USA: aziende pharma accusate di gonfiare i prezzi dei farmaci

17 Maggio 2019
Farmaci

Tra loro ci sono Teva, Pfizer e Novartis: una causa presentata negli Stati Uniti sostiene che si siano accordate per alzare i prezzi di medicinali usati anche contro cancro, HIV e diabete

 

Quarantaquattro stati degli Stati Uniti hanno fatto causa a venti aziende farmaceutiche accusandole di essersi messe d’accordo per gonfiare i prezzi di alcuni importanti farmaci generici. Tra le aziende farmaceutiche accusate ci sono Teva, Pfizer, Novartis e Mylan, alcune delle più importanti del mondo.

 

La causa è stata formalmente presentata dal procuratore generale del Connecticut, William Tong, ed è il risultato di cinque anni di indagini: si fonda sull’accusa che le aziende farmaceutiche coinvolte abbiano fissato i prezzi di alcuni farmaci di comune accordo, aumentandoli anche del 1000 per cento nel periodo tra luglio del 2013 e gennaio 2015.

«Abbiamo le prove per dimostrare che l’industria farmaceutica ha perpetrato una truffa multimiliardaria ai danni del popolo americano», ha detto il procuratore generale Tong, definendola «una gravissima violazione delle leggi sulla concorrenza».
«Abbiamo email, messaggi, intercettazioni telefoniche e testimonianze di ex impiegati, e siamo convinti che dimostrino che le aziende farmaceutiche hanno cospirato per anni per fissare i prezzi e dividersi quote di mercato per un grandissimo numero di farmaci generici».

I farmaci il cui prezzo potrebbe essere stato gonfiato comprendono alcuni molto usati per trattare il diabete, il colesterolo alto e l’asma. Ci sono anche contraccettivi, antidepressivi e anticoagulanti, farmaci utilizzati nelle terapie contro l’HIV e il cancro. Teva e Pfizer, due delle più importanti aziende farmaceutiche al mondo, hanno negato le accuse: le altre citate nella causa non hanno ancora diffuso comunicazioni pubbliche.

ARTICOLI CORRELATI

Siad

Nasce il premio Siad Oicce per promuovere la ricerca dei gas tecnici in viticoltura ed enologia

Con 6 mila euro e una medaglia il gruppo chimico bergamasco premia i migliori progetti di ricerca che...

Lanxess

Lanxess completa la vendita del cromo a Brother

Lanxess ha completato la vendita della sua divisione Chrome Chemicals. L’acquirente è Brother Enterprises, produttore cinese di ausiliari chimici

h3i

H3i 2020, torna a Milano l'evento dedicato alla detergenza, dalla materia prima alle formulazioni

H3i è dedicato alle materie prime, ingredienti, formulazioni e servizi utilizzati nella realizzazione di...

Pin It on Pinterest

Share This