Prime anticipazioni sugli ospiti e il programma di OMC 2021

10 Giugno 2021
OMC

A poco più di 3 mesi dall’appuntamento con OMC Med Energy Conference, in programma a Ravenna dal 28 al 30 settembre e dedicato alla transizione energetica in ambito Mediterraneo, sono già una ventina gli ospiti di primo piano che hanno annunciato la loro presenza. 
Un risultato importante, se si considerano le limitazioni tuttora vigenti a causa della pandemia da Covid, che dimostra come il dibattito sugli obiettivi della decarbonizzazione sia diventato una priorità incalzante nel Mediterraneo.

Tra i membri di Governo, da sottolineare la presenza del ministro dell’Energia di Cipro, Natasa Pilides e si attende la conferma di altri ministri dell’area Mediterranea.

 

Di assoluto rilievo l’intervento di Kadri Simson, commissario europeo per l’Energia, e dei vertici di enti e istituzioni internazionali legati al mondo delle energie rinnovabili come il direttore generale dell’Osservatorio Mediterraneo dell’Energia (Ome), Houda Ben Janet Hallal; il responsabile CCUS dell’Agenzia internazionale dell’energia (IEA), Samantha McCulloch; il segretario generale di Res4Africa (Renewable Energy Solutions for Africa), Roberto Vigotti, e il segretario generale dell’Unione per il Mediterraneo, Grammenos Mastrojeni. 

Per quanto riguarda le grandi compagnie impegnate nella transizione energetica, saranno presenti: il presidente e direttore generale di  Sonatrach, Toufik Akkar; il Chairman NOC, Mustafa Sanalla; i Ceo di BP, Bernard Looney, e di Vàr Energy, Torger Rod. Per Total ci sarà Laurent Wollfsheim. SVP Strategy Growth & People Gas, Renewables and Power; 

Annunciate le presenze di:  Walburga Hemetsberger, Ceo di SolarPowerEurope; dei vertici del Global CCUS Institute; Stefano Venier, Amministratore delegato di Hera; Tarek Emtairah, direttore energia dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale  (Unido); Luca D’Agnese, direttore energia e digitalizzazione della Cassa Depositi e Prestiti; per Banca d’Italia, Patrizio Pagano, Capo del Servizio Segreteria Particolare del Direttorio.
Altri protagonisti del dibattito sullo sviluppo carbon free si aggiungeranno nei prossimi giorni, ma già i nomi confermati fanno intravvedere un fortissimo interesse da parte di tutti gli attori impegnati su questo fronte.

I temi delle 4 sessioni strategiche sono di primaria attualità: il riposizionamento dell’industria post pandemia e gli obiettivi di medio e lungo termine; la trasformazione delle attività upstream e i nuovi modelli di business per arrivare a un futuro a emissioni zero; agevolare e accelerare la transizione verso un futuro low carbon attraverso un’alleanza tra il Nord e il Sud del Mediterraneo; le prospettive della transizione energetica e gli investimenti e le policy necessari per un sistema energetico low carbon.
Già oggi possiamo dire che il panel di partecipanti ai lavori di OMC Med Energy Conference è tale da assicurare un dibattito ai massimo livelli tra stakeholder e protagonisti del mondo energetico low carbon che ci collocherà al centro del confronto sul futuro energetico su base mediterranea” conclude Monica Spada, presidente della manifestazione.

 

Clicca qui per maggiori informazioni sull’agenda di OMC 2021

 

 

 

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Cogenerazione

L'energia del sole, l'efficienza della cogenerazione

La cogenerazione consente di ridurre in modo importante il combustibile della produzione energetica, e conseguentemente anche...

Bosch

Sostenibilità e tutela dell'ambiente alla base delle strategie di Bosch Rexroth

La tutela dell’ambiente è da sempre alla base di tutte le innovazioni messe in atto da Bosch Rexroth, le quali...

Solvay

Solvay punta sull'energia solare: accordo con Falck per progetto decennale in Puglia

Solvay punta sull’energia rinnovabile e sottoscrive un Corporate Power Purchase Agreement (PPA) fisico con...

Share This