Presentazione dell’interruttore di sicurezza per porte con codifica elevata serie D41

16 Agosto 2021
interruttore di sicurezza

Omron presenta l’interruttore che riduce il rischio di disattivazione dei dispositivi di interblocco, per un sito di produzione sicuro e senza problemi

 

Alcuni incidenti industriali sono causati dalla manomissione dei dispositivi di interblocco utilizzati per le protezioni di sicurezza, sebbene potrebbe essere evitati. Poiché questi incidenti hanno spesso conseguenze serie in molti paesi, è necessario standardizzare la prevenzione delle manomissioni. Molti paesi adottano la norma EN ISO 14119:2013 che definisce le misure necessarie per ridurre al minimo la disattivazione dei dispositivi di interblocco e che sta diventando lo standard globale.

Ridurre il rischio di manomissione utilizzando sistemi a codifica elevata

Grazie alla funzione integrata per evitare la disattivazione dell’interruttore stesso, è possibile ridurre il rischio di disattivazione delle protezioni. Nell’interruttore di sicurezza per porte “con codifica elevata” la combinazione di sensore e attuatore viene fissata mediante l’abbinamento con oltre 1000 varianti disponibili.

D41D di Omron

  • Il design compatto si adatta agli spazi ristretti all’interno delle macchine e non ostacola l’accesso attraverso le aperture
  • Il D41D si abbina al design della macchina offrendo al contempo un’eccellente versatilità di montaggio
  • L’abbinamento di tutti gli interruttori collegati in serie può essere eseguito in una volta sola, riducendo i tempi di progettazione e messa in funzione

Ulteriori informazioni sul D41D

Blocco di protezione D41L di Omron

  • Design igienico che impedisce l’accumulo di acqua e corpi estranei. Inoltre, la resistenza ai detergenti certificata ECOLAB consente di eseguire le operazioni di pulizia in modo semplice e rapido
  • Tolleranza elevata per il disallineamento della protezione

Ulteriori informazioni sul D41L

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

PET

Un biocatalizzatore per degradare il PET

Una ricerca del laboratorio dell’Università dell’Insubria ha prodotto un enzima in grado di degradare il polietilene tereftalato nei suoi componenti.

Shell costruisce con thyssenkrupp la 'Holland Hydrogen I'

Shell costruisce con thyssenkrupp la 'Holland Hydrogen I'

thyssenkrupp installerà per Shell un impianto di idrogeno verde da 200 MW nel porto di Rotterdam, fulcro di Hydrogen Holland

Upcycling di bottiglie di plastica in idrogel

Upcycling di bottiglie di plastica in idrogel

Ricercatori giapponesi trasformano un polimero di derivazione petrolchimica (PET) in un idrogel a base d'acqua, con applicazioni versatili.

Share This