Prima produzione di acciaio elettrica al mondo

18 Gennaio 2022
Prima produzione di acciaio elettrica al mondo

Algoma Steel Group ha scelto Danieli come unico fornitore tecnologico per la sua transizione completa dalla produzione di acciaio integrata a quella elettrica.

 

Il principale produttore canadese di prodotti in lamiera e lamiera d’acciaio laminati a caldo e a freddo ha selezionato Danieli di Buttrio come unico fornitore tecnologico per la transizione verde della propria acciaieria. La commessa vale per la multinazionale friulana 185 milioni di dollari solo per i macchinari e l’automazione 4.0.

 

La tecnologia di fusione Digimelter selezionata e alimentata dal sistema di alimentazione digitale Q-One porterà a una riduzione di circa il 70% delle emissioni di carbonio, posizionando Algoma come fornitore leader di acciaio verde in Nord America.

Da installare presso Algoma Steel a Sault Ste. Marie, Ontario, Canada, il nuovo sito produttivo di acciaio verde avrà una capacità di progettazione di 3,7 milioni di tonnellate di acciaio liquido, con due forni elettrici ad arco da 250 tonnellate al centro, alimentati da due sistemi di alimentazione digitale Q-One con una capacità nominale di eccedenza di 190 MVA ciascuno. Q-One è una tecnologia brevettata in grado di variare continuamente la frequenza durante ciascuna delle fasi di fusione, migliorando l’efficienza energetica e il consumo di elettrodi.

 

Il nuovo Digimelter produrrà acciaio liquido di alta qualità da rottami di acciaio riciclati, con l’opzione per l’aggiunta diretta di un’ampia gamma di altri input di ferro. La nuova tecnologia è ottimizzata per la qualità del processo, bassi costi operativi e maggiore sicurezza grazie all’ampia applicazione delle tecnologie meccatroniche.

Danieli Digimelter è l’unica tecnologia che consente l’utilizzo diretto di energie rinnovabili per la produzione di acciaio elettrico. Il design fornisce le migliori prestazioni ambientali della categoria con involucri ingegnerizzati che incapsulano i due forni per ridurre al minimo il rumore e le emissioni, mentre il controllo automatico del processo Q-Melt offre un’efficienza energetica superiore. Due nuovi impianti di trattamento dei gas di scarico, inclusi i serbatoi a maniche e un impianto di trattamento dell’acqua di ricircolo dedicato, si uniranno per fornire la migliore tecnologia disponibile per il controllo delle emissioni, la filtrazione e la conservazione dell’acqua.

A completamento del pacchetto, la struttura includerà un deposito rottami automatizzato Danieli dotato di gru automatiche, riconoscimento visivo dei rottami e smistamento e caricamento automatico dei rottami. Un nuovo sistema di degasaggio sottovuoto Danieli a doppia vasca con impianto di insufflazione di ossigeno sarà inoltre aggiunto al processo per fornire qualità di acciaio avanzate e migliorare ulteriormente la pulizia dell’acciaio e la qualità del prodotto finale.

 

“È il primo esempio al mondo – spiega con soddisfazione Gianpietro Benedetti, presidente del Gruppo Danieli – di siderurgia integrata in cui gli altiforni a carbone in un’unica fase vengono spenti e sostituiti da due forni ad arco elettrico da 250 tonnellate, con sistemi di alimentazione digitale Q-one. Il sistema Digimelter è alimentabile con le rinnovabili. Se la CO2 viene subito abbattuta del 70%, la prospettiva è quella del net zero, ovvero impatto nullo sul clima dovuto alle emissioni di carbonio, appena sarà disponibile l’idrogeno.

La nuova struttura siderurgica basata su Digimelter dovrebbe entrare in funzione all’inizio del 2024.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Scegliere il giusto azionamento per risparmiare CO2

Scegliere il giusto azionamento per risparmiare CO2

Il software di selezione Festo aiuta nella scelta tra elettrico o pneumatico consentendo di risparmiare denaro e ridurre le emissioni.

Le proposte del Progetto MARLIC per l’economia circolare e i materiali compositi

Il Progetto MARLIC per l’economia circolare e i materiali compositi

Presentati i primi risultati del progetto Marche Applied Research Laboratory for Innovative Composites, dopo i primi 20 di attività. 

Sum2022

SUM Symposium 2022 - X Anniversario

"Economia Circolare e Miniera Urbana”, a Capri 180 scienziati per un confronto su tecnologie innovative per superare la crisi delle...

Share This