Olio di palma: aumenta il consumo per i biocarburanti

13 Giugno 2018
biocarburanti

A fronte di un crollo nell’uso alimentare e’ in continua ascesa l’utilizzo per i biocarburanti, nuovi dati del settore che mostrano che le auto e i camion diesel hanno bruciato il 51% di tutto l’olio di palma utilizzato in Europa nel 2017

 

Dall’introduzione di una legge UE per la promozione dei biocarburanti nel 2009, l’olio di palma per biocarburanti è aumentato cinque volte, da 825.000 tonnellate nel 2008 a 3.9 milioni di tonnellate nel 2017, secondo OILWORLD, riferimento dell’industria per i mercati degli oli vegetali.
Oggi, i veicoli europei bruciano 38 volte più olio di palma di Nutella a livello globale e addirittura 16 volte di più rispetto al maggior utilizzatore mondiale di olio di palma per la produzione alimentare, Unilever.
L’espansione dell’olio di palma in Indonesia e in Malesia spinge la deforestazione e il drenaggio delle torbiere, rilasciando le emissioni di gas serra e distruggendo gli habitat delle specie in via di estinzione come gli oranghi. Secondo lo studio di Globiom per la Commissione europea, il biodiesel dell’olio di palma è tre volte peggiore per il clima rispetto al diesel.

 

La responsabile della T & E per i combustibili puliti, Laura Buffet, ha dichiarato: “La combustione di olio di palma in auto e camion per raggiungere gli obiettivi di energia verde in Europa deve essere la cosa più stupida che facciamo nella politica climatica.La Commissione europea deve assumersi le proprie responsabilità e ottenere dietro la decisione del Parlamento europeo di eliminare gradualmente il sostegno al biodiesel per l’olio di palma “.
La direttiva sulle energie rinnovabili è stata introdotta per accelerare l’adozione di energie rinnovabili come il solare e l’eolico, ma il capitolo sui trasporti ha promosso l’uso di colture alimentari come l’olio di palma, l’olio di colza e l’olio di soia per produrre biocarburanti.

 

I biocarburanti possono essere considerati energia a emissioni zero ai fini della contabilità climatica. Se le emissioni complessive dei biocarburanti fossero adeguatamente contabilizzate, le emissioni del trasporto stradale sarebbero superiori del 10% .
A gennaio, il Parlamento europeo ha votato per interrompere il conteggio del biodiesel di palma da olio verso gli obiettivi di energia verde dell’UE a partire dal 2021.
La decisione ha innescato una campagna ben finanziata dalla lobby del petrolio di palma in Malesia e Indonesia . La Commissione europea, sostenuta dai precedenti governi spagnolo e italiano, si oppone all’abolizione della palma da olio.
Laura Buffet ha concluso: “Se i biocarburanti dovessero ridurre le emissioni, migliorare la sicurezza energetica e sostenere gli agricoltori, si tratta di un triplo fallimento. L’UE non deve sprecare questa opportunità di abbandonare i biocarburanti basati sugli alimenti e iniziare a investire in elettricità e biocarburanti rinnovabili e rinnovabili basati su rifiuti e residui “.

 

I leader delle comunità indonesiane sostengono la decisione del Parlamento
Oltre 200 leader indonesiani di comunità indigene, sindacati degli agricoltori, organizzazioni di piccoli proprietari, gruppi per i diritti umani e ONG verdi hanno scritto ai capi di stato europei e al presidente dell’Indonesia affermando: “Siamo d’accordo con il cambiamento di politica proposto dal Parlamento europeo. L’UE dovrebbe garantire che l’energia rinnovabile provenga esclusivamente da imprese rispettose dell’ambiente, equi e rispettose dei diritti umani. Il biodiesel a base di olio di palma non soddisfa chiaramente questi principi, come dimostrato dall’emergere di vari problemi sociali, economici e ambientali “.

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Tecnologie green in sostituzione di fonti e feedstock fossili

Tecnologie green in sostituzione di fonti e feedstock fossili

Il Gruppo Maire Tecnimont, attraverso la controllata NextChem, sviluppa nuove tecnologie green utilizzando fonti bio e circolari.

La transizione green delle batterie parla Italiano

La transizione green delle batterie parla Italiano

NTE Process è l’unica società italiana qualificata per turnkey di impianti batterie SemiSolid per la produzione di batterie agli ioni...

Energia rinnovabile in Lafert

Lafert sceglie Samso per l'autoproduzione di energia rinnovabile

In corso l’installazione del grande impianto fotovoltaico con potenza pari a 345 kW del nuovo stabilimento Lafert.

Share This