Preservare la qualità dell’acqua potabile in Veneto: Hydrodata partecipa al progetto per il nuovo serbatoio di Montagnana

9 Luglio 2020
Hydrodata

Nel nuovo serbatoio saranno convogliate le acque in esubero delle centrali idriche  di Carmignano e di Piacenza d’Adige, per garantire assenza di contaminazione da  residui chimici

 

Con l’obiettivo di preservare l’acqua potabile da PFAS (Sostanze Perfluoro Alchiliche) è stata progettata la creazione di un nuovo serbatoio nell’area geografica compresa fra Padova, Verona e Vicenza, nel quale  saranno convogliate acque non contaminate.

 

Il progetto esecutivo dell’opera era stato presentato da Hydrodata nel gennaio 2020, in risposta al bando pubblico Acquevenete SpA (gestore del servizio idrico  integrato per 108 Comuni delle province di Padova, Rovigo, Vicenza, Verona, Venezia) di fine 2018.

Attualmente sono in corso le prime fasi di cantierizzazione.  Le Sostanze Perfluoro Alchiliche sono una famiglia di composti chimici utilizzati per le loro caratteristiche  impermeabilizzazione nella concia delle pelli, nel trattamento dei tappeti, nella produzione di carta  e cartone ad uso alimentare. Sono sostanze tossiche per l’uomo e per tutti gli organismi viventi e, se non  smaltiti correttamente nell’ambiente, penetrano facilmente nelle falde acquifere inquinando anche l’acqua  potabile. Il danno ambientale in Veneto ebbe inizio nel 1965 quando nel comune di Trissino in provincia di  Vicenza venne costruito un polo chimico di un’azienda tessile.

A quei tempi lo smaltimento di queste  sostanze non era stato ancora normato.  Il progetto di estensione dello schema acquedottistico nell’area Monselicense – Estense – Montagnanese, a  cui ha contribuito Hydrodata nella fase progettuale, rientra nelle opere urgenti per emergenza PFAS ed è coerente con il Modello Strutturale degli Acquedotti del Veneto (MO.S.A.V), che individua gli schemi di massima delle principali strutture acquedottistiche necessarie ad assicurare il corretto approvvigionamento idropotabile nell’intero territorio regionale, i criteri e i metodi per la salvaguardia delle risorse idriche, la protezione e la ricarica delle falde. Obiettivo prioritario del Modello è la rimozione degli inconvenienti causati  dall’eccessiva frammentazione delle attuali strutture acquedottistiche, mediante l’accorpamento massiccio  dei piccoli e medi acquedotti, così da ridurre le attuali fonti di approvvigionamento con un risparmio di risorse  idropotabili non inferiore al 15%.

Nello specifico lungo l’esistente asse principale Monselice Montagnana saranno realizzati oltre 20 Km di  condotte per convogliare gli esuberi di acqua della centrale idrica di Carmignano (da nord) e della centrale idrica di Piacenza d’Adige (da sud) nel nuovo serbatoio di Montagnana, che comprende due vasche da 5.000  m3 ciascuna e una centrale di pompaggio. Ai fini della messa a punto del progetto Hydrodata ha realizzato una modellazione idraulica della rete acquedottistica con l’obiettivo di rendere efficiente la condotta  adduttrice e l’alimentazione al serbatoio di Montagnana. Recentemente sono stati affidati i lavori di  realizzazione dell’opera e sono ora in corso le prima fasi di cantierizzazione, sulla base del progetto esecutivo  presentato da Hydrodata.

 

Fonte: Ufficio Stampa Hydrodata

ARTICOLI CORRELATI

Ecomondo

Ecomondo e Key Energy 2020, fisico e digitale per la svolta green

Oltre 80 talk in presenza nei calendari di Ecomondo e di Key Energy, in programma dal 3 al 6  novembre...

Sensori

UV-A e UV-B: sensori broadband per applicazioni meteo

I sensori UV-A e UV-B di LSI Lastem sono radiometri a banda larga per la misura dell'irraggiamento atmosferico nello spettro...

Pin It on Pinterest

Share This