Le nuove Blackfly S da 16 MP rompono la barriera dei GigE

27 Agosto 2021
Blackfly S

Teledyne FLIR presenta gli ultimi componenti della famiglia di telecamere GigE Blackfly S: la BFS-PGE-161S7M e la BFS-PGE-161S7C sono dotate di un sensore ad alta risoluzione in un formato compatto, con un elevato rapporto prezzo-prestazioni e prestazioni eccezionali con bassa illuminazione.

La Sony IMX542 da 16 MP (Serie Pregius S) offre la tecnologia back-illuminated sensor pixel (BSI), un’efficienza quantistica (QE) significativamente migliorata, dimensioni ridotte dei pixel e permette l’uso di ottiche meno costose e più compatte. 

 

Le nuove telecamere Blackfly S sfruttano inoltre la nostra nuova caratteristica Lossless Compression, che permette di ottenere frame rate fino al 60% più elevate senza compromettere la qualità dell’immagine. Questa combinazione guidata dal valore permette ulteriori riduzioni dei costi grazie alla sostituzione di più telecamere a bassa risoluzione con una singola unità, che si traduce in frame rate più elevate, in un minore utilizzo dell’ampiezza di banda e in minori requisiti del sistema di illuminazione.

Le nuove telecamere global shutter Blackfly S con tecnologia BSI sono adatte per un’ampia gamma di applicazioni, come l’ispezione di PCB e semiconduttori, la metrologia e la ricerca scientifica. Potete leggere qui sotto le specifiche più dettagliate e i prezzi e consultare uno specialista per le vostre esigenze progettuali. 

  • Il global shutter da 16 MP permette misure precise di grossi oggetti 
  • La Lossless Compression permette FPS del 60% più elevate (da 7FPS a 12 FPS alla piena risoluzione) • L’elevata QE e il basso rumore permettono una bassa Absolute Sensitivity Threshold (AST 4,1 fotoni) • Efficienza quantistica superiore (QE del 69% a 525nm) 
  • Eccellenti prestazioni con bassa illuminazione (rumore di lettura 2.34 e-) 
  • I pixel BSI permettono l’uso di ottiche meno costose e più compatte 
  • L’elevata sensibilità (elevaya QE e bassa AST) riduce i requisiti del sistema di illuminazione • Sostituzione di più telecamere a bassa risoluzione con una singola unità ad alta risoluzione 

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

PET

Un biocatalizzatore per degradare il PET

Una ricerca del laboratorio dell’Università dell’Insubria ha prodotto un enzima in grado di degradare il polietilene tereftalato nei suoi componenti.

Shell costruisce con thyssenkrupp la 'Holland Hydrogen I'

Shell costruisce con thyssenkrupp la 'Holland Hydrogen I'

thyssenkrupp installerà per Shell un impianto di idrogeno verde da 200 MW nel porto di Rotterdam, fulcro di Hydrogen Holland

Upcycling di bottiglie di plastica in idrogel

Upcycling di bottiglie di plastica in idrogel

Ricercatori giapponesi trasformano un polimero di derivazione petrolchimica (PET) in un idrogel a base d'acqua, con applicazioni versatili.

Share This