Scatta il 26 maggio IVS WARM-UP, 2 giorni di conferenze tecniche online in vista di IVS 2022

24 Maggio 2021
IVS warm-up

I giorni 26 e 27 maggio 2021, IVS incontra in live streaming la filiera delle valvole industriali per discutere di digitalizzazione, sostenibilità, manifattura additiva e delle sfide che attendono il settore

 

In preparazione ad una storica ed attesa edizione di IVS – Industrial Valve Summit, gli organizzatori Confindustria Bergamo e Ente Fiera Promoberg lanciano IVS WARM-UP On-line Technical Conference, una “due giorni” di convegni e conferenze a tema tecnico-scientifico che si svolgerà il 26 e 27 maggio in modalità rigorosamente online.

 

Date dalla valenza simbolica, visto che coincidono con le giornate scelte per ospitare la quarta edizione di IVS prima che il summit fosse posticipato al 25 e 26 maggio 2022 a causa della situazione epidemiologica globale. A curare i cicli di conferenze sarà ValveCampus, «think tank» dell’industria valvoliera italiana, da sempre partner scientifico di riferimento di IVS.

L’appuntamento sarà l’occasione per presentare e sviluppare i contenuti a più alto livello di innovazione tra i documenti presentati in occasione della Call for Papers indetta per la quarta edizione di IVS. Tra i temi cardine di IVS WARM-UP si evidenziano la digitalizzazione, la sostenibilità dei processi produttivi e la manifattura additiva. Argomenti di stretta attualità, per cui il settore ha manifestato sensibilità ed interesse. I contenuti saranno ripresi in occasione delle conferenze tecnico-scientifiche di IVS 2022, per cui gli organizzatori lanceranno una nuova Call for Papers, e diventeranno parte di una piattaforma online di conoscenze condivise con accesso libero e continuo, per rilanciare il concetto di formazione e innovazione permanente.

La discussione scientifica riguarderà gli attuatori, le tecnologie di controllo nell’ambito delle smart technologies e l’abbattimento delle fugitive emissions applicato alle guarnizioni. Saranno inoltre esaminati gli sviluppi e le prospettive nel design delle valvole di sicurezza, nei processi di manifattura, nei rivestimenti e nelle tecnologie anticorrosione. Avrà un rilievo particolare il tema dell’innovazione, unito alle tecnologie di recente adozione e alla ricerca sull’utilizzo di nuovi materiali. Nelle conferenze si approfondiranno gli standard internazionali e le specifiche delle forniture oltre alla gestione e alla revisione della documentazione tecnica. Attenzione anche alle più innovative pratiche di collaudo e alle tecnologie di ispezione da remoto.

Il programma si compone di quattordici memorie tecnico-scientifiche suddivise in quattro sessioni tematiche e saranno proposte in lingua inglese. I convegni saranno trasmessi sul sito internet di IVS mentre, a conclusione degli interventi, ci sarà l’opportunità di porre domande ai relatori. A chiudere il programma sarà una tavola rotonda in cui si analizzerà l’impatto della pandemia sul settore delle valvole industriali e dell’energia. L’appuntamento farà il punto sullo stato dell’arte della filiera globale e analizzerà gli scenari futuri e le sfide che attendono l’industria delle valvole.

Gli Organizzatori puntano molto su IVS 2022 come edizione di rilancio del settore dopo un biennio turbolento oltre che del sistema economico bergamasco. L’obiettivo è di proseguire il percorso di crescita della fiera testimoniato dal crescente numero di visitatori, di espositori e del traffico sui canali di comunicazione. La terza edizione del summit ha richiamato nel capoluogo orobico più di 250 aziende e quasi 11.000 visitatori, numeri superiori del 36% rispetto alle 8.000 presenze fatte segnare nell’edizione 2017 e triplicati in confronto alle 3.500 registrate nel 2015. Si sono quadruplicati gli accessi al sito internet della fiera nei mesi che precedono il momento espositivo, passando dai 70 mila registrati nel 2017 ai 300 mila del 2019.

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

plastica riciclata

Additivi che migliorano la qualità della plastica riciclata

BASF lancia una nuova gamma di additivi che migliorano la qualità del materiale poliolefinico post-consumo e post uso industriale per...

La tecnologia waste-to-methanol converte chimicamente rifiuti urbani altrimenti smaltiti in discarica o avviati all’incenerimento, in un gas di sintesi da cui si ottiene il metanolo.

Patto per la tecnologia 'waste to methanol'

MyRechemical e Johnson Matthey cooperano per sviluppare commercialmente la tecnologia 'waste-to-methanol' a livello mondiale e...

Nuovi prepolimeri Low-Free di LANXESS

Nuovi prepolimeri Low-Free di LANXESS

Dall'azienda leader nella produzione di specialità chimiche LANXESS arrivano due nuovi prepolimeri a bassissimo contenuto di diisocianato...

Share This