Ecomondo e Key Energy: gli appuntamenti da non perdere

7 novembre 2017
Key Energy

Ecomondo e Key Energy sono manifestazioni sempre più internazionali anche nei contenuti

 

La proposta fieristica e i seminari di Ecomondo vantano un elevato profilo internazionale. Nelle giornate di fiera sono attesi 9.000 operatori esteri provenienti da 60 Paesi, che incontreranno il Sistema Italia della green economy.

I risultati di un road show mondiale, compiuto nei mesi scorsi con oltre 50 appuntamenti nel mondo fra i quali anche Expo 2017 ad Astana, confluiranno nelle giornate di fiera.

La connessione con i visitatori esteri è possibile anche grazie ad ICE-Agenzia. Si tratta di una collaborazione prestigiosa ed efficace, che contribuisce al progresso delle imprese e grazie ad una elevata professionalità è possibile garantire interlocutori di business interessati e motivati. Tramite l’ufficio Tecnologia Industriale, Energia e Ambiente arriveranno ad Ecomondo un centinaio di operatori del settore ambientale provenienti da Cina, Canada, Israele ed Area del Golfo e da numerosi paesi dell’Africa, in particolare da Angola, Congo, Etiopia, Tanzania, Kenya, Uganda, Repubblica del Congo, Repubblica Democratica del Congo, Mozambico, Ghana e Sudafrica e dall’area Mediterranea Marocco, Algeria, Egitto, Tunisia.
Si tratta di operatori ed investitori interessati a tutte le tecnologie ambientali, dalle energie rinnovabili, al trattamento e riciclaggio rifiuti, trattamento acque, bioeconomia che visitano Ecomondo per la prima volta e che saranno impegnati in sessioni di incontri B2B con gli espositori.

Fattiva la collaborazione anche col Ministero dell’Ambiente capofila nell’organizzazione di una delegazione istituzionale da Libano, Marocco, Cina e Iran che parteciperanno ad alcuni dei numerosi seminari internazionali, anche in qualità di speaker. La collaborazione con il Ministero, anche in questo caso all’insegna della elevata professionalità, è storicamente produttrice di iniziative che consolidano l’immagine del sistema nazionale della green economy, rappresentando una realtà d’eccellenza che consolidano anche il brand di Ecomondo.

Altro partner di rilievo per l’internazionalizzazione della fiera è UNIDO (United Nations Industrial Development Organization) col quale sono organizzate visite di delegazioni da Iran e Botsuana, investitori interessati rispettivamente alle energie rinnovabili ed al biogas per la costruzione di impianti.

Ulteriori delegazioni di buyer e visitatori istituzionali sono garantite dalla capillare rete estera di IEG: attese visite da America Latina, Bacino del Mediterraneo, Polonia, Russia ed ex Repubbliche CSI, Bulgaria, ex Yugoslavia, Finlandia, Spagna, Romania e Rep. Ceca.

Di rilievo la partecipazione di ISWA . International Solid Waste Association, per la terza volta a Ecomondo. ISWA rilascerà due nuovi rapporti ISWA, 4a Rivoluzione Industriale e Marine Litter.

Ecomondo e Key Energy sono manifestazioni di portata sempre più internazionale anche nei contenuti del programma di incontri, convegni, seminari e tavole rotonde pensati appositamente per una platea di interesse per i visitatori esteri. Una quindicina gli eventi, all’interno di un palinsesto con oltre 200 appuntamenti che coinvolgono un migliaio di relatori.
In tema di gestione dei rifiuti, martedì 7 novembre, durante la prima giornata, il workshop Gestione integrata e valorizzazione dei flussi organici secondari di origine urbana propone di presentare e confrontare i più avanzati programmi – portando i case studies di alcune città europee, come Barcellona, località del Galles del Sud, Maribor (Slovenia) – in relazione alla gestione integrata dei rifiuti organici comunali con gli scarichi civili e i fanghi di depurazione, e le nuove catene tecnologiche che consentono di arrivare alla produzione combinata di compost e biogas.

Sempre oggi, durante la giornata di apertura di Ecomondo, si terrà l’InfoDay organizzato dalla Regione Emilia-Romagna sul progetto Co-Evolve (Interreg MED 2016-2019) per presentare e incoraggiare una discussione sulle principali strategie e iniziative in corso per lo sviluppo di un turismo sostenibile costiero e marittimo nel Mediterraneo. Sostenibilità del turismo costiero e marittimo e crescita blu del Mediterraneo il titolo del convegno, che rinvia alla Strategia per la crescita blu dell’UE, che identifica il turismo costiero e marittimo come un settore con un potenziale particolare per promuovere un´Europa intelligente, sostenibile e inclusiva.

Organizzato da Utilitalia insieme al Comitato Scientifico di Ecomondo, mercoledì 8 novembre l’appuntamento è con il momento di approfondimento su Municipal waste management in urban areas: comparing international experiences in the perspective of circular economy, ovvero l’undicesimo incontro annuale per esaminare i progressi nella gestione dei rifiuti urbani. Negli ultimi tre anni sono state confrontate esperienze nelle principali capitali comunitarie come Berlino, Copenhagen, Lisbona, Madrid, Milano e Roma, in città di medie dimensioni come Lubiana, Monaco di Baviera, Firenze, Bologna e Parma e in aree urbane “meridionali” come Barcellona , Porto, Bari, Napoli e Palermo, raccogliendo un know-how molto utile. Sotto la lente Parigi, Almere, Firenze e Milano.

Mercoledì 8 novembre, in programma l´incontro sul tema Circular & Smart Cities, un evento a cura del Comitato tecnico scientifico di Ecomondo che presenta e discute i diversi aspetti legati all´applicazione del paradigma dell´economia circolare in ambiente urbano, attraverso le moderne tecnologie, come Internet of Things e Big Data Analytics. L´implementazione e la gestione degli strumenti innovativi richiedono attività di coordinamento tra le aziende che forniscono servizi a una città e le Autorità Pubbliche locali. Saranno discusse esperienze e iniziative recenti in diversi paesi al fine di individuare le migliori pratiche da attuare a favore dei cittadini.

Nella stessa giornata l’evento faro della sezione Global Water: Controllo intelligente dell’acqua per la gestione del bacino del fiume e del lago. Un evento dedicato alle soluzioni digitali, comprese quelle dell’industria 4.0 (Internet of things), per ottimizzare il settore idrico. L’incontro, coordinato dal professor Francesco Fatone, è a cura del Comitato Scientifico di Ecomondo e trae spunto dall’azione di innovazione europea Intcach, che nell’ambito del progetto Horizon 2020 mira a rivoluzionare le modalità di monitoraggio e gestione della risorsa idrica. Case study in Italia per le soluzioni innovative di Intcatch è il bacino del Lago di Garda.

Utilizzo e fornitura di materie prime circolari, mercoledì 8 e giovedì 9 novembre, organizzato da Enea, Edizioni Ambiente, Renewable Matter e Comitato tecnico scientifico di Ecomondo, è un convegno per approfondire il nuovo approccio industriale che traduce in pratiche concrete l’economia circolare. Vi prenderanno parte i principali referenti a livello europeo in tema di economia circolare, esponenti del Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo economico, di Confindustria e dell´associazione Fise Unire per uno sguardo approfondito sulle principali strategie europee e nazionali in tema di economia circolare.

È proposto dalla Piattaforma nazionale del biometano e dal Comitato tecnico scientifico di Ecomondo l´incontro su Biometano: rivoluzione agricola e industriale (mercoledì 8 novembre). Verranno presentate soluzioni tecnologiche innovative e la firma del Protocollo d´Intesa della Piattaforma Tecnologica Nazionale del biometano, per lo sviluppo del biometano quale risorsa strategica per il greening della rete del gas e per il percorso di decarbonizzazione.

Giovedì 9 novembre approda ad Ecomondo il Protocollo europeo per la gestione dei rifiuti di costruzione e demolizione, mentre nella giornata conclusiva, venerdì 10 novembre, sono in programma i convegni internazionali Ottimizzazione energetica su scala urbana: progetti e opportunità di innovazione; Prevenzione e gestione dei rifiuti marini per un mare più produttivo organizzato insieme a Legambiente, Enea, Università di Bologna, Università di Siena, Cluster Blue Growth, Sustainable Development Solutions; Regolamento REACH e economia circolare: una coesistenza fattibile grazie all´innovazione organizzato da Enea e dal Ministero dell’Economia.

Allo stato dell´arte in materia di energia eolica nel mondo, alle opportunità di sviluppo dei mercati su scala nazionale e internazionale, guarda infine la tavola rotonda organizzata dall’Anev dal titolo Eolico: mercato internazionale proposto nell’ambito di Key Energy mercoledì 8 novembre.

Il programma dei convegni completo, costantemente aggiornato, è al link http://bit.ly/2ryoS4i

Fonte Ecomondo 2017 

ARTICOLI CORRELATI

impianto fotovoltaico

Migliorare l'efficienza degli impianti fotovoltaici con i droni

Tages Capital SGR, terzo operatore in Italia nella gestione di impianti fotovoltaici, ha scelto e sperimentato con successo la soluzione...

Rapporto Snpa

Rapporto Snpa: In crescita i controlli ambientali

Rapporto Snpa sui Controlli Ambientali AIA/Seveso edizione 2017, presentato il 19 aprile 2018 a Roma nella sede del Comando Unità Forestali,...

mosh e moa

Mosh e Moah: oli minerali di origine fossile, dannosi alla salute. Se fossero anche nei vostri alimenti?

Ecomondo e Key Energy sono manifestazioni sempre più internazionali anche nei contenuti   La proposta fieristica e i seminari di Ecomondo...