Trigenerazione E.ON per Amcor: sostenibilità e rispetto del paesaggio

25 Marzo 2021
Amcor

In funzione il nuovo impianto di cogenerazione realizzato da E.ON presso lo stabilimento produttivo Amcor Flexibles di Lugo di Vicenza (VI), in grado di evitare l’emissione di oltre 3.000 tonnellate di CO2 ogni anno

 

È entrato in funzione il nuovo impianto di trigenerazione, della potenza di 3 MW, che alimenta lo stabilimento produttivo di Lugo di Vicenza (VI) di Amcor Flexibles, gruppo internazionale del settore del packaging, che a Lugo produce imballaggi flessibili per i settori alimentare, farmaceutico e cosmetico.

 

Lo stabilimento è situato in un’area industriale in provincia di Vicenza, a breve distanza da Villa Godi Malinverni, nota villa Palladiana inserita nella lista Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Per non turbare l’aspetto paesaggistico è stato richiesto a E.ON, in fase autorizzativa, di piantare rampicanti sulla recinzione dell’impianto e una cornice di alberi per preservare l’impatto visivo dei visitatori della villa. Un esempio di attenzione all’ambiente  che si aggiunge al valore della cogenerazione proposta da E.ON in forma di servizio, in base alla quale l’operatore energetico, proprietario dell’impianto, si fa carico di tutto, dalla progettazione del sistema di cogenerazione alla fase realizzativa, incluse le procedure di autorizzazione, fino alla gestione dell’impianto che preleva gas metano dalla rete e lo converte in energia elettrica e termica che vengono forniti al cliente a tariffe convenienti. In questo caso l’iter autorizzativo ha richiesto la progettazione e l’impegno a realizzare una infrastruttura di piante per non alterare il panorama della zona. Al termine della procedura di attivazione e collaudo dell’impianto sono stati quindi piantati un rampicante a copertura della recinzione e una fascia arbustiva di specie autoctona e 37 alberi adulti.

L’impianto, dalla potenza installata di 3 MW, fornirà simultaneamente al sito l’energia elettrica, termica e frigorifera necessaria alla produzione di film accoppiati per la realizzazione di imballaggi ad alte prestazioni per i settori alimentare, farmaceutico e cosmetico. Con un’efficienza pari all’84,3%, la nuova centrale di trigenerazione consente allo stabilimento una riduzione delle emissioni di oltre 3.000 tonnellate di CO2 ogni anno. 

Il progetto dell’impianto di trigenerazione è stato avviato da una procedura di gara attivata dalla sede di Bruxelles. Il contratto decennale siglato con E.ON prevede la fornitura di 14.800 MWhe/anno di energia elettrica, 4.600 MWht/anno di calore ad alta temperatura (olio diatermico), 5.000 MWht/ anno energia termica media temperature (acqua calda), 4.250MWhf/anno energia frigorifera. L’acqua calda, che circola in un anello di distribuzione interno allo stabilimento realizzato insieme all’impianto, è utilizzata per riscaldamento ambientale e per alimentare alcune utenze di processo rese più efficienti grazie alla conversione da olio diatermico ad acqua calda.. Le caldaie e i gruppi frigoriferi preesistenti sono mantenuti e utilizzati come back-up. L’impianto, della potenza di 3 Megawatt, è composto da due motori di cogenerazione da 1,56 MW, due caldaie da 3 MW ciascuna, un assorbitore da 1200 kWf e due caldaie a gas da 3 MW ciascuna utilizzate per integrazione e back-up. Ciascun motore e i rispettivi sistemi di recupero producono 832 kWt energia termica per raffreddamento, 371 kWt acqua calda, 466 kWt olio diatermico . Complessivamente si tratta quindi di 2×1203 kWt in acqua calda prevalentemente per climatizzazione,  e 2×466 kWt in olio diatermico per utenze di processo, fino a 1.714 kWt di acqua calda per alimentare l’assorbitore che produce fino a 1.200 kWf di energia frigorifera.

La collaborazione con Amcor rafforza la leadership di E.ON nell’ambito della cogenerazione, tecnologia ormai matura, in grado di contribuire alla  sostenibilità e alla competitività delle aziende produttive, consentendo un uso più efficiente delle risorse energetiche che riduce le emissioni e libera risorse da destinare al core business” ha commentato Alberto Radice, Managing Director di E.ON Business Solutions. “L’intervento di mitigazione paesaggistica realizzato presso lo stabilimento di Lugo di Vicenza, contribuisce a rendere il sito integrato nel contesto ambientale del territorio”.

Sono fiera della realizzazione di questo progetto” ha dichiarato Elena Peron, Amministratore Delegato di Amcor Flexibles Italia.Un progetto complesso, ma molto proficuo. Siamo orgogliosi di lavorare a fianco di E.ON, un esperto del settore e un partner affidabile che soddisferà senza dubbio le nostre aspettative. Questo impianto porta benefici al nostro business e al tempo stesso alla Comunità Locale e all’ambiente, come sempre ci prefiggiamo di fare in Amcor, dove salute, sicurezza e ambiente occupano il primo posto nella scala delle priorità”. 

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Effetto digitale

Intervista: 'Effetto digitale. Visioni d'impresa e Industria 5.0'

Per capire come il tessuto imprenditoriale italiano stia affrontando la trasformazione digitale, quali problematiche incontri e quali siano i...

Savio

Savio Industrial: meno 10.000 tonnellate all’anno di CO2 grazie alla cogenerazione di AB

I temi legati alla transizione ecologica ed energetica in Europa e in Italia sono al centro delle agende dei governi...

Johnson & Johnson

Johnson & Johnson sigla dei nuovi accordi per la fornitura di energia eolica e solare

Johnson & Johnson ha annunciato che l'azienda ha sottoscritto tre diversi Virtual Power Purchase Agreement...

Share This