CAAST, la mini-multinazionale italiana dei sistemi di tenuta personalizzati

12 Luglio 2022

La scorsa settimana la sede di CAAST di Mariano Comense ha aperto le sue porte a un gruppo di giornalisti della stampa di settore, tra cui noi di IndustryChemistry, per far conoscere da più vicino l’azienda leader nei sistemi di tenuta personalizzati. CAAST è una realtà aziendale di dimensioni limitate, ma che mira ad espandersi grazie all’apertura di nuovi centri di ricerca, alla diversificazione in nuovi settori e al supporto di una vera struttura manageriale.

In un settore dove la competizione con i big player non ha sicuramente spianato la strada alle piccole-medie imprese a fattura artigianale, CAAST è riuscita a ritagliarsi il suo spazio ricreando un modello di mini-multinazionale e concentrandosi su uno specifico segmento di mercato.

 

E’ così che il Managing Director di CAAST, Pierluigi Fucito, ha voluto introdurre l’azienda, parlando della sua voglia di crescita e dei cambiamenti in atto nel settore.

La crescita dell’azienda – ha spiegato Fucito – passa dal rafforzamento della propria ingegneria. CAAST negli ultimi anni ha, infatti, potenziato il reparto della direzione tecnica e ha assunto persone di esperienza in aree strategiche, oltre a incentivare la ricerca tecnica per far avanzare il limite di ciò che oggi è considerato “standard” nel mercato. Ed uno degli obiettivi è quello di diversificare il più possibile i prodotti per essere sempre più competitivi ed arrivare così a consolidare la propria presenza a livello europeo.

Nata nel 1998 come rivenditore locale di zona, CAAST (acronimo dei fondatori dell’impresa) è partita commercializzando le guarnizioni e, solo in un secondo momento, alla parte commerciale è stata affiancata la produzione. Oggi l’azienda è ben riconoscibile sul mercato ed è in grado di fornire soluzioni di tenuta che partono da diametri molto piccoli fino a superare i tre metri o addirittura senza limiti dimensionali a seconda del prodotto richiesto.

La storia e l’evoluzione dell’azienda è stata presentata da Lorenzo De Lorenzi, Sales e Marketing Director di CAAST, il quale ha rimarcato l’importanza della diversificazione nella crescita dell’azienda che, partita dal settore industriale si è sviluppata successivamente anche in altri mercati, dall’Oil&Gas al Food&Pharma.

Sebbene l’attività dell’azienda si sia incentrata, soprattutto negli ultimi anni, nel settore Oil&Gas – ha sottolineato De Lorenzi – CAAST mira a tornare e a svilupparsi maggiormente nei settori del Food&Pharma e dell’industria.

L’azienda è, inoltre, presente nel mercato dell’energia idroelettica, un settore strategico in cui i prodotti di CAAST possono garantire una notevole affidabilità e venir utilizzati, ad esempio, nelle applicazioni caratterizzate da condizioni d’impiego gravose e dalla necessità di intervalli di manutenzione molto lunghi. 

Anche nel settore aerospace CAAST ha trovato la possibilità di offrire soluzioni personalizzate e adatte alle necessità peculiari dei clienti, investendo molto, soprattutto negli ultimi anni. Per competere in questo specifico settore CAAST ha conseguito nel 2017 la certificazione ISO9100, fondamentale per lavorare in mercati ad alto rischio.

In tema di certificazioni questo non è l’unico traguardo raggiunto dall’azienda. La CAAST nel 2006 aveva, infatti, già ottenuto la certificazione ISO9001 che attesta la qualità dell’azienda e dei suoi processi lavorativi.

Per offrire soluzioni personalizzate in questa varietà di mercati, l’azienda ha voluto investire molto anche in Ricerca e Sviluppo per garantire piena tracciabilità dei materiali, controlli di qualità secondo i più severi parametri, supporto tecnico nello sviluppo di nuove applicazioni, test personalizzati sui materiali in base alle specifiche richieste dell’utilizzatore finale.

CAAST riesce così a fornire guarnizioni realizzate con tecnologia di tornitura, stampaggio e trafilatura eseguite con macchinari innovativi, che consentono di soddisfare i requisiti delle applicazioni più gravose e ad alto rischio. 

La parte finale della nostra visita è stata dedicata proprio alla visita del magazzino e dei macchinari di produzione in cui abbiamo potuto osservare guarnizioni realizzate con svariate tipologie di materiali (plastici, termoplastici, elastomeri) e di diverse dimensioni.

Molteplici sono gli obiettivi futuri dell’azienda: dal rafforzamento nei mercati europei, alla diversificazione in diversi settori industriali, alla nascita e sviluppo di un mini-polo di guarnizioni industriali formato da piccole-medie imprese locali.

In questa fase di cambiamento l’azienda non vuole dimenticare, però, le sue origini e si impegna a mantenere la passione e dinamicità tipiche delle aziende familiari coniugate con una struttura manageriale che sia in grado di supportare la crescita aziendale.

A dicembre del 2020, intanto, CAAST ha compiuto la trasformazione da S.r.L. a Società per Azioni e ha anche contemporaneamente aumentato il capitale sociale.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

ADIPEC 2022 Forum globale per la transizione energetica

ADIPEC 2022 Forum globale per la transizione energetica

ADIPEC 2022 presenta un programma per sostenere le economie globali e i sistemi energetici nella sfida per bilanciare accessibilità energetica, convenienza...

Valve world

Il mercato delle valvole industriali a Valve World Expo: le prime anticipazioni sulla fiera di Düsseldorf

Sono passati quattro anni dall’ultimo appuntamento con Valve World Expo e nel settore si respira una grande attesa per la...

Dräger rinnova la presenza a Safety Expo

Dräger rinnova la presenza a Safety Expo

Dräger torna in fiera con numerose novità, tutte dedicate al mondo della protezione personale e della prevenzione incidenti sui luoghi...

Share This