Unita di cogenerazione 2G per due impianti biogas in Piemonte

14 Settembre 2016
impianti biogas in Piemonte

Motori ottimizzati 2G delle linee filius e agenitor sono stati recentemente installati negli impianti di biogas all’interno di due imprese agricole del Piemonte. I due progetti hanno visto la perfetta collaborazione tra l’azienda leader nelle tecnologie per la cogenerazione e l’impresa impiantistica locale Maiez.

 

Due imprese hanno deciso di installare delle unità di cogenerazione 2G per i propri impianti: si tratta dell’Azienda Bosco Varetto, specializzata nell’allevamento di suini, e dell’Azienda I Tigli, che alleva tori, due realtà agricole del Piemonte che hanno optato rispettivamente per i modelli agenitor 408 e filius 404. Alla costruzione dei due impianti ha collaborato anche Maiez, impresa torinese che realizza impianti elettrici e biogas.

L’impianto di Bosco Varetto utilizza per la parte biologica un digestore bistadio in tecnologia Corradi-Ghisolfi che funziona grazie al letame e al liquame derivato dall’allevamento. All’interno dell’unità di cogenerazione 2G agenitor 408, con una potenza di 300 kW elettrici, viene bruciato il biogas. Il modello 408 è di recente progettazione e utilizza un motore ottimizzato con tecnologie esclusive 2G. L’energia elettrica prodotta in questo modo viene immessa in rete mediante una cabina di trasformazione Maiez; il cogeneratore si trova in un locale tecnico ad hoc realizzato in muratura.

Il funzionamento dell’impianto de I Tigli si basa invece su un digestore monostadio in tecnologia Agrikomp prodotto da Maiez, alimentato dal letame dei tori e da liquame ottenuto da imprese che operano nelle vicinanza. Qui è stata installata l’unità di cogenerazione filius 404 da 100 kW elettrici, specifica per impianti biogas di modersta potenza. L’unità di cogenerazione si trova in un container insonorizzato, con generatore elettrico e componente di gestione elettronica. L’impianto de I Tigli è il primo creato in Italia con filius 404, modello che si caratterizza per elevati rendimenti e bassi costi di gestione.

“I due nuovi impianti realizzati in collaborazione con Maiez”, ha dichiarato Christian Manca, CEO di 2G Italia, “dimostrano una volta di più che i clienti oggi chiedono unità di cogenerazione affidabili, ingegnerizzate in modo industriale e ottimizzate in vista dell’obiettivo: massimo rendimento in termini di energia elettrica prodotta, massimo uptime, quindi controllo remoto del funzionamento per prevenire i guasti, minimi costi e tempi rapidi di gestione e manutenzione. Per ottenere questi risultati, sono necessari investimenti in ricerca e sviluppo. Oggi 2G è l’unica azienda di cogenerazione, e non quindi un’azienda principalmente di motori, a farlo”.

094-2g

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

La transizione green delle batterie parla Italiano

La transizione green delle batterie parla Italiano

NTE Process è l’unica società italiana qualificata per turnkey di impianti batterie SemiSolid per la produzione di batterie agli ioni...

Energia rinnovabile in Lafert

Lafert sceglie Samso per l'autoproduzione di energia rinnovabile

In corso l’installazione del grande impianto fotovoltaico con potenza pari a 345 kW del nuovo stabilimento Lafert.

Infrastrutture: gli Emirati Arabi scelgono la Puglia

Infrastrutture: gli Emirati Arabi scelgono la Puglia

Siglata una joint venture tra l’emiratina Danway, leader nelle infrastrutture elettriche e strumentazione impiantistica, e la pugliese Tecnomec Engineering. 

Share This