L’impianto di collaudo per test criogenici realizzato da Martinalli e Intech con Telmotor

16 Marzo 2020
Martinalli

Oleodinamica Martinalli ha realizzato un impianto per il test criogenico per verificare la tenuta delle valvole a bassissime temperature. Fondamentali i contributi di Telmotor e INTECH.

 

Telmotor, azienda italiana con oltre 40 anni di esperienza nel settore delle forniture elettriche, ha fornito la propria consulenza a Oleodinamica Martinalli, punto di riferimento nel mondo dell’oleodinamica, dell’alta pressione e di banchi di collaudo per il settore Oil&Gas il cui obiettivo è garantire la massima soddisfazione del cliente.

 

Il nuovo impianto di collaudo per test criogenici, in grado di testare la tenuta delle valvole a -196° C, si avvale infatti delle innovative soluzioni Siemens proposte da Telmotor e fornite in qualità di Distributore certificato Solution Partner Automation Drives di Siemens.
Un progetto ultimato anche grazie al prezioso contributo di INTECH, integratore del sistema di automazione, che ha fornito l’interfaccia con cui sviluppare la soluzione.
Il processo di controllo delle valvole prevede un test criogenico con raggiungimento di temperature di -196°C secondo ISO 28921-2 all’interno di vasche iper-isolate e dimensionate in funzione del modello e della tipologia di valvola fino a DN900. Il layout di impianto prevede 3 vasche di differenti dimensioni gestite attraverso due consolle di comando, in grado di generare test automatici in alta pressione con elio e azoto fino a 500 Bar. Le consolle sono munite di interfaccia HMI e comandi manuali posizionati sulle stesse. L’impianto prevede per ogni vasca un sistema di canalizzazioni di immissione ed estrazione aria, gestite attraverso dei PID di regolazione, che mantengono la temperatura costante nella zona di processo. Per fini di sicurezza e per monitorare la quantità di ossigeno nell’area di controllo, sono stati poi posizionati in prossimità delle vasche 8 sensori di rilevamento della concentrazione di ossigeno nell’aria.

L’architettura del sistema di controllo prevede l’impiego delle soluzioni fornite da Telmotor: un PLC Siemens Simatic S7-1500F di sicurezza, con quattro stazioni di periferia decentrata ET200SP. La supervisione è stata realizzata utilizzando il software Scada Siemens WinCC V7.5, con 3 PC industriali Siemens formato rack (1 Simatic IPC547G server e 2 Simatic IPC347E client).
Una particolarità del sistema di supervisione consiste nella presenza di 6 monitor da 22” e 2 monitor da 55” (dislocati in cabina di supervisione e sulle due consolle), comandati dalle stazioni IPC (funzionalità multi-monitor).

martinalli2Sui monitor, oltre alle informazioni di processo (PLC), sono visualizzate le immagini di videosorveglianza provenienti da una rete di telecamere IP, che possono essere comandate dagli operatori. Il PLC S7-1500F gestisce, oltre alla rete Profinet IO, anche una comunicazione Modbus TCP e lo scambio dati (mediante PN/PN Coupler), con le apparecchiature di gestione dei test criogenici e della regolazione di azoto.

Infine, la soluzione di videosorveglianza prevede 5 telecamere di cui 3 del tipo “Speed dome” con obiettivo 30X, a movimentazione meccanica 360°. Le ulteriori 2 telecamere sono fisse ma dotate di zoom motorizzato per il controllo di sezioni nella parte esterna della struttura. L’operatore può manovrare le telecamere tramite integrazione sui PC Siemens oppure tramite un joystick dedicato.
Il sistema prevede anche un video-registratore digitale che, oltre ad un backup dei processi produttivi, concentra le immagini su un’unica uscita HDMI con i 5 flussi video, disponibili anche su un display di grandi dimensioni (55”) . 

Grazie al know-how di Telmotor, Oleodinamica Martinalli potrà quindi continuare a garantire la professionalità, la competenza e la flessibilità che caratterizzano le sue soluzioni.

Esperienza, capacità di scelta dei prodotti migliori, un servizio sempre attento al cliente e l’attitudine al problem solving fanno di Telmotor il partner ideale per sviluppare collaborazioni solide e durature nel tempo, soddisfacendo appieno le aspettative dei propri clienti.

 

Fonte: Ufficio Stampa Telmotor

ARTICOLI CORRELATI

sensori capacitivi

Sensori capacitivi: senza contatto e senza retroazione

Con i sensori capacitivi Leuze è possibile rilevare anche il livello di riempimento di liquidi o di materiale sfuso a...

Sapio

Appello Sapio: restituite le bombole d’ossigeno vuote

Parte da Monza l’appello per riutilizzare le bombole vuote fondamentali per trasportare l’ossigeno a chi ne ha bisogno

termocamere

Termocamere automatizzate per il monitoraggio delle torri per flaring

La tecnologia termografica FLIR aiuta le compagnie petrolifere e del gas a riconoscere la differenza tra la firma termica di...

Pin It on Pinterest

Share This