Nuove Barriere ottiche per aree a rischio esplosione

12 Gennaio 2023
Nuove Barriere ottiche per aree a rischio esplosione

Schmersal propone la nuova famiglia dei dispositivi ATEX EX-SLC/SLG pensata per l’utilizzo in tutte le aree a rischio di esplosione grazie alla speciale custodia con grado di protezione IP66. 

 

L’azienda che sviluppa e commercializza sistemi e soluzioni di sicurezza dedicati all’industria ha presentato sul mercato una novità di grande rilevanza per chi, operando in ambienti a rischio di esplosione, non può permettersi di scendere a compromessi.

 

Si tratta delle nuove barriere fotoelettriche di sicurezza Atex serie EX-SLC ed EX-SLG, due nuove linee di prodotto che si basano sulle prestazioni della consolidata famiglia di barriere ottiche Schmersal serie 440.

Grazie alla speciale custodia protettiva di cui si avvalgono, i nuovi dispositivi EX-SLC e EX-SLG soddisfano le più severe esigenze applicative in conformità alla direttiva 2014/34/EU, rendendo possibile la loro applicazione in zone classificate Atex secondo:

  • II 2G Ex db op is IIA T6 Gb (zone a rischio esplosione da gas)
  • II 2D Ex op is tb IIIC T80° Db (zone a rischio esplosione da polveri)

EX-SLC e EX-SLG sono dispositivi di tipo 4 utilizzabili in zone Atex 1 – 21, che in conformità alla norma EN/IEC 61496 (“Sicurezza del macchinario – Apparecchi elettrosensibili di protezione”) assicurano prestazioni con caratteristiche di Sicurezza fino a SIL3 e Performance Level “e”.

La custodia protettiva certificata Atex dei nuovi dispositivi è realizzata in vetro borosilicato, che, oltre all’assoluta trasparenza, assicura elevate prestazioni meccaniche in termini di robustezza e resistenza agli sbalzi termici. Caratterizzata da grado di protezione IP66, la custodia dispone di staffe di fissaggio in acciaio inox orientabili nelle tre direzioni.

L’ergonomico sistema di cablaggio si avvale di connettori M12 a 8 poli che, in base alle specifiche necessità di montaggio, possono essere inseriti da uno dei tre diversi punti di accesso di cui dispone la base bella barriera. Le specifiche elettriche non cambiano tra le due serie EX-SLC e EX-SLG, rimanendo le stesse delle barriere serie 440. È disponibile un ingresso EDM (External Device Monitor), il doppio reset e la funzione di blanking.

Con altezze protettive che spaziano da 330 mm a 1370 mm e un campo di copertura che arriva fino a 20 m, le barriere Atex EX-SLC e EX-SLG assicurano risoluzioni fino a 14 mm, permettendone l’efficace utilizzo anche nelle applicazioni più critiche dal punto di vista della sicurezza.

La leggerezza complessiva, la custodia di appena 54 mm di diametro, nonché la possibilità di regolare liberamente le staffe di montaggio sui 3 assi garantiscono la massima ergonomia di utilizzo e flessibilità di installazione.

Produzione di vernici, solventi, composti volatili di sintesi, lavorazione di parti in magnesio, movimentazione di prodotti stoccati in silos, lavorazione di sfarinati. E ancora: industria olearia, cerealicola, petrolchimica, farmaceutica, estrattiva. Le barriere Atex Schmersal EX-SLC e EX-SLG possono essere convenientemente utilizzate in tutte quelle applicazioni dove, a causa della formazione di atmosfere esplosive sotto forma di miscele gassose, vapori, nebbie e nubi di polvere, anche la più piccola scintilla può rivelarsi disastrosa. Non solo per i macchinari e il processo in corso di svolgimento, ma anche e soprattutto, per la sicurezza degli operatori.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

diesel rinnovabile, KT Roma

Diesel rinnovabile: KT, con il supporto di Nextchem, si aggiudica un progetto da 400 milioni di dollari

L’impianto, ubicato all’interno della raffineria di Holborn ad Amburgo, produrrà 220.000 tonnellate all’anno di diesel rinnovabile di alta qualità e...

impianti mobili

Sfidare la scarsità d'acqua con impianti mobili: la sicurezza idrica nel settore petrochimico

La disponibilità dell'acqua trattata è un tema importante per le industrie di tutto il mondo. Quando la risorsa idrica scarseggia...

SPS Italia

SPS Italia si conferma un momento di incontro imperdibile per l’industria manifatturiera

40.133 visitatori verso un futuro 5.0, sostenibile e umano-centrico, alla dodicesima edizione della fiera Smart Production Solutions.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

IndustryChemistry

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a: Anes  Assolombarda