Wärtsilä sperimenta la miscelazione di idrogeno verde

16 Giugno 2022
Wärtsilä sperimenta la miscelazione di idrogeno verde

Il gruppo tecnologico collabora con Capwatt per un progetto di miscelazione di idrogeno in Portogallo, realizzando uno dei primi casi in cui H2 verde verrà utilizzato per ridurre l’impronta di carbonio di una centrale elettrica a gas.

 

Wärtsilä collaborerà con il fornitore portoghese di soluzioni energetiche e produttore indipendente di energia elettrica Capwatt nella sperimentazione di una miscela di idrogeno verde e gas naturale per la centrale elettrica situata a Maia, in Portogallo.

 

Il progetto inizierà nel primo trimestre del 2023 e mira a testare miscele fino al 10% di volume di idrogeno verde. L’impianto di cogenerazione che fornisce energia a Sonae Campus e alla rete nazionale opera attualmente con un motore Wärtsilä 34SG a gas naturale. Sarà uno dei primi casi in cui l’idrogeno verde verrà utilizzato per ridurre l’impronta di carbonio di una centrale elettrica Wärtsilä alimentata a gas.

Il motore Wärtsilä presente nel sito è già in grado di funzionare con gas fino al 3% di idrogeno. Per raggiungere il livello mirato di miscelazione del 10% e soddisfare le esigenze specifiche di Capwatt, saranno apportate modifiche al motore, al suo sistema di controllo e al sistema di automazione dell’impianto. Capwatt intende produrre idrogeno verde utilizzando un elettrolizzatore, alimentato da energia rinnovabile.

 

“Siamo impegnati nella decarbonizzazione delle nostre attività e consideriamo la miscelazione di idrogeno e gas naturale per l’alimentazione di questo impianto un passo significativo verso il raggiungimento di questo obiettivo”. Wärtsilä è un’azienda con grande esperienza e know-how in questo campo e siamo ansiosi di lavorare a stretto contatto con loro in questo progetto innovativo”, ha commentato Sérgio Rocha, CEO di Capwatt.

 

“Questo progetto dimostra concretamente come le centrali elettriche esistenti possano compiere passi avanti verso una produzione di energia a zero emissioni, ha dichiarato Sushil Purohit, Presidente di Wärtsilä Energy e EVP di Wärtsilä Corporation. “Come tecnologia, il motore a combustione rappresenta una soluzione valida per consentire la trasformazione verso l’utilizzo di combustibili futuri. La flessibilità dei motori Wärtsilä svolge già un ruolo importante nel consentire di incorporare una quota molto maggiore di energia rinnovabile nei sistemi di alimentazione.”

 

Il progetto è in linea con la Strategia nazionale del Paese, che mira ad aumentare la quota di idrogeno nel consumo energetico del 5% entro il 2030 nel settore industriale. Nel prossimo decennio, l’obiettivo è di avere 2,0-2,5 GW di capacità installata di produzione di idrogeno e di iniettare il 10-15% di idrogeno nella rete del gas naturale.

 

“La partnership strategica con Capwatt è in perfetta linea con la richiesta dello scenario attuale, ovvero l’aumento di produzione di energie rinnovabili, e con la mission di Wärtsilä – ha spiegato Marco Golinelli, Senior Business Development Manager di Wärtsilä Energy – L’idrogeno è fondamentale per il processo di decarbonizzazione, ma occorre che vi siano le condizioni ideali affinché possa essere correttamente stoccato e distribuito. Attualmente, le tecnologie per la produzione e lo stoccaggio dell’idrogeno hanno costi ancora troppo elevati. Per questo stiamo portando avanti, in maniera del tutto innovativa, dei test per i suoi motori a gas di bilanciamento per permettere la loro conversione in modo da utilizzare idrogeno puro come combustibile: al momento ne viene bruciato il 25% della capacità complessiva”

 

Capwatt ha un portafoglio di quasi 160 MW di impianti di cogenerazione che possono beneficiare del know-how di questo progetto, che svolgerà un ruolo significativo nella decarbonizzazione della domanda di energia termica, consentendo la transizione energetica dei suoi clienti industriali.

Wärtsilä sta conducendo ricerche su diversi combustibili sostenibili per fornire ai clienti soluzioni a prova di futuro, in modo da sostenere la transizione verso un futuro di energia 100% rinnovabile e contribuire alla decarbonizzazione del pianeta. L’abilitazione al funzionamento dei motori con miscele di idrogeno è un passo fondamentale per rendere le installazioni esistenti a prova di futuro.

I motori Wärtsilä possono funzionare con miscele di idrogeno/gas naturale fino al 25% di idrogeno e l’azienda sta lavorando per realizzare un concetto di motore e centrale elettrica per il funzionamento a idrogeno puro entro il 2025. Wärtsilä dispone già di gruppi elettrogeni funzionanti con successo con una miscela di gas naturale e idrogeno in una centrale elettrica di nuova costruzione presso un banco di prova galleggiante offshore a Singapore. 

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Primo impianto di accumulo al mondo dotato di batterie alla CO2

Primo impianto di accumulo al mondo dotato di batterie alla CO2

La tecnologia di Energy Dome permette di conservare l'energia alla metà del costo dei sistemi che utilizzando batterie agli ioni...

mcTER 2022 torna a Milano il 23 giugno

mcTER 2022 torna a Milano il 23 giugno

Grande attesa per l’evento di riferimento per Cogenerazione, Idrogeno, Bioenergie e Smart Efficiency.

ENGIE e Ansaldo Green Tech puntano sulla produzione di H2

ENGIE e Ansaldo Green Tech puntano sulla produzione di H2

La partnership prevede lo sviluppo e la realizzazione di impianti di produzione di idrogeno da fonti rinnovabili in aree industriali.

Share This