Samso riqualifica lo stabilimento produttivo Deroma

5 Luglio 2022
Samso riqualifica lo stabilimento produttivo Deroma

Il progetto Samso comprende la rimozione di una parte della copertura del tetto di 18.000 mq. con bonifica amianto e l’installazione di un impianto fotovoltaico da 3MW, la cui energia sarà utilizzata in autoconsumo.

 

Deroma, azienda dalla lunga storia, che è stata fondata nel 1955 e specializzata nella produzione di vasi in terracotta, stringe un accordo con Samso Spa, società E.S.Co (Energy Service Company), per la realizzazione di un intervento di riqualificazione e efficientamento energetico dello stabilimento produttivo situato in via Pasubio, 17 a Malo.

 

Il progetto prevede la rimozione di una parte della copertura sul tetto, costituita da lastre di amianto, della grandezza complessiva di circa 18.000 metri quadri, per cui verrà gestita la procedura di bonifica e smaltimento. Successivamente verrà montata una nuova copertura e installato un impianto fotovoltaico dalla potenza pari a 3 MW. L’impianto, che sarà composto da 6.630 moduli fotovoltaici da 455 kWp, in silicio monocristallino ad alta efficienza, coprirà la superficie di circa 14.000 metri quadri complessivi.

Secondo la stima di Samso, l’impianto sarà in grado di produrre 3.351.000 kWh all’anno, energia rinnovabile che coprirà circa il 30% del consumo di elettricità da parte dell’azienda. L’energia prodotta sarà utilizzata in autoconsumo, per l’illuminazione e la climatizzazione degli uffici, e destinata anche all’alimentazione dei macchinari energivori utilizzati nel processo produttivo, come i forni per la cottura dei vasi in terracotta. La produzione di Deroma non si ferma mai, è sempre operativa, 7 giorni su 7.

Con questo intervento verranno ridotte le emissioni prodotte per 1357 tonnellate di Co2, equivalenti a 626 TEP – Tonnellate Equivalenti Petrolio. I lavori inizieranno nel secondo semestre 2022.

“Sempre più aziende – dichiara Igor Bovo, AD di Samso Spa – fanno strategie a medio-lungo termine per aumentare la propria quota di produzione di energia rinnovabile. Siamo certi che questo investimento sarà ben presto ripagato, visto il periodo complesso di rincari sulla bolletta energetica che stiamo vivendo, ma anche tenendo conto dei grandi benefici prodotti per l’ambiente e l’aumento di valore per il brand”.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Il Consorzio EUROfusion, composto da 21 organizzazioni italiane coordinate da ENEA, annuncia la progettazione del reattore dimostrativo, che produrrà 300-500...

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

Uno studio del PoliTo indaga le proprietà dei materiali per selezionare i migliori per lo stoccaggio dell’energia termica.

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Consorzio PI Italia vede nuove opportunità per ampliare il proprio raggio di azione legate al processo di produzione dell'idrogeno.

Share This