Record per OMC 2017: registrate 22mila presenze

6 Aprile 2017
OMC 2017

L’ultima edizione dell’Offshore Mediterranean Conference & Exhibition, tenutasi a Ravenna dal 29 al 31 marzo, è stata un grande successo per la presenza di visitatori, operatori del settore e rappresentanti dei Paesi produttori del Mediterraneo

 

L’Offshore Mediterranean Conference & Exhibition – OMC 2017 ha fatto registrare cifre da record per la XIII edizione: ben 22 mila persone sono state registrate, il 12% in più rispetto al 2015. L’altro risultato positivo è legato al numero degli espositori, raddoppiati in soli 10 anni: 650, provenienti da 30 Paesi su un’area espositiva (tra interno e esterno) di 35 mila mq, il 30% più del 2015. Va anche sottolineato che il livello tecnico dei contributi ricevuti per OMC 2017 è stato molto elevato.

Anche sui social la manifestazione ha avuto un importante risalto: #OMC2017 è stato top trend su twitter per la giornata di apertura.

“Numeri significativi che confermano che OMC, la principale vetrina dell’Oil&Gas nel bacino del Mediterraneo, è un importante punto di riferimento non solo per le aziende del settore ma anche per i Paesi produttori”, ha dichiarato il Presidente di OMC 2017 Innocenzo Titone, chiudendo i lavori della tredicesima edizione. “Ma la tre giorni di Ravenna si è distinta soprattutto per l’altissimo livello qualitativo dei panel che hanno visto confrontarsi ministri e Ceo dell’industria energetica per disegnare le strategie che saranno applicate per guidare la transizione verso un mix energetico sostenibile”.

“L’energia del futuro – ha sottolineato Titone – guarda all’Europa e passa per il Mediterraneo che deve diventare un hub del gas, principale fornitore dei Paesi europei. È la sfida partita da OMC 2017, luogo di incontro di popoli e culture che hanno ribadito l’importanza della cooperazione e di solidi principi di etica ambientale verso un’economia a basse emissioni. A Ravenna si sono ritrovate anche aziende e imprenditori del settore energetico, oltre che accademici, universitari e ricercatori. Gli studenti di oggi, accorsi numerosi nella capitale dell’energia, sono i professionisti di domani e OMC guarda loro con grande attenzione”.

L’OMC 2017 si conclusa con la premiazione dei migliori paper presentati. Di seuguito ecco i vincitori: Fabrizio Zausa (Eni) – Best Paper for Technical Content; Bianca Cecconi, (Geolog International) – Best Paper by a Young Talent. I migliori stand premiati sono stati: Pneumax – Best Design; Rosetti Marino – Best Stand Innovation; Drillmec – Best Technical Content; DG Impianti – Best Overall Quality.

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Rubix si rafforza nel settore della lavorazione materie plastiche

Rubix si rafforza nel settore della lavorazione materie plastiche

Rubix incorpora Barlotti Srl, da più di quarant'anni punto di riferimento per quanto riguarda le lavorazioni delle materie termoplastiche e...

Nuovi corpi illuminanti EXLUX con efficacia luminosa ottimizzata

Nuovi corpi illuminanti EXLUX con efficacia luminosa ottimizzata

La nuova generazione di corpi illuminanti EXLUX 6002/4 combina un'efficacia luminosa ottimizzata con una durata di vita particolarmente lunga

Nasce il tavolo di lavoro di Federazione Gomma Plastica dedicato all’energia

Nasce il tavolo di lavoro di Federazione Gomma Plastica dedicato all’energia

Il tavolo, formato da delegati delle aziende associate, si pone l’obiettivo di ascoltare le esigenze dei due settori industriali rappresentati...

Share This