Achema 2022 affronta le questioni chiave del settore: digitalizzazione e sostenibilità

6 Luglio 2022
Achema 2022 affronta le questioni chiave del settore: digitalizzazione e sostenibilità

Oltre alla trasformazione verso un’industria chimica climaticamente neutra e al tema costante della digitalizzazione, l’attuale situazione politica globale pone enormi sfide anche all’industria di processo. Achema 2022 offre risposte e soluzioni.

 

L’Europa punta a diventare climaticamente neutra entro il 2050. In linea con questo traguardo, l’industria chimica sta lavorando a tecnologie adatte a raggiungere questo obiettivo. Quali sono le opportunità, le sfide e gli ostacoli?

 

Queste domande verranno affrontate all’evento di apertura di Achema intitolato “Industria chimica neutrale dal punto di vista climatico” il 22 agosto 2022 dalle 17:00, al termine del primo giorno di esposizione. Dopo il discorso di benvenuto e l’apertura di Achema da parte di Klaus Schäfer, Chief Technology Officer di Covestro AG e Presidente di DECHEMA e.V., Martin Brudermüller, Presidente di CEFIC – The European Chemical Industry Council e CEO di BASF SE, presenterà la prospettiva dell’industria chimica europea nel suo discorso di apertura.

Le sfide e le soluzioni per un futuro più sostenibile verranno affrontate anche dalla “Green Innovation Zone”: quest’area speciale riunisce pionieri, esperti e fornitori di soluzioni dell’industria, della politica e della scienza con decisori e utenti. La Green Innovation Zone metterà in evidenza le innovazioni verdi e le sfide affrontate dall’industria di processo nel suo cammino verso una produzione climaticamente neutra.

 

Digital Hub e Digital Lab per la digitalizzazione 

Il tema della digitalizzazione ha finalmente conquistato un primo posto nell’agenda dell’industria di processo. A questo contribuisce il nuovo cluster espositivo “Digital Hub”: il punto di incontro centrale per gli esperti digitali e tutti i partecipanti interessati o coinvolti attivamente nella trasformazione digitale dell’industria di processo.

Un totale di sei casi d’uso per il laboratorio connesso e digitalizzato saranno presentati presso la Digital Lab Action Area, lo smart lab di domani da vivere, toccare e provare. I produttori di apparecchiature e software dimostreranno soluzioni trasversali di digitalizzazione utilizzando esempi pratici pertinenti. Lo spettro spazia dai processi di lavoro assistiti da Cobot per la preparazione e l’analisi dei campioni, al controllo di processo orientato all’utente con i Laboratory Execution Systems, fino a soluzioni di apparecchiature connesse orizzontalmente e verticalmente, ma adattabili in modo modulare con la prospettiva di realizzare un’infrastruttura di laboratorio condivisa e una perfetta integrazione tra input del campione e qualità dei risultati dell’analisi. Software e soluzioni innovative per dispositivi sono supportati dal Laboratory & Analytical Device Standard (LADS) per OPC UA.

 

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Soluzioni chiavi in mano per l’estrazione di CBD e THC

Soluzioni chiavi in mano per l’estrazione di CBD e THC

De Dietrich Process Systems amplia il suo raggio di azione arrivando a coprire tutte le fasi del processo con impianti...

Risultati del progetto Skillmatch Insubria per il settore chimico farmaceutico

Risultati del progetto Skillmatch Insubria per il chimico farmaceutico

L’indagine Skillmatch, condotta dalle Università italiane LIUC e Uninsubria e dalla svizzera SUPSI, approfondisce l’incontro tra domanda e offerta di...

La chimica è il cuore pulsante della natura

La chimica è il cuore pulsante della natura

In ogni nuovo progetto di R&D di Lamberti vengono analizzati gli impatti ambientali, economici e di fattibilità con una procedura...

Share This