ABB e B&R presentano la prima soluzione Machine-Centric Robotics completamente integrata

27 Febbraio 2020
Abb

B&R, unità della business ABB Robotics and Discrete Automation, ha presentato l’integrazione dei robot ABB nel proprio portfolio di automazione

 

Con la capacità di offrire livelli senza precedenti di flessibilità delle macchine e precisione, la fusione del controllo di robot e macchina in un’unica architettura unificata consentirà ai produttori di abbracciare la tendenza della personalizzazione di massa e ottimizzare i processi con lotti di dimensione unitaria. In occasione di Innovations Day, tenutosi a Parma lo scorso giovedì, è stata presentata la completa integrazione dei robot ABB nei sistemi di controllo B&R che è ora in grado di fornire ai costruttori di macchine automazione e robotica da un unico fornitore.

 

Un unico interlocutore per tutta l’automazione

L’integrazione dei robot ABB nel portfolio B&R ci rende un vero e proprio one-stop-shop. Siamo l’unica azienda a offrire ai clienti di automazione industriale l’intera gamma di soluzioni hardware e software integrate per il controllo, l’azionamento, la robotica, la sensoristica, l’analisi e l’elettrificazione. La nostra forza sta nella capacità di combinare i prodotti ABB e B&R in un’unica soluzione, supportata dalla nostra profonda esperienza applicativa. Questo aiuterà la manifattura ad aumentare la sua flessibilità, a tutti i livelli, comprese le macchine, per supportare cicli di prodotto più brevi e per realizzare lotti molto più piccoli e di maggiore varietà“, ha dichiarato Sami Atiya, Presidente della business ABB Robotics and Discrete Automation.

Sincronia e prestazioni senza precedenti

I costruttori di macchine potranno scegliere tra un’ampia gamma di robot ABB, tra cui robot antropomorfi, gli SCARA, i delta e i pallettizzatori, disponibili in varie taglie e payload. Ciò è particolarmente importante in quelle situazioni dove è richiesto un coordinamento stretto con tutte le altre parti in movimento, ad esempio nelle applicazioni pick and place. Con i robot ABB integrati nel sistema di automazione delle macchine, i clienti potranno beneficiare di un livello di sincronizzazione senza precedenti tra robotica e controllo macchina. Poiché il robot non richiederà più un controller dedicato, tutte le interfacce tra la macchina e il robot vengono eliminate. Inoltre con assi e sensori che comunicano su una rete comune, aumenta la precisione a livelli sinora inimmaginabili, arrivando a tempi di dell’ordine del microsecondo.

Footprint ridotto

Robotica e automazione integrati significa anche che basta un solo controller e un unico ambiente per la progettazione, diagnostica e manutenzione, quindi non sarà più richiesto un quadro elettrico dedicato al robot, con conseguente risparmio di spazio in fabbrica.

Controllare robot? Facile come gestire qualunque asse in macchina

Una programmazione semplificata è un altro vantaggio decisivo che deriva dalla combinazione della robotica con il controllo della macchina. Invece di programmare la robotica e macchina con software differenti, ci sarà un’unica applicazione e un solo ambiente di sviluppo – ben noto ai progettisti di macchine – niente interfacce. Questo aiuterà a ridurre significativamente i tempi di sviluppo. Con i moduli pronti all’uso di mapp Technology, inoltre, gli sviluppatori possono trascinare gli elementi mapp e configurare rapidamente l’applicazione della macchina, compresi i robot, senza bisogno di essere esperti o di conoscere linguaggi specifici per la robotica.

La nostra nuova soluzione integrata ci permette di supportare i costruttori di macchine, migliorando i loro processi e salvaguardando i loro investimenti in automazione. Tradizionalmente il robot è un sistema autonomo, con un proprio controller e un proprio quadro elettrico. L’ingegneria, la diagnostica e la manutenzione richiedono in genere sistemi dedicati e con un linguaggio robotico specifico: e spesso è necessario un programmatore specializzato“, ha dichiarato Hans Wimmer, Amministratore Delegato di B&R. “Con l’integrazione dei robot ABB in un’unica, semplice architettura, creiamo un sistema di automazione completamente integrato. Per gli sviluppatori di macchine, ora non fa alcuna differenza se devono integrare nella macchina un motore o un intero robot“.

Perfetta sincronizzazione

Anche la sincronizzazione tra sensori e il movimento del robot diventerà più facile con l’integrazione. Ad esempio, il risultato di un’ispezione di qualità con una telecamera B&R può essere convertito in un comando di controllo per il robot ABB in meno di un millisecondo, in modo che i pezzi difettosi possano essere rimossi dal processo produttivo senza interventi manuali o rallentando il processo produttivo.

Il costruttore della macchina non deve più quindi utilizzare hardware, reti di comunicazione e applicazioni separate, questo gli permette di ottenere una sincronizzazione molto più stretta tra il robot e gli altri componenti della macchina. I movimenti del robot e tutti gli assi in macchina possono essere coordinati con una precisione al microsecondo – senza precedenti – aumentando la produttività della macchina e la qualità del prodotto.

I robot sono programmati nell’ambiente di progettazione universale di B&R, come tutti gli altri componenti di automazione. Grazie al digital twin l’utente può anche simulare e ottimizzare l’intera sequenza di movimento della macchina, robotica inclusa, prima della costruzione della macchina stessa. Questo rende l’ingegnerizzazione e lo sviluppo più rapidi ed economicamente convenienti.

 

Fonte: Media Relations ABB

ARTICOLI CORRELATI

Auma Service

AUMA Service lancia un nuovo supporto via live video

AUMA amplia la propria offerta di servizi lanciando sul mercato AUMA Service Live Video, il nuovo supporto telematico per...

sensori capacitivi

Sensori capacitivi: senza contatto e senza retroazione

Con i sensori capacitivi Leuze è possibile rilevare anche il livello di riempimento di liquidi o di materiale sfuso a...

Sapio

Appello Sapio: restituite le bombole d’ossigeno vuote

Parte da Monza l’appello per riutilizzare le bombole vuote fondamentali per trasportare l’ossigeno a chi ne ha bisogno

Pin It on Pinterest

Share This