Sick: massima protezione per industria farmaceutica e cosmetica

2 Agosto 2019
Sick

TWINOX4, la nuova barriera di sicurezza di SICK, protegge gli operatori e rispetta tutti i requisiti necessari per lavorare in ambienti sterili

 

Non si può parlare di industria farmaceutica e cosmetica senza parlare di ambienti sterili e sostanze chimiche aggressive, due peculiarità che richiedono massima attenzione da parte degli operatori e l’adozione di dispositivi d’automazione con particolari accorgimenti. Come, ad esempio, una sensoristica dotata di custodia in acciaio inox, opportunamente sigillata, resistente agli agenti chimici e ai cicli di lavaggio e dal design lineare per una massima igiene. Proprio queste caratteristiche sono i plus di TWINOX4, le nuove barriere di sicurezza firmate SICK.

Specificatamente progettata per il mondo del pharma e della cosmetica, la serie TWINOX4 si caratterizza per una custodia in acciaio inox 1.440/316L che rende le barriere resistenti a detergenti, sostanze e disinfettanti aggressivi come il perossido di idrogeno. I gradi di protezione soddisfatti sono l’IP65 e l’IP67, che assicurano la protezione contro polvere, getti d’acqua e cicli di immersione nei liquidi. L’assenza di fori e fessure nella custodia, unita alla presenza di un frontalino in vetro, inoltre, rappresenta un doppio vantaggio: facilità di pulizia del sensore e nessun rischio di accumulo di sporco durante il ciclo produttivo, per una lavorazione dei farmaci e dei prodotti cosmetici senza alcuna contaminazione.

 

Non solo robustezza

Oltre a soddisfare ogni requisito di resistenza e igiene, TWINOX possiede numerose altre doti. Sviluppata in tre diverse varianti con altezza del campo protetto di 300, 420 o 600mm, questa barriera è caratterizzata da un campo di lavoro fino a 4,5m e una risoluzione di 14mm, e può essere impiegata in ambienti con temperatura compresa tra -20 e +55°C.

Emettitore e ricevitore sono ospitati nella medesima custodia, per una massima praticità. Inoltre, il suo funzionamento non prevede alcuna programmazione, mentre l’installazione è resa ancora più semplice grazie alle dimensioni compatte, alla staffa di fissaggio (sempre in acciaio inox) fornita a corredo e alla possibilità di orientare la barriera sia in orizzontale che in verticale.

 

Massima sicurezza per l’operatore

Funzione principale di TWINOX4 è quella di proteggere gli operatori. Dotata di LED colorati lungo l’intera altezza del campo protetto, TWINOX4 dialoga in modo istantaneo ed immediato con l’utilizzatore: la luce verde indica che la barriera è attiva e, quindi, se viene oltrepassata l’area di allarme, il sensore interrompe le attività della macchina alla quale è collegata.

I LED, inoltre, aiutano l’operatore durante l’installazione, in quanto sono presenti 5 LED blu per verificare istantaneamente la qualità dell’allineamento della barriera fotoelettrica. Altri LED segnalano eventuali malfunzionamenti o anomalie della barriera stessa, per una semplice diagnostica.

Per maggiori informazioni clicca qui

Fonte: Ufficio Stampa SICK

ARTICOLI CORRELATI

Cura Italia

Decreto-legge “Cura Italia”: Chimici e Fisici si appellano al Governo

La FNCF si appella nuovamente al Governo per effettuare un intervento che preveda misure specifiche a sostegno di Chimici e...

attività essenziali

Blocco della produzione, ecco i codici Ateco delle attività essenziali che non si fermano

L'elenco include attività produttive nel settore alimentare, farmaceutico, chimico, dei trasporti...

Versalis

Versalis aderisce alla Circular Plastics Alliance

La società chimica di Eni si impegna a riciclare 10 milioni di tonnellate di plastica entro il 2025 per contribuire...

Pin It on Pinterest

Share This