Eni, partnership con A2A per la gestione dei rifiuti industriali

29 Aprile 2020
Eni Rewind

Siglato un Memorandum of Understanding tra Eni Rewind e A2A Ambiente per la gestione di rifiuti speciali di natura industriale

 

Eni, attraverso la società ambientale Eni Rewind, e A2A Ambiente hanno siglato un Memorandum of Understanding nell’ambito delle migliori pratiche di economia circolare per l’avvio di una collaborazione per la gestione di rifiuti speciali di natura industriale, l’ottimizzazione dei processi e l’individuazione di innovative soluzioni impiantistiche “End-to-End”.  

 

Eni Rewind opera in linea con i principi dell’economia circolare per valorizzare i terreni, le acque e i rifiuti, industriali o derivanti da attività di bonifica. Grazie al proprio modello operativo integrato la società gestisce, d’intesa con le comunità che la ospitano, progetti di risanamento e di recupero sostenibili, sia in Italia che all’estero. Dal 2018 Eni Rewind ha avviato inoltre progetti per il trattamento dei rifiuti organici mediante l’applicazione della tecnologia proprietaria Waste to Fuel di Eni che trasforma la frazione organica dei rifiuti solidi urbani in bio olio e acqua. Nel 2019 la società ha gestito circa 2 milioni di tonnellate di rifiuti, di cui il 90% per conto di Eni, e trattato circa 31 milioni di metri cubi di acque, recuperandone oltre 5 milioni grazie ai 42 impianti di trattamento che gestisce su tutto il territorio italiano.

A2A Ambiente, società del Gruppo A2A, è il primo operatore ambientale in Italia, protagonista di tutta la catena del valore della gestione dei rifiuti, dalla raccolta al recupero. Con una dotazione impiantistica che si caratterizza per affidabilità e innovazione, sicurezza ed elevate performance ambientali, è in grado di trattare oltre 5 milioni di tonnellate all’anno. A2A Ambiente progetta, realizza e gestisce impianti che trasformano i rifiuti in nuova materia o in energia, in linea con i principi della green economy.

E’ nel Dna di A2A l’intraprendenza, l’innovazione e l’alleanza con partner qualificati e metterle a servizio dell’economia circolare e a vantaggio dei territori, e la firma di questo memorandum con Eni, di cui siamo molto soddisfatti, incontra perfettamente questa visione”, ha dichiarato Valerio Camerano, Amministratore Delegato del Gruppo A2A.La nostra missione, ribadita nel nuovo Piano Industriale del Gruppo recentemente approvato,  è assicurare un importante contributo nei settori ambientali più deficitari in campo nazionale: un obiettivo per cui abbiamo previsto importanti investimenti e la realizzazione di 12 nuovi impianti”. 

Abbiamo fatto un altro passo avanti verso la costruzione di un sistema virtuoso, che coinvolga i principali soggetti del nostro sistema economico, finalizzato a mettere a fattor comune tecnologie e competenze a servizio della creazione di un futuro sempre più pulito e improntato all’economia circolare“, ha commentato Claudio Descalzi, Amministratore Delegato Eni. A valle del positivo completamento delle attività previste dall’accordo, Eni Rewind e A2A Ambiente valuteranno un piano di iniziative comuni nel settore dei rifiuti industriali atto a colmare le attuali carenze gestionali e infrastrutturali che caratterizzano il contesto italiano ed europeo.

 

ARTICOLI CORRELATI

Riduttori industriali

Innovazione tecnica nei processi di miscelazione e agitazione

I riduttori industriali MAXXDRIVE® NORD sono una soluzione eccellente per l’uso nei grandi miscelatori e assicurano un funzionamento affidabile anche...

Smart-plant

Smart-plant, tecnologie che recuperano risorse dalle acque reflue

Allo sviluppo del progetto europeo quadriennale di valorizzare e trasformare gli impianti di depurazione esistenti, hanno contribuito...

Vanzetti

Vanzetti Engineering, l’innovazione domina i mari

Per le applicazioni del Gas Naturale Liquefatto in ambito navale, Vanzetti Engineering propone le pompe centrifughe...

Pin It on Pinterest

Share This