Tornano gli SPS Italia Digital Days, un appuntamento di formazione, aggiornamento e matchmaking

20 Maggio 2021
SPS Italia Digital

La conferenza stampa di presentazione dal titolo “The show must go on(line)” ha offerto un’anteprima su SPS Italia Digital Days 2021, l’evento che si svolgerà in rete dal 25 al 27 maggio, sulla piattaforma Contact Place.

Un’anticipazione sulle novità del format firmato SPS Italia, alla  sua seconda edizione, sui trend del settore e sulle strategie di  transizione 4.0, grazie alla voce di associazioni, aziende partner e  competence center. 

 

 

Donald Wich, Amministratore Delegato di Messe Frankfurt Italia ha aperto l’incontro virtuale dichiarando: “Nell’ultimo anno il progetto di SPS Italia ha avuto uno sprint dal punto di vista digitale. Siamo pronti per quello che sarà il futuro prossimo dell’industria fieristica, nel quale la manifestazione in presenza tornerà a essere l’appuntamento di riferimento, valorizzato dagli strumenti digitali che ne amplificheranno le opportunità”.

Tra gli interventi della conferenza stampa quello di Fabrizio Scovenna, Presidente ANIE Automazione, che in apertura, dati alla mano, ha inquadrato l’andamento del settore: “Presentiamo oggi la nuova edizione dell’Osservatorio dell’industria italiana dell’automazione che, dal punto di  vista del mercato, offre una panoramica su un anno, il 2020, profondamente segnato dalla pandemia e dal lockdown. Segnali positivi si registrano in questi primi mesi del 2021 con una consistente ripresa  degli ordini e forti indizi di crescita. In tale scenario, permane intatto il nostro compito di promuovere le  tecnologie che abilitano il processo di trasformazione digitale anche attraverso fiere ed eventi. Siamo certi che gli SPS Italia Digital Days replicheranno, anzi incrementeranno il successo dello scorso anno, grazie ai contenuti e alle soluzioni innovative presentate. Ma l’attuale  situazione ci consente di iniziare a programmare in sicurezza anche  eventi in presenza: per rispondere alle richieste delle nostre aziende riprenderemo nel prossimo autunno i Forum dedicati al Software Industriale e alla Meccatronica, con nuove opportunità di networking per  gli operatori del mercato”.

Nell’evento di presentazione il focus è stato anche sul rapporto  innovazione e territorio, grazie alla partecipazione di Artes e MADE Competence Center Industria 4.0, che si incontreranno nuovamente mercoledì 26 maggio nella tavola rotonda che vedrà il coinvolgimento di  tutti i Competence Center. 

Marco Taisch, Presidente, MADE – Competence Center Industria 4.0 Professore Ordinario, Advanced & Sustainable Manufacturing e Operations Management – Politecnico di Milano è intervenuto dichiarando: “In questi primi 18 mesi  in MADE abbiamo potuto incontrare, sia fisicamente che virtualmente, oltre 270 imprese. Grazie alle attività di formazione e orientamento,  abbiamo coinvolto circa 7.500 utenti, appartenenti ad oltre 3.000 imprese su tutto il territorio nazionale. È il primo passo di un percorso più articolato ma siamo molto contenti dei risultati che stiamo ottenendo. La prova dell’attinenza della nostra offerta con il tessuto produttivo è nei profili dei visitatori: l’82% delle imprese che si rivolgono a noi ha una dimensione tra la micro, piccola e media, in linea con gli obiettivi MISE per l’azione dei competence center. Dato che viene confermato anche nell’analisi delle proposte pervenute nel bando 2021 per i progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale, che abbiamo chiuso ad aprile”.

Il digitale – continua Taisch – è un’importante opportunità per migliorare l’equità sociale, l’inclusione e la parità di genere, soprattutto nel settore manifatturiero. Prendere decisioni in modo rapido e saper analizzare i dati rappresenta oggi un tema centrale nella produzione: le operatrici e gli operatori del futuro si troveranno sempre di più a collaborare in ambienti ibridi, caratterizzati da un’elevata presenza di sistemi informativi e di impianti, dove le competenze trasversali sono molto  richieste e apprezzate”.

Proprio con questo obiettivo, sotto la moderazione di Francesca Selva, Vice President Marketing & Events Messe Frankfurt Italia, è stata lanciata ufficialmente l’iniziativa “She SPS Italia, do you?”, per la valorizzazione del contributo femminile nell’ambito delle tecnologie per l’industria. L’esperienza di Lorna Vatta, Direttrice Competence Center ARTES e Teresa Minero, International Board of Directors, EU Leadership Team, Steering Committee Pharma 4.0TM ISPE; Founder & CEO LifeBee ci hanno reso partecipi di due storie di innovazione al femminile. 

 

SPS Italia Digital Days 

Dal 25 al 27 maggio la seconda edizione di SPS Italia Digital Days. Un evento rinnovato e accessibile gratuitamente, con la possibilità di fare networking in modo mirato entrando in contatto con le aziende partner – circa 90 – che rappresentano l’offerta più innovativa e completa in termini di tecnologie abilitanti per l’industria.

Tre giornate di convegni, incontri e workshop per orientarsi negli ambiti prioritari della digital trasformation: automazione avanzata, digital&software, robotica e meccatronica, additive manufacturing. Il programma, disponibile online, è consultabile per giornata o tipologia di appuntamento cliccando qui.

L’evento si svolge sulla piattaforma SPS Italia Contact Place, la  community che permette al mondo manifatturiero di rimanere in contatto  e che, grazie alla nuova funzione di matchmaking, aiuta gli utenti a  scoprire le aziende più in linea con i propri interessi e necessità. 

Su Contact Place è già possibile fissare gli appuntamenti con i responsabili e gli esperti delle aziende selezionando giorno, ora e  canale di contatto: clicca qui per fissare i tuoi appuntamenti. 

 

 

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

plastica riciclata

Additivi che migliorano la qualità della plastica riciclata

BASF lancia una nuova gamma di additivi che migliorano la qualità del materiale poliolefinico post-consumo e post uso industriale per...

La tecnologia waste-to-methanol converte chimicamente rifiuti urbani altrimenti smaltiti in discarica o avviati all’incenerimento, in un gas di sintesi da cui si ottiene il metanolo.

Patto per la tecnologia 'waste to methanol'

MyRechemical e Johnson Matthey cooperano per sviluppare commercialmente la tecnologia 'waste-to-methanol' a livello mondiale e...

Nuovi prepolimeri Low-Free di LANXESS

Nuovi prepolimeri Low-Free di LANXESS

Dall'azienda leader nella produzione di specialità chimiche LANXESS arrivano due nuovi prepolimeri a bassissimo contenuto di diisocianato...

Share This