Emirati Arabi Uniti: cresce l’importanza dell’energia solare

23 Gennaio 2017

L’importanza dell’energia solare negli Emirati Arabi Uniti è cresciuta di parecchio negli ultimi anni. Nel 2016 è arrivata la consacrazione, poiché la produzione è migliorata sia dal punto di vista tecnologico, che da quello economico: adesso l’energia solare può essere considerata una valida alternativa rispetto alle fonti tradizionali.

 

Il Mohammed bin Rashid Al Maktoum, il più grande progetto strategico di energia solare in un unico sito al mondo, è l’esempio lampante di produzione indipendente di energia alternativa e della nuova tendenza che vogliono avviare gli Emirati.

Lo sviluppo del sito è stato diviso in quattro fasi e tutto è iniziato nel 2013, quando la prima è diventata operativa, con l’obiettivo di raggiungere i 13Mw. Le procedure per arrivare alla seconda fase, operativa entro il 2017, sono già in moto e si dovrebbero raggiungere i 200 Mw. Proprio all’inizio della scorsa settimana è stato comunicato alla stampa che la costruzione della fase 3, che si pone l’obiettivo degli 800Mw, avrà inizio alla fine di gennaio con l’aggiudicazione del contratto per il progetto.

Si prevede che la capacità totale del Mohammed bin Rashid Al Maktoum Solar Park debba raggiungere i 1000 Mw entro il 2020, per arrivare fino a 5000 Mw entro il 2030. I costi dell’operazione sono imponenti: si parla di ben 50 miliardi di dirham di investimenti complessivi.

Sempre in tempi recenti, la Dubai Electricity and Water Authority  (DEWA) ha dato il via a una gara d’appalto, per portare avanti la quarta fase del Mohammed bin Rashid Al Maktoum Solar Park, che non sarà operativa prima dell’ aprile del 2021.

Questa parte  dello sviluppo rientra nella 2050 Dubai Energetic Clean Strategy, che mira a generare energia pulita pari al 7% della potenza totale di Dubai entro il 2020, il 25% entro il 2030 e 75% entro il 2050, il tutto attraverso una diversificazione graduale del mix energetico.

La desalinizzazione sarà uno degli impieghi strategici in cui verrà utilizzata l’energia pulita: da sola questa regione del Middle East and North Africa (MENA) possiede circa il 38% della capacità di desalinizzazione del mondo.

I governi si sono rivolti a questo tipo di soluzione su larga scala e al trattamento delle acque reflue, per soddisfare la domanda di acqua in una regione che è sempre arida.

Energia solare e desalinizzazione sono quindi l’accoppiata vincente su cui puntano gli Emirati Arabi Uniti, un’unione che potrebbe contribuire al risparmio di carburante, riducendo in modo significativo la presenza di CO nella regione.

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Enipower

Visita alla centrale di cogenerazione Enipower di Bolgiano

In occasione del primo appuntamento di networking 2024 organizzato dalla Filiera Energy Sustainable Global Chain di Assolombarda, la nostra redazione...

biometano da rifiuti organici a ferrara

Biometano da rifiuti organici, a Ferrara un importante investimento del Gruppo SGR

L'impianto nel comune di Copparo sarà un’eccellenza nell’ambito della biodigestione anaerobica e del compostaggio per la produzione di biometano avanzato.

ammoniaca Pepperl+Fuchs

L'ammoniaca come soluzione futura per il trasporto dell'idrogeno

Pepperl+Fuchs risponde alle esigenze delle infrastrutture con un portafoglio di componenti automatici dedicati ai nuovi scenari energetici. 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

IndustryChemistry

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a: Anes  Assolombarda