Il VEGAPULS 64 assicura il rifornimento di materie prime nell’industria cosmetica

17 giugno 2019
Vegapuls 64

La multinazionale Croda Ibérica SA fornisce da anni assistenza a rinomate aziende del settore della bellezza e della cura personale per lo sviluppo dei loro prodotti. Questi da un lato devono essere realizzati con materie pregiate, tali da soddisfare gli elevati standard qualitativi richiesti dai consumatori finali del settore, e dall’altro devono essere sostenibili. Come ad esempio l’impiego di energie rinnovabili e un uso attento delle risorse naturali, compreso l’utilizzo di olio di palma certificato e sostenibile.

Prima di giungere sul mercato, un prodotto cosmetico è stato sottoposto a innumerevoli test e una volta che si è affermato, il processo di produzione deve rimanere sostanzialmente invariato.

Questo vale anche per i prodotti intermedi fabbricati in grandi quantità presso la sede di Fogars de la Selva, un distretto catalano di Barcellona, sotto il nome Croda Ibérica, responsabile per il mercato spagnolo e portoghese.

Croda Ibérica è pertanto grata di ogni procedimento e di ogni punto di misura che funziona in maniera affidabile nel corso di molti anni. L’azienda collabora con VEGA Spagna da oltre dieci anni. Nello stabilimento sono installati circa 200 sensori di diverse famiglie di prodotti, tra cui trasduttori di pressione, sensori radar ad onda guidata, diversi rilevatori di soglia di livello per liquidi e solidi, nonché trasduttori di pressione differenziale.

Anche il VEGAPULS 64, il sensore di livello lanciato sul mercato lo scorso anno, è impiegato nello stabilimento per la misura di una miscela di speciali formulazioni di detergenti e alcool. Qui i sensori misurano le scorte di materia prima in tre serbatoi con un’altezza di due, tre e cinque metri. Il risultato della misura è decisivo per i processi successivi, poiché il prodotto finito di questa materia prima costituisce circa un quarto della produzione complessiva dello stabilimento. Poiché il sensore di livello VEGAPULS 64 effettua la misura senza contatto con l’ausilio della tecnologia radar, risultano automaticamente meno problemi dovuti alle adesioni di prodotto. La tecnica di misura radar è ideale anche sotto il profilo igienico: l’antenna affacciata incapsulata può essere pulita in maniera ottimale ed è insensibile alle condizioni estreme dei processi SIP e CIP.

Inoltre, nonostante la lunghezza d’onda nettamente inferiore, il sensore di livello VEGAPULS 64 è insensibile alle adesioni e alla formazione di condensa. Questo si ottiene principalmente adeguando la sensibilità del sensore nella breve distanza. L’adeguamento della dinamica in funzione della distanza riduce gli influssi dei disturbi direttamente davanti al sistema di antenna, consentendo contemporaneamente una sensibilità del segnale molto elevata a una distanza maggiore. Perciò è possibile una misura di livello affidabile anche nel corso dei cicli di pulizia.

Nemmeno la struttura del serbatoio, con le sue complesse installazioni interne, influisce più sulla misura. Ciò è reso possibile dalla migliore focalizzazione del sensore di livello che dipende dalla frequenza di trasmissione e dalla superficie attiva dell’antenna. Un altro aspetto positivo è il fatto che con il VEGAPULS 64 è possibile effettuare la misura fino al fondo del serbatoio, anche con prodotti molto diversi. Questo è decisivo se si considera che il serbatoio deve essere svuotato completamente ogni due settimane.

Per maggiori informazioni clicca qui

Fonte: Vega Italia

ARTICOLI CORRELATI

Antares

Antares Vision si conferma partner di riferimento per l'industria farmaceutica italiana

Antares Vision comunica di aver siglato un accordo con il gruppo farmaceutico internazionale Recordati.

GlaxoSmithKline

Glaxosmithkline Cork riduce i costi operativi e tempi di progettazione

Grazie alla soluzione SmartPlant Enterprise di Hexagon PPM l’azienda può ora contare su una migliore accessibilità ai dati dell’impianto di...

Lanxess

LANXESS affronta i temi della nuova mobilità, dell'urbanizzazione e della digitalizzazione alla fiera K 2019

Sei business unit presenteranno nuovi prodotti, processi e tecnologie alla fiera internazionale per plastica e gomma

Pin It on Pinterest

Share This