La nuova linea di sensori di temperatura ad infrarossi Keyence

12 Settembre 2017
sensori di temperatura ad infrarossi Keyence

Keyence ha lanciato una nuova gamma di sensori di temperatura ad infrarossi, adatta per qualsiasi ambiente

 

Keyence, azienda che opera nel settore dell’automazione, ha lanciato una nuova gamma di sensori di temperatura ad infrarossi, adatta per qualsiasi ambiente.

La nuova linea è in grado di garantire una notevole velocità di rilevamento senza contatto: occorrono solamente 15 ms, la massima velocità nella sua categoria.

L’azienda ha migliorato i tempi di risposta della termopila, che rileva la temperatura nella Serie FT, utilizzando essenzialmente due accorgimenti: la riduzione fino allo spessore minimo di un film a risonanza nel lontano infrarosso; il posizionamento delle termocoppie in un modo geometricamente efficiente e rilevamente rapido e accurato del calore assorbito.

Sono presenti anche due puntatori laser, che indicano chiaramente l’intervallo di rilevamento, semplificando così l’installazione del sensore.

La nuova gamma è dotata di un sensore 5 volte più piccolo rispetto a quelli tradizionali, che a sua volta è anche il più piccolo nella propria categoria.

All’interno della testina-sensore è sospeso un alloggiamento cilindrico, che contiene l’elemento di rilevamento interno: ciò permette la formazione di un cuscinetto d’aria termica tra sensore e ambiente circostante, che consente di ridurre al minimo le dimensioni del sensore stesso.

Keyence ha dotato i propri prodotti di elevata stabilità, per massimizzare la sicurezza del sensore, motivo per cui è stato sviluppato un circuito IPC. Quest’ultimo elemento, in unione con il progetto di sensore sospeso, costituisce il cuore del FLASH Thermo.

L’azienda ha deciso di mantenere anche la semplicità della struttura dei menu e del display digitale, pertanto FT-50A(P) e FT-55A(P) sono dotati di funzioni che si possono utilizzare in loco.

Da adesso saranno anche automatici i complessi calcoli di impostazione: per la serie FT l’utente dovrà solo immettere la temperatura corrente dell’oggetto da rilevare, nient’altro. La nuova gamma è perfettamente in grado di calcolare da sé l’emissività della temperatura corrente, evitando così all’utente di compiere difficili calcoli in merito.

FT-50A (P) e FT-55A (P) hanno anche uscite di monitoraggio analogiche (da 4 mA a 20 mA) che corrispondono ai valori visualizzati. L’impostazione del limite superiore e di quello inferiore semplifica la messa in scala dell’analogica.

Gli strumenti possono avere, ognuno, 2 uscite del limite superiore e due di quello inferiore, inoltre entrambi possono anche essere configurati per un massimo di 4 emissività. Questo elimina la necessità di resettare le emissività per ogni cambio di prodotto.

Sono anche presenti ulteriori funzioni molto utili: mantenimento visualizzazione, che permette all’utente di controllare la temperatura della superficie di pezzi in movimento secondo la loro velocità; temporizzazione, visualizza la temperatura massima e quella minima solo quando l’ingresso di temporizzazione è attivo; modalità IR, che consente di visualizzare la quantità dei raggi nel lontano infrarosso ricevuti dalla termopila, così da fungere da sensore dell’intensità; risparmio energetico, che offre una visualizzazione semplificata quando il sensore viene lasciato inattivo per un periodo di tempo predeterminato.

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Joint Venture per il primo progetto di CCS in Italia

Joint Venture per il primo progetto di CCS in Italia

Eni e Snam collaboreranno allo sviluppo e alla gestione della Fase 1 del Progetto Ravenna di cattura e stoccaggio della...

Nextchem rafforza il portafoglio tecnologico con un'acquisizione strategica

Nextchem rafforza il portafoglio tecnologico con un'acquisizione

La Holding entra nei mercati delle plastiche biodegradabili e dei derivati ad alto valore aggiunto acquisendo una quota dell'83,5% di...

PoliTO al lavoro sulla distillazione a membrana per il riuso di acque industriali

PoliTO al lavoro sulla distillazione a membrana per trattamento acque

Il progetto MEloDIZER coordinato dall'Ateneo punta alla fabbricazione dei componenti della distillazione a membrana impiegabili su larga scala e sostenibili, sostituendo...

Share This