Tecnologie pulite per l’idrogeno: Europa al top nei brevetti

20 Gennaio 2023
Tecnologie per idrogeno pulite: Europa al top nei brevetti

I brevetti sull’idrogeno si spostano verso tecnologie pulite con Europa e Giappone in testa, secondo i risultati di uno studio congiunto condotto dall’Ufficio europeo dei brevetti (EPO) e dall’Agenzia internazionale dell’energia (AIE).

 

Il rapporto utilizza i dati sui brevetti globali per fornire un’analisi completa e aggiornata dell’innovazione nelle tecnologie dell’idrogeno. È il primo studio nel suo genere e copre l’intera gamma di tecnologie, dalla fornitura di idrogeno allo stoccaggio, distribuzione e trasformazione, nonché le applicazioni per l’uso finale.

 

“Sfruttare il potenziale dell’idrogeno è una parte fondamentale della strategia europea per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, ha affermato il presidente dell’EPO António Campinos. “Ma se si vuole che l’idrogeno svolga un ruolo importante nella riduzione delle emissioni di CO2, è urgentemente necessaria l’innovazione in tutta una serie di tecnologie. Questo rapporto rivela alcuni modelli di transizione incoraggianti tra Paesi e settori industriali, compreso il contributo importante dell’Europa all’emergere di nuove tecnologie dell’idrogeno. Sottolinea inoltre il contributo delle start-up all’innovazione dell’idrogeno e la loro dipendenza dai brevetti per portare le loro invenzioni sul mercato”.

L’idrogeno proveniente da fonti a basse emissioni può svolgere un ruolo importante nelle transizioni energetiche pulite con il potenziale per sostituire i combustibili fossili nelle industrie in cui esistono poche alternative pulite, come il trasporto a lungo raggio e la produzione di fertilizzanti”, ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo dell’AIE“Questo studio mostra che gli innovatori stanno rispondendo alla necessità di catene di approvvigionamento di idrogeno competitive, ma identifica anche le aree, in particolare tra gli utenti finali, in cui è necessario uno sforzo maggiore. Continueremo ad aiutare i governi a stimolare l’innovazione per tecnologie energetiche pulite, sicure, resilienti e sostenibili”.

 

Europa e Giappone avanti

Lo studio presenta le principali tendenze delle tecnologie dell’idrogeno dal 2011 al 2020, misurate in termini di famiglie di brevetti internazionali (IPF), ciascuna delle quali rappresenta un’invenzione di alto valore per la quale sono state depositate domande di brevetto presso due o più uffici brevetti in tutto il mondo. 

Il rapporto rileva che la brevettazione globale dell’idrogeno è guidata dall’UE e dal Giappone, che rappresentano rispettivamente il 28% e il 24% di tutti gli IPF depositati in questo periodo. Entrambe le regioni hanno visto anche una crescita significativa nell’ultimo decennio. 

I paesi leader in Europa sono, nell’ordine: Germania, Francia (6%), Paesi Bassi (3%), Danimarca ed Italia. Al contrario, gli Stati Uniti, con il 20% di tutti i brevetti relativi all’idrogeno, sono l’unico grande centro di innovazione a vedere diminuire le domande di brevetto internazionale sull’idrogeno nell’ultimo decennio. 

L’attività di brevettazione internazionale nelle tecnologie dell’idrogeno è rimasta modesta in Corea del Sud e Cina, ma è in aumento. Oltre a questi cinque principali centri di innovazione, altri paesi che generano volumi significativi di brevetti sull’idrogeno includono il Regno Unito, la Svizzera e il Canada.

 

L’innovazione risponde alla necessità di affrontare il cambiamento climatico

Nel periodo 2011-2020 le tecnologie per la produzione di idrogeno hanno rappresentato il maggior numero di brevetti sull’idrogeno e il rapporto rileva che in tutti i segmenti della catena del valore dell’idrogeno, le innovazioni a basse emissioni hanno generato più del doppio del numero di brevetti internazionali rispetto alle tecnologie consolidate. 

Sebbene la produzione di idrogeno sia attualmente quasi interamente basata sui combustibili fossili, i dati sui brevetti mostrano un massiccio spostamento verso metodi alternativi a basse emissioni come l’elettrolisi. Le tecnologie motivate dalle preoccupazioni climatiche hanno rappresentato quasi l’80% di tutti i brevetti relativi alla produzione di idrogeno nel 2020. Le regioni più innovative sono ora in competizione per ospitare la prima fase del roll out industriale, con l’Europa che secondo i dati sta guadagnando terreno come destinazione degli investimenti per capacità di produzione di elettrolizzatori.

Secondo la classifica dei principali richiedenti di brevetto, l’innovazione nelle tecnologie consolidate dell’idrogeno è dominata dall’industria chimica europea. L’eredità di competenze in questo settore le ha anche dato un vantaggio nelle tecnologie motivate dagli impatti sul clima come l’elettrolisi e le celle a combustibile. Anche le aziende automobilistiche sono attive, e non solo nella tecnologia dei veicoli. Dietro di loro, le università e gli istituti di ricerca pubblici hanno generato il 13% di tutti i brevetti internazionali relativi all’idrogeno nel periodo 2011-2020, con istituzioni francesi e coreane in cima alla classifica e con un focus sui metodi di produzione di idrogeno a basse emissioni come l’elettrolisi.

Lo studio rileva inoltre che oltre la metà dei 10 miliardi di dollari di investimenti in capitale di rischio nelle imprese dell’idrogeno nel 2011-2020 è andata a start-up con brevetti, nonostante rappresentino meno di un terzo delle start-up nel set di dati considerati.

Il possesso di un brevetto è un buon indicatore del fatto che una start-up continuerà ad attrarre finanziamenti: oltre l’80% degli investimenti in fase avanzata nelle start-up dell’idrogeno nel 2011-2020 è andato a società che avevano già depositato una domanda di brevetto in aree come come elettrolisi, celle a combustibile o metodi a basse emissioni per produrre idrogeno dal gas. 

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

ButanGas con IBM per migliorare performance e disponibilità dei servizi

ButanGas con IBM per migliorare performance e disponibilità dei servizi

La collaborazione di ButanGas ha portato all’adozione della tecnologia IBM Power per aumentare la reattività dei sistemi e migliorare la...

Nuove Barriere ottiche per aree a rischio esplosione

Nuove Barriere ottiche per aree a rischio esplosione

Schmersal propone la nuova famiglia dei dispositivi ATEX EX-SLC/SLG pensata per l'utilizzo in tutte le aree a rischio di esplosione...

Partnership per la filiera del biometano

Partnership per la filiera del biometano

SGR Biomethane (Gruppo SGR) e Green Methane (Gruppo Rosetti Marino) annunciano una partnership strategica per lo sviluppo e la realizzazione...

Share This