step necessari per poterla affrontare in maniera adeguata e offrendo diversi spunti di riflessione sia tecnici che etici. Pur impostando correttamente gli user requirements si deve monitorarne la robustezza in modo da individuare i punti deboli rafforzandoli per evitare delle corruzioni future.

Dalla questione sulla sicurezza dei dati ha preso le mosse l’intervento del Dr. Gian Paolo Baranzoni, Consulente senior ICT, svelando gli strumenti e le strategie adeguate per ottenere la cybersecurity in azienda, indispensabile per poter operare in sicurezza. Per ottenere sicurezza, automazione, qualità ed efficienza occorre mantenersi al passo con lo sviluppo tecnologico, sfruttando attivamente le tecnologie, conoscendole e gestendole per ottenere quello di cui abbiamo bisogno.

La serie di interventi si è conclusa con la presentazione di Manuel Bellasi, CEO m-Squared Consulting, che ha spiegato il passaggio da un sistema OT, con tutti i suoi limiti, a un sistema IOT, fino ad arrivare all’IIOt, in particolare nei settori di produzione. La sfida per le imprese starà nell’affrontare un percorso di innovazione digitale che permetta la convergenza di IT e OT mantenendo la competitività aziendale.

Automation Day, organizzata da m-Squared Consulting, si è confermata un’occasione di confronto per capire e affrontare i cambiamenti che l’innovazione tecnologica ha portato con l’industria 4.0 attraverso analisi, case history reali e testimonianze di professionisti che giornalmente affrontano la sfida dell’automazione industriale.

 

ARTICOLI CORRELATI

Reazione

La prima simulazione di una reazione chimica con un computer quantistico

I ricercatori hanno ricostruito una reazione con una molecola di diazene, che consiste di due atomi di azoto e due...

sistemi di accumulo

La sicurezza nei sistemi di accumulo non è negoziabile

La sicurezza del sistema d’accumulo MyReserve Matrix è stata recentemente confermata dai test eseguiti dall'autorità di sorveglianza del mercato tedesco...

Ananas Liver

Ananas Liver ha vinto l'Open Accelerator di Zambon Group

Le nanoparticelle smart ed eco-friendly per curare le malattie autoimmuni del fegato vincono il primo premio

Pin It on Pinterest

Share This