Bioreattore con Landfill Mining per la migliore gestione ciclica dei rifiuti

30 Settembre 2021
Bioreattore con Landfill Mining per la migliore gestione ciclica dei rifiuti

Arriva in Sicilia un sistema ad-hoc per il trattamento sostenibile dei rifiuti, che massimizza la produzione di energia e riduce l’impatto ambientale complessivo.


Il contesto socio-territoriale siciliano è caratterizzato da una carente struttura impiantistica, una raccolta differenziata che stenta a decollare e una disponibilità sempre più ridotta di luoghi idonei ad accettare discariche tradizionali. Qui, più che altrove, vi è quindi l’esigenza di trovare soluzioni per la migliore gestione ciclica dei rifiuti urbani e organici. Ed è ciò che ha voluto fare Best Mazara, incaricando Montana di studiare un sistema di trattamento dei rifiuti che massimizzi la produzione di energia con il minimo l’impatto ambientale complessivo.

 

Il progetto del primo innovativo impianto di trattamento BEST® di Montana è nato grazie a ricerche, studi e joint venture scientifiche con strutture universitarie della Florida e sta attualmente affrontando l’iter di approvazione.
Il cuore del processo BEST® è il Bioreattore, che consente la biodegradazione accelerata dei rifiuti con medio/alta percentuale di sostanza organica tramite il controllo dei principali parametri pilota del processo: contenuto in umidità dei rifiuti, pH, disponibilità di macro e micronutrienti, temperatura e presenza di microrganismi. Il trattamento avviene all’interno delle cosiddette ‘celle di bioreazione’. Si tratta di strutture simili ai bacini delle discariche tradizionali, ma dotate di sistemi ottimizzati di ricircolo del percolato, estrazione del biogas e monitoraggio dei parametri pilota. Qui i rifiuti vengono ciclicamente abbancati, trattati ed estratti per essere inviati alla fase finale di recupero della materia. L’impianto ha una volumetria complessiva di 1.100.000 m3 e ogni cella è in grado di contenere mediamente circa 140.000 m3 di RSU.

I vantaggi principali del sistema BEST® sono diversi. Innanzi tutto i tempi molto brevi di degradazione e completa stabilizzazione della componente organica, rispetto alle discariche tradizionali. Di conseguenza la massimizzazione della produzione di energia, una riduzione della pericolosità residuale dei rifiuti, ma anche dell’impatto ambientale complessivo. Senza contare il recupero di volumetria utile per nuovi abbancamenti, grazie a tecniche di landfill mining, con recupero di materiali riciclabili e ciclicità del processo.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Toscana modello di economia circolare e chimica verde

Toscana modello di Distretto Circolare Verde

Un modello di economia circolare e chimica verde per la chiusura del ciclo dei rifiuti e il rilancio green dell’industria...

Ecomondo e Key Energy si preparano a modificare il paradigma dell’economia reale

Ecomondo e Key Energy si preparano a modificare il paradigma dell’economia reale

Ecomondo 2021 raccoglie innovazioni ed istituzioni attorno ai temi della circular economy, tra cui le rinnovabili e...

Ecopolietilene

Prima filiera circolare per il recupero della plastica in agricoltura

Ecopolietilene ha certificato il completo riciclo di teli per la copertura delle serre dei vigneti, che da rifiuti plastici possono...

Share This