Solvay punta sull’energia solare: accordo con Falck per progetto decennale in Puglia

3 Giugno 2021
Solvay

Firmato un accordo con Falck Renewables per la fornitura di energia elettrica green a 4 stabilimenti italiani di Solvay con un risparmio di 15.000 tonnellate annue di CO2

 

Solvay punta sull’energia rinnovabile e sottoscrive un Corporate Power Purchase Agreement (PPA) fisico con Falck Renewables S.p.A della durata di 10 anni per lo sviluppo di un progetto solare in Puglia.

 

Il 70% dell’elettricità prodotta dall’impianto solare andrà a beneficio di quattro dei sei siti italiani di Solvay: Bollate, Ospiate, Livorno e Rosignano (Unità produttiva Perossidati), ottenendo una riduzione di emissioni annue di CO2 di oltre 15.000 tonnellate

Il Gruppo Solvay da tempo è impegnato nel ridurre il carbon footprint utilizzando sempre più energie rinnovabili e pulite. Nel 2020 ha implementato Solvay One Planet, la strategia che si ispira agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, per affrontare le principali sfide ambientali e sociali attraverso la scienza e l’innovazione. Un programma con obiettivi concreti che riguardano il clima, l’ambiente e il miglioramento della qualità della vita.

Il progetto solare, ubicato in provincia di Foggia, avrà una capacità di 41,1 MW e una produzione di circa 70 GWh di elettricità all’anno, equivalente all’energia necessaria a coprire il fabbisogno di circa 26.000 famiglie.

Il progetto è ideato per consentire un’integrazione tra la produzione elettrica rinnovabile e l’attività agricola. Il disegno attuale prevede l’alternanza di filari di pannelli solari e filari di ulivo.

Il piano prevede che la gestione dell’uliveto verrà affidata a operatori specializzati, anche organizzati in impresa sociale, consentendo la creazione di reddito ed occupazione locale.

Marco Colatarci, Country Manager di Solvay in Italia, commenta: “Il progetto di Falck Renewables è tra i più innovativi nell’ambito della valorizzazione delle energie rinnovabili. Questa è la linea intrapresa dal nostro Gruppo per l’ottimizzazione delle risorse: l’energia è una componente fondamentale per tutte le nostre attività industriali. La chimica moderna punta su ricerca e innovazione per soddisfare i trend di sviluppo collettivi e si pone concreti obiettivi di sostenibilità. Un approvvigionamento energetico pulito è la base di partenza per processi produttivi che possono raggiungere questi traguardi. Siamo orgogliosi che la maggior parte dei nostri stabilimenti italiani saranno presto alimentati con energia solare. Il nuovo impianto pugliese sarà anche integrato con una coltivazione di ulivi: questo ci piace ancor di più perché l’inclusione nel territorio è una delle nostre priorità, ovunque operiamo”.

Toni Volpe, Amministratore Delegato di Falck Renewables, dichiara: Il nostro obiettivo con questo progetto è trovare una sintesi tra investimenti in tecnologia e in agricoltura al servizio dei nostri clienti industriali. Siamo soddisfatti di contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità di un’importante realtà industriale come Solvay”.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Il Consorzio EUROfusion, composto da 21 organizzazioni italiane coordinate da ENEA, annuncia la progettazione del reattore dimostrativo, che produrrà 300-500...

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

Uno studio del PoliTo indaga le proprietà dei materiali per selezionare i migliori per lo stoccaggio dell’energia termica.

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Consorzio PI Italia vede nuove opportunità per ampliare il proprio raggio di azione legate al processo di produzione dell'idrogeno.

Share This