Shell costruisce con thyssenkrupp la ‘Holland Hydrogen I’

17 Gennaio 2022
Shell costruisce con thyssenkrupp la 'Holland Hydrogen I'

thyssenkrupp installerà per Shell un impianto di idrogeno verde da 200 MW nel porto di Rotterdam, quale fulcro della struttura del progetto ‘Hydrogen Holland I’, che produrrà H2 per l’industria e il settore dei trasporti. 

 

thyssenkrupp Uhde Chlorine Engineers ha firmato un contratto di fornitura con Shell in base al quale progetterà, procurerà e realizzerà un impianto di elettrolisi da 200 MW basato sul suo modulo di elettrolisi dell’acqua alcalina da 20 MW su larga scala.

 

 

L’idrogeno verde è un pilastro principale della transizione energetica verso una decarbonizzazione sostenibile. Entro il 2025, i Paesi che rappresentano oltre l’80% del PIL globale dovrebbero entrare nell’economia dell’idrogeno con una strategia dedicata. In qualità di leader tecnologico globale per l’idrogeno verde, thyssenkrupp Uhde Chlorine Engineers offre tecnologie leader a livello mondiale per impianti di elettrolisi ad alta efficienza.

L’azienda, una Joint Venture con Industrie De Nora, ha una vasta conoscenza approfondita nell’ingegneria, approvvigionamento e costruzione di impianti elettrochimici e un solido track record di oltre 600 progetti con una valutazione totale di oltre 10 gigawatt già installati con successo. Con la sua tecnologia di elettrolisi dell’acqua per produrre idrogeno verde, l’azienda offre una soluzione innovativa su scala industriale per catene del valore verdi e un’industria alimentata da energia pulita: un passo importante verso la neutralità climatica.

 

“Non vediamo l’ora di supportare la costruzione di un importante hub per l’idrogeno nell’Europa centrale e di contribuire alla transizione dell’Europa verso l’energia verde”, afferma il Dr. Christoph Noeres, Head of Green Hydrogen presso thyssenkrupp Uhde Chlorine Engineers. “Con le nostre dimensioni standard dei moduli su larga scala, rafforzeremo ulteriormente la strategia dell’idrogeno di Shell. La nostra partnership combina perfettamente la nostra eccellenza ingegneristica con la competenza di Shell di un grande attore energetico globale”.

 

Il centro della struttura del progetto idrogeno ‘Hydrogen Holland I’ sarà una sala di 2 ettari, grande quanto tre campi da calcio. Verrà prodotto idrogeno verde per l’industria e il settore dei trasporti, con energia elettrica proveniente dal parco eolico offshore Hollandse Kust (Noord), attraverso garanzie di origine. L’idrogeno può essere trasportato attraverso un gasdotto lungo circa 40 chilometri che andrà dall’impianto all’Energy and Chemicals Park di Rotterdam della Shell. Lo zero netto è una priorità numero uno per l’impianto: verranno applicati materiali da costruzione riutilizzabili ove possibile e i pannelli solari saranno incorporati nelle pareti esterne dell’impianto. La fabbrica sarà aperta a visitatori selezionati una volta completamente operativa.

 

I primi lavori di costruzione degli elettrolizzatori inizieranno probabilmente nella primavera del 2022. La decisione finale di investimento della Shell per costruire l'”Holland Hydrogen I” è stata presa ad gennaio 2022, dopodiché l’inizio della produzione previsto sarà nel 2024.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ai blocchi di partenza la IV° edizione di IVS

Ai blocchi di partenza la IV° edizione di IVS

Luca Pandolfi, PM di Industrial Valve Summit, racconta la viglia del più importante evento in Italia delle valvole industriali e...

HMI Beijer X2 Extreme per chimica e Oil&Gas

HMI Beijer X2 Extreme per chimica e Oil&Gas

Distribuiti in Italia da EFA Automazione SpA, i pannelli operatori Beijer X2 Extreme garantiscono prestazioni sicure ed efficaci in ambienti...

Manutenzione tubature con approccio predittivo

Manutenzione tubature con approccio predittivo

Pipein offre una piattaforma software e un dispositivo hardware per passare ad nuovo concetto di manutenzione predittiva delle tubature Oil&Gas.

Share This