Nuova immagine per il leader del mercato termotecnico industriale

30 Agosto 2016
mercato termotecnico industriale

Babcock Wanson, azienda leader nel settore della termotecnica industriale con sede a Cavenago Brianza (MB), propone importanti novità nella sua organizzazione.

 

Con 680 addetti (150 solo nel nostro Paese) e due siti produttivi principali (in Italia e in Francia), Babcock Wanson, realtà storica e leader riconosciuta nel mercato termotecnico industriale a livello mondiale, negli ultimi mesi ha conosciuto alcune interessanti novità. A partire dallo scorso anno, infatti, Babcock Wanson ha intrapreso un efficace progetto di evoluzione ed integrazione, sviluppando una nuova organizzazione unitaria con una rinnovata struttura internazionale.

Grazie a questo nuovo modello, viene promosso un approccio in grado di affrontare in modo globale le specificità dei vari mercati (differenti per geografia, normative e caratteristiche locali), centralizzando le attività cardine dello sviluppo dei prodotti, costruzione e la gestione dei progetti. Al tempo stesso, si punta ad incrementare localmente i contatti diretti con i clienti finali, dalla gestione commerciale all’implementazione delle realizzazioni e, quindi, le attività di After Sales.

Questo nuovo approccio ha avuto un risvolto anche a livello di immagine, con il rinnovamento del logo Babcock Wanson, lanciato ufficialmente a Febbraio 2016. L’obiettivo è di quello di comunicare nei Paesi in cui la società è già presente direttamente o indirettamente, sia altrove, il rinnovamento del proprio impegno e la chiara intenzione di evolversi nella direzione del supporto globale alla propria clientela. Tecnicamente, le linee guida principali sono il controllo dell’impatto ambientale e l’ottimizzazione energetica delle realizzazioni, con progetti completi, spesso realizzati “chiavi in mano”.

Le numerose e differenziate esigenze produttive richiedono sempre più progettazioni e costruzioni specifiche, gestione di progetti complessi e rinnovamento delle capacità progettuali. È molto075-babcockdiffuso lo sviluppo “su misura” delle applicazioni e ciò richiede un ulteriore sforzo ingegneristico con produzioni “a commessa” che però incrementano la capacità di Babcock Wanson, forte della sua vasta esperienza storica, di proporre interessanti e fondamentali vantaggi competitivi. In questo senso è decisivo l’approccio delle commesse basato sulle leve del Project Management nell’ottica di seguire le esigenze dettagliate dei progetti, congruentemente con le personalizzazioni richieste dalle esigenze produttive e dalle aspettative dei clienti.

Per garantire al meglio il supporto alla clientela, il modello prevede l’incremento della struttura tecnica Babcock Wanson e della rete internazionale, con nuove agenzie e rappresentanze After Sales.
La nuova organizzazione prevede la definizione di linee di prodotto principali.
Sistemi di ossidazione termica e post combustione, impianti recuperativi e rigenerativi, Incinex.
Caldaie a serpentino a vaporizzazione istantanea e a olio diatermico, scambiatori di calore aria-fumi, olio-acqua-vapore, recuperatori, più altri prodotti storici.
Generatori di vapore a tubi da fumo.

L’After Sales viene sviluppato in modo integrato tra le varie realtà del gruppo, si privilegia la centralizzazione delle soluzioni e la delocalizzazione delle attività. Babcock Wanson sta implementando molte soluzioni legate all’informatizzazione del rapporto con i clienti per i lavori di manutenzione, di supervisione remota, trattamento acque etc. Nei Paesi in cui la società è presente operano staff di tecnici qualificati ed esperti, coordinati su scala globale per l’ottimizzazione delle informazioni e delle risorse.

 

babcock-02

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Il Consorzio EUROfusion, composto da 21 organizzazioni italiane coordinate da ENEA, annuncia la progettazione del reattore dimostrativo, che produrrà 300-500...

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

Uno studio del PoliTo indaga le proprietà dei materiali per selezionare i migliori per lo stoccaggio dell’energia termica.

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Consorzio PI Italia vede nuove opportunità per ampliare il proprio raggio di azione legate al processo di produzione dell'idrogeno.

Share This