La cogenerazione asset energetico fondamentale per la competitività delle aziende italiane

25 luglio 2019
carbon footprint

Grazie a Intergen le imprese produttive e di servizi possono ridurre la “carbon footprint” anche a livello paese, contribuendo in modo decisivo alla sostenibilità

 

La “carbon footprint” (impronta di carbonio) è una misura che esprime in CO2 equivalente il totale delle emissioni di gas ad effetto serra generate nel ciclo di vita di un prodotto/servizio: più basso è questo numero e più l’azienda può essere definita sostenibile. Intergen può testimoniare quanto la riduzione di emissioni di gas serra conseguente all’adozione della cogenerazione possa aiutare nella riduzione della “carbon footprint”, quindi nella sostenibilità ambientale dell’azienda.

Gli elementi che concorrono a calcolare questa “impronta di carbonio” sono diversi, dalla scelta della materia prima fino alla distribuzione del prodotto e, eventualmente, al processo di  smaltimento. Fra questi rientrano le emissioni di CO2 prodotte durante la produzione: l’utilizzo della cogenerazione per produrre energia elettrica e calore permette di ridurre le emissioni di CO2, quindi ridurre la “carbon footprint” legata al processo produttivo.

L’importanza della cogenerazione per produrre energia elettrica e calore ad uso di processo e per alimentare le utenze in ambito industriale è ampiamente confermata da un recente studio del Politecnico di Milano: dei 2,4 Miliardi di euro di investimenti in efficienza energetica nel 2018 la cogenerazione è al secondo posto, con 443 Milioni. In particolare le aziende alimentari, con una ripartizione dei consumi al 56% legati a servizi ausiliari e generali e 44% al processo produttivo, con forti esigenze di refrigerazione e con processi ad elevata intensità di calore, hanno significativi risparmi economici dall’utilizzo di sistemi di cogenerazione. A questi si sommano i benefici ambientali per la riduzione di emissioni CO2.

“I messaggi chiave associati alla cogenerazione sono abbassamento delle emissioni gassose e riduzione dei costi, elementi che contribuisco in modo significativo a migliorare competitività delle aziende”, afferma Lorenzo Ronchi, marketing director Intergen “fra i nostri clienti rientrano importanti aziende, particolarmente attente alla qualità del prodotto e del processo produttivo e soprattutto alla riduzione delle emissioni gassose in atmosfera.

Esempi di eccellenza italiana sono Igor Gorgonzola, che grazie alla cogenerazione ha ridotto la spesa energetica del 48,4% e le emissioni di CO2 del 30% ogni anno, e Rovagnati, che ha scelto noi per ben due impianti riducendo la spesa energetica del 45,3% e le emissioni del 29%; tutto ciò a vantaggio del sistema Paese sia dal punto di vista ambientale ma anche come asset per rilanciare le aziende italiane.”

 

Fonte: Updating

ARTICOLI CORRELATI

Comau

Comau rafforza la sua posizione nel campo dell'E-mobility attraverso un progetto innovativo con Leclanché

Comau e Leclanché sviluppano una delle prime linee automatizzate al mondo per la produzione industriale di soluzioni per l'accumulo energetico...

NewPV

Energia solare per ricaricare lo smartphone: sistema a costo zero e senza emissioni di CO2

Grazie a Intergen le imprese produttive e di servizi possono ridurre la “carbon footprint” anche a livello paese, contribuendo in...

Energia dal mare

Energia dal mare: nuovi modelli ENEA per previsioni hi-res di onde e maree nel Mediterraneo

Stimare la produzione di energia dal mare grazie alle previsioni ad alta risoluzione di onde e correnti di marea nel...

Pin It on Pinterest

Share This