Recupero di energia termica del 62% annuo in un’azienda farmaceutica: primo passo per guadagnare dal cogeneratore

30 novembre 2018
ego

Monitoraggio e valorizzazione dei certificati bianchi alla base del nuovo servizio EGO, che prevede anche fornitura di gas e ritiro dell’energia elettrica prodotta in eccedenza

 

Gli impianti di cogenerazione sono complessi, e spesso nascondono inefficienze che possono essere ottimizzate. L’intervento fatto da EGO in un’azienda farmaceutica ha permesso un recupero misurato di energia termica del 62%, con una stima di risparmio annuale di circa 120 mila euro, oltre a un importante incremento dei Certificati Bianchi ottenibili.

 

L’azienda, che ha un’attività produttiva in ciclo continuo, 24 ore al giorno, per sette giorni alla settimana, ha incaricato EGO di seguire le pratiche per la richiesta dei titoli di efficienza energetica legati all’inserimento di un sistema di trigenerazione da 2.000 kWe, con potenza termica di 1.944 kW, 17.000 MWh di energia elettrica prodotta in un anno, 8.500 ore di esercizio.  Di fatto un’azione circoscritta all’ottenimento dei certificati bianchi, ma EGO non si è fermata qui, e con l’obiettivo di fornire al cliente una visione globale ha incrociato i dati di risparmio con i consumi globali di gas dello stabilimento: un primo passo verso la redazione del bilancio energetico per valutare l’efficienza dello stabilimento e non del solo impianto.

Queste sono state le premesse all’attività di monitoraggio, per analizzare e controllare da remoto i dati di consumo e di efficienza degli impianti frigoriferi, degli impianti ad aria compressa oltre che del sistema di trigenerazione. EGO ha infatti sviluppato una piattaforma proprietaria in grado di integrare i dati provenienti da sensori e/o contatori installati sugli impianti dei clienti, quindi registrare in tempo reale i dati di misura da analizzare per verificare eventuali inefficienze e quindi ottimizzare i consumi.

Trattandosi di un progetto complesso si è deciso di procedere per gradi: primo passo il monitoraggio del sistema di trigenerazione sulla base dei dati prelevati direttamente dall’impianto, secondo passo l’estensione agli impianti produttivi con contatori forniti da EGO,  con lettura e gestione dei dati da remoto. La capacità di integrare dati provenienti da fonti diverse è elemento indispensabile per potere dare un servizio di monitoraggio di qualità.

“Procedere per gradi si è dimostrata una scelta vincente: dopo solo due mesi dall’inizio del monitoraggio, circoscritta al sistema di trigenerazione, è stata scoperta un’inefficienza nella gestione dell’impianto risolta modificando la regolazione di due valvole manuali. Il risultato è stato una maggior efficienza in termini di energia termica prodotta, con interessanti risparmi economici oltre a un incremento dei certificati bianchi”, afferma Fiorenzo Rainone, responsabile commerciale dei servizi di efficienza energetica del Gruppo EGO.

Dall’esperienza maturata dal gruppo nei servizi di efficienza energetica e nel trading dell’energia da fonti distribuite è nata l’offerta EGO per i proprietari di impianti di cogenerazione che comprende, oltre al monitoraggio dell’impianto e all’ottimizzazione della produzione, il trading dei certificati bianchi, la fornitura del gas naturale per alimentare il cogeneratore e il ritiro di eventuali eccedenze di energia elettrica.

 

Fonte: Updating

ARTICOLI CORRELATI

impianto sperimentale

Al campus un nuovo impianto sperimentale per la trasformazione di biomasse vegetali con recupero energetico

Innovativo impiant sperimentale di pirogassificazione per la trasformazione di biomasse vegetali in biochar con recupero energetico.

expomove

Passato, presente e futuro della mobilità elettrica e sostenibile

Monitoraggio e valorizzazione dei certificati bianchi alla base del nuovo servizio EGO, che prevede anche fornitura di gas e ritiro...

EnergyOpportunity

Le opportunità dell’energia: 4 nuovi modi di gestire l’energia per migliorare le performance aziendali

Pubblicata l’ultima guida sulle opportunità dell’energia di Centrica: un taglio del 20% del costo dell'energia può avere lo stesso effetto...

Pin It on Pinterest

Share This