PoliTO al lavoro sulla distillazione a membrana per trattamento acque

3 Febbraio 2023
PoliTO al lavoro sulla distillazione a membrana per il riuso di acque industriali

Al via al PoliTO il progetto MEloDIZER (Sustainable Membrane Distillation for Industrial Water Reuse and Decentralised Desalination Approaching Zero Waste), che raccoglie partner di 9 Paesi dell’Unione Europea, più Svizzera e Israele.

 

Il progetto finanziato dall’UE con il programma Horizon Europe punta a fabbricare in modo sostenibile i componenti necessari per il riuso e la valorizzazione delle acque contaminate, grazie al lavoro di un consorzio di 18 partner, coordinati dall’Ateneo torinese.

 

Tema del progetto è la distillazione a membrana, una tecnologia molto promettente sia per la dissalazione dell’acqua ad elevata salinità, sia per il riuso e la valorizzazione delle acque contaminate. Tuttavia, allo stato attuale, la mancanza di membrane e moduli di membrana ad alte prestazioni, l’impatto ambientale della loro produzione e del loro utilizzo, così come l’implementazione in configurazioni e in ambiti non adatti hanno impedito di dimostrarne il pieno potenziale.

Il cuore della ricerca risiede nella fabbricazione dei componenti della distillazione a membrana impiegabili su larga scala e sostenibili, sostituendo gli attuali materiali potenzialmente dannosi con altri non nocivi e basandosi sui principi della chimica verde.

Si porrà l’accento, inoltre, sulla corretta progettazione e sul miglioramento dell’efficienza energetica della tecnologia, che opererà utilizzando solo calore di scarto o energia solare. La migliore progettazione di questa tecnologia combinata con il più appropriato mix di fonti di energia rinnovabile sarà la chiave per una sua applicazione efficace in diversi ambiti, sia industriali che a scala domestica o di comunità.

Il progetto MEloDIZER, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Horizon Europe (grant agreement n° 101091915 – topic HORIZON-HLTH-2021-DISEASE-04-04) con un contributo pari a più di 7 milioni di euro, di cui 1.4 milioni di euro al Politecnico di Torino, avrà una durata di 4 anni.

Nel concreto, verranno sviluppati e testati dei prototipi a livello industriale (nei settori del tessile, chimico, acquacoltura, e delle bevande) per arrivare ad un’alta percentuale di recupero delle acque contaminate (70-90%), riducendo quindi l’impronta idrica del comparto produttivo e avvicinandosi al target rifiuti-zero, recuperando al contempo materie prime secondarie di valore dalle acque contaminate.

Inoltre, MEloDIZER intende dimostrare il funzionamento di sistemi di produzione di acqua potabile passivi, autonomi, economici e su piccola scala, utilizzando come unica fonte energetica l’energia solare.

L’ambizione del progetto è quindi quella di contribuire a tre degli obiettivi strategici per l’Unione Europea e a livello mondiale, ovvero l’utilizzo sostenibile della risorsa idrica – sia a livello industriale che di piccole comunità, l’accesso alle materie prime critiche e la transizione verso processi azionati da energie rinnovabili.

“Con questo progetto raggiungeremo la prossima generazione della tecnologia, sia considerando le più alte prestazioni e l’efficienza energetica, sia dal punto di vista della sostenibilità dei materiali e del tipo di fonti energetiche utilizzati, dimostrandone quindi l’implementazione per la riduzione dell’impronta idrica delle industrie e per l’approvvigionamento di acqua potabile in zone soggette a forte siccità” spiega il professor Alberto Tiraferri, docente del Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture-DIATI del Politecnico di Torino e coordinatore del progetto insieme al professor Matteo Fasano del Dipartimento di Energia-DENERG.

Al Politecnico, sarà il centro interdipartimentale CleanWaterCenter@Polito a ospitare i laboratori che, grazie al contributo dell’Unione Europea, svilupperanno alcuni dei prototipi di questa tecnologia innovativa per il trattamento sostenibile delle acque.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

materie prime critiche Iren

Nasce RigeneRare, l’hub italiano per il recupero e il riutilizzo delle materie prime critiche e dei metalli preziosi

La piattaforma proposta dal Gruppo Iren intende diventare il punto di riferimento a livello nazionale per lo sviluppo sostenibile della...

celle per batterie BASF and WHW Recycling

BASF e WHW Recycling rendono la produzione delle celle per batterie ancora più sostenibile

I minerali che ne derivano potranno essere riutilizzati come materie prime per la produzione di nuovo materiale.

accadueo 2024

ACCADUEO, l’85% dello spazio disponibile già prenotato

Sono aperte le registrazioni alla manifestazione internazionale per i professionisti del settore idrico, in scena dal 27 al 28 novembre...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

IndustryChemistry

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a: Anes  Assolombarda