Il primo deposito costiero di GNL dell’Italia continentale

20 Settembre 2021
Primo deposito costiero di GNL dell’Italia continentale

Edison avvia la prima catena logistica integrata di GNL su piccola scala in Italia, con un piano di sviluppo della mobilità sostenibile dei trasporti pesanti e marittimi, che entrerà in esercizio il prossimo Ottobre

 

La nave metaniera Ravenna Knutsen dedicata alle attività su piccola scala di Edison ha prelevato il primo carico di gas naturale liquefatto (GNL) presso l’impianto Enagás di Barcellona, in Spagna ed ha attraccato alla banchina antistante il deposito costiero small scale del porto di Ravenna, di proprietà di Depositi Italiani GNL, DIG (51% Pir, 30% Edison, 19% Scale Gas).

 

Sono iniziate così le operazioni controllate di riempimento dei serbatori ed è stato avviato il il periodo di test del deposito, funzionale alla sua messa in esercizio, che è prevista per il prossimo Ottobre. Con una capacità di stoccaggio di 20.000 metri cubi di GNL e una movimentazione annua di oltre 1 milione di metri cubi di gas liquido, il deposito di Ravenna sarà in grado di rendere disponibile in Italia il GNL per rifornire almeno 12.000 camion e fino a 48 traghetti all’anno.

Con l’impianto DIG a Ravenna, Edison avvia in Italia la prima catena logistica integrata di GNL small scale (impianti di gas naturale liquefatto su piccola scala), con un piano di sviluppo della mobilità sostenibile sia via terra che via mare. L’operazione conferma l’impegno di Edison verso la decarbonizzazione anche nel settore dei trasporti, in linea con gli obiettivi europei. Il GNL, infatti, rispetto ai combustibili tradizionali, è in grado di eliminare totalmente le emissioni di ossido di zolfo (SOX) e di polveri sottili (PM), l’80-90% delle emissioni di ossido di azoto (NOX) e di abbattere di circa il 20 % quelle di anidride carbonica (CO2).

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Il Consorzio EUROfusion, composto da 21 organizzazioni italiane coordinate da ENEA, annuncia la progettazione del reattore dimostrativo, che produrrà 300-500...

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

Uno studio del PoliTo indaga le proprietà dei materiali per selezionare i migliori per lo stoccaggio dell’energia termica.

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Consorzio PI Italia vede nuove opportunità per ampliare il proprio raggio di azione legate al processo di produzione dell'idrogeno.

Share This