Pfizer acquisisce Arena Pharmaceuticals

17 Dicembre 2021
Pfizer acquisisce Arena Pharmaceuticals

L’accordo permetterà a Pfizer di adottare un approccio differenziato best-in-class per rispondere alle esigenze insoddisfatte di un più ampio numero di soggetti con malattie immuno-infiammatorie.

 

Pfizer espande la sua pipeline innovativa a vantaggio della crescita potenziale fino al 2025 con l’acquisizione di Arena Pharmaceuticals, società biofarmaceutica che sviluppa nuove terapie cliniche in ambito di gastroenterologia, dermatologia e cardiologia.

 

Secondo i termini dell’accordo, Pfizer acquisirà tutte le azioni in circolazione di Arena per $100 per azione in una transazione interamente in contanti per un valore totale di circa $ 6,7 miliardi. I consigli di amministrazione di entrambe le società hanno approvato l’operazione all’unanimità.

 

Il portafoglio di Arena comprende diversi e promettenti candidati terapeutici in fase di sviluppo, tra cui etrasimod, un modulatore orale e selettivo del recettore della sfingosina 1-fosfato (S1P) attualmente studiato per una serie di malattie immuno-infiammatorie, tra cui gastrointestinali e dermatologiche.

“La proposta acquisizione di Arena integra le nostre capacità e competenze in Infiammazione e Immunologia, un motore di innovazione Pfizer che sviluppa potenziali terapie per pazienti con malattie immuno-infiammatorie debilitanti che necessitano di opzioni di trattamento più efficaci”, ha affermato Mike Gladstone, Global President & General Manager, Pfizer Infiammazione e Immunologia. “Utilizzando le principali capacità di ricerca e sviluppo globale di Pfizer, prevediamo di accelerare lo sviluppo clinico di etrasimod per i pazienti con malattie immuno-infiammatorie”.

 

Arena ha creato un solido programma di sviluppo per etrasimod, che comprende due studi di Fase 3 nella colite ulcerosa (CU), un programma di Fase 2/3 nella malattia di Crohn, un programma di Fase 3 pianificato nella dermatite atopica e studi in corso di Fase 2 nell’esofagite eosinofila e alopecia areata.

Nella CU, lo studio di Fase 2 randomizzato, controllato con placebo, a dosaggio variabile (OASIS) ha valutato l’efficacia e la sicurezza di etrasimod in pazienti con CU da moderata a grave per 12 settimane rispetto al placebo. Nello studio, la maggior parte dei pazienti che hanno ottenuto risposta clinica, remissione clinica o miglioramento endoscopico alla settimana 12 hanno manifestato effetti prolungati o migliorati fino alla settimana 46 con etrasimod 2 mg nell’estensione in aperto. Etrasimod ha anche dimostrato un profilo rischio/beneficio favorevole, coerente con i risultati di sicurezza riportati nella parte in doppio cieco di OASIS. I risultati sono incoraggianti poiché rimane una significativa esigenza insoddisfatta di terapie orali sicure ed efficaci nella CU per i pazienti con risposta inadeguata, perdita di risposta o intolleranza alle terapie convenzionali o avanzate. Lo studio OASIS ha supportato il progresso degli studi ELEVATE UC 52 e UC 12.

 

La pipeline di Arena include inoltre due risorse cardiovascolari in fase di sviluppo, temanogrel e APD418. Temanogrel è attualmente in Fase 2 per il trattamento dell’ostruzione microvascolare e del fenomeno di Raynaud secondario alla sclerosi sistemica. APD418 è attualmente in Fase 2 per l’insufficienza cardiaca acuta.

 

“Siamo lieti di annunciare la proposta di acquisizione di Arena da parte di Pfizer, riconoscendo la migliore molecola S1P di Arena e il nostro contributo nell’affrontare le esigenze insoddisfatte nelle malattie infiammatorie immuno-mediate”, ha affermato Amit D. Munshi, Presidente e Amministratore delegato di Arena. “Le capacità di Pfizer accelereranno la nostra missione di offrire i nostri importanti farmaci ai pazienti. Riteniamo che questa transazione rappresenti il miglior passo successivo sia per i pazienti che per gli azionisti”.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Al via la nona edizione del Paperless Lab Academy®

Al via la nona edizione del Paperless Lab Academy®

Il Paperless Lab Academy® torna ad aprire le sue porte a sponsor e visitatori, con un evento live il 26-27...

Prospettive 2022 dell’industria chimica in Italia

Trend 2022 dell’industria chimica italiana

Un report di Federchimica fa il punto della situazione del settore, in fase di rapida ripresa, e delle prospettive future.

trazione

Prove di trazione e compressione a prezzi contenuti

La nuova serie 8427 di Burster è un sensore robusto, facilmente integrabile in prove di tenuta tra cavi o catene.

Share This