Nuovo impianto di trigenerazione by Cefla

30 Dicembre 2021
Nuovo impianto di trigenerazione by Cefla

L’impianto di trigenerazione a gas naturale è il secondo fornito da Cefla a Plastisavio e permetterà la completa autoproduzione dell’energia necessaria alla produzione, con un risparmio fino a 9.000ton CO2/anno.

 

Plastisavio, azienda che concentra il proprio know how nel settore della laminazione per il packaging industriale e alimentare, ha scelto Cefla per la realizzazione di un nuovo impianto di trigenerazione di ultima concezione, nell’ambito di uno sfidante piano di investimenti previsto per il 2022.

 

La Business Unit Engineering di Cefla si pone come partner per i clienti industriali sostenendoli nel percorso di configurazione dell’assetto energetico ed impiantistico che ne consegue, in particolar modo per i nuovi stabilimenti. Questo avviene attraverso un percorso condiviso a quattro mani con il committente: costruzione dell’architettura impiantistica ed energetica, ingegnerizzazione del contenuto, realizzazione dell’opera e conseguente manutenzione di tutto quanto viene installato.

 

Cefla realizzerà per Plastsavio un impianto di trigenerazione a gas naturale, basato su un motore endotermico da 2,3MWe in grado di soddisfare gli autoconsumi energetici dell’azienda, sia elettrici che frigoriferi, fino ad un massimo di 1,6MWf con l’ausilio di un sistema ad assorbimento frigorifero.

Il progetto segue la fornitura di un primo impianto di trigenerazione da 1,2MWe, che Cefla ha realizzato nel 2020, che già era in grado di garantire l’autoproduzione energetica in maniera efficiente rispetto ai sistemi tradizionali di approvvigionamento (energia elettrica dalla rete), con un risparmio di emissioni di CO2 fino a 3.000ton per anno. Con questo secondo intervento che verrà realizzato nel 2022, Plastisavio riuscirà ad autoprodursi completamente l’energia necessaria al processo produttivo, con un saving totale fino a 9.000ton di CO2 per anno.

 

“Un importante investimento, per il prossimo anno, riguarda il settore energetico. Oltre ad abbattere le emissioni e produrre di più, potremo recuperare il 100% dell’energia termica del motore in energia figorifera per il processo, ed anche per il riscaldamento degli ambienti di produzione, e l’essicazione dei materiali da riciclo. Abbiamo predisposto l’impianto per poter nel prossimo futuro realizzare anche in collaborazione con il comune di Mercato Saraceno un impianto di teleriscaldamento per le scuole del comune e per la piscina comunale. Il progetto è molto ambizioso” conferma Pierpaolo Rossi, Direttore Generale di Plastisavio.

 

“Malgrado il 2020 sia stato un anno molto difficile, a tratti drammatico per tantissime aziende, abbiamo confermato e conservato un ottimo bilancio. Per noi, questo è motivo di grande orgoglio ed una spinta per continuare a far sempre meglio e proporre importanti novità. Una su tutte, proseguire ad investire sul settore energetico, con l’acquisizione della società tedesca Plant Engineering GmbH specializzata nella progettazione e realizzazione di centrali elettriche di cogenerazione, centrali a biomassa e servizi di ingegneria impiantistica nel settore Energy” ricorda il Managing Director della Bu Engineering Massimo Milani.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Primo impianto di accumulo al mondo dotato di batterie alla CO2

Primo impianto di accumulo al mondo dotato di batterie alla CO2

La tecnologia di Energy Dome permette di conservare l'energia alla metà del costo dei sistemi che utilizzando batterie agli ioni...

mcTER 2022 torna a Milano il 23 giugno

mcTER 2022 torna a Milano il 23 giugno

Grande attesa per l’evento di riferimento per Cogenerazione, Idrogeno, Bioenergie e Smart Efficiency.

Wärtsilä sperimenta la miscelazione di idrogeno verde

Wärtsilä sperimenta la miscelazione di idrogeno verde

In test miscele di idrogeno verde e gas naturale per alimentare la centrale elettrica portoghese di Capwatt incorporando energia rinnovabile.

Share This