I risultati preliminari BASF per il 2017 sono positivi

23 gennaio 2018
preliminari BASF per il 2017

Stando ai dati preliminari di BASF per il 2017 le vendite sono in crescita del 12% e gli utili sono superiori del 50%

 

Il gruppo tedesco BASF, colosso del settore della chimica, ha anticipato i dati preliminari del bilancio relativo al 2017: in crescita margini, vendite e utili.

Il report finanziario definitivo dell’anno appena trascorso sarà presentato il 27 febbraio, ma nel frattempo sono state diffuse alcune cifre molto interessanti: le vendite, ad esempio, toccano quota 64,5 milioni di euro, facendo registrare un aumento del 12% rispetto ai 57,6 milioni del 2016.

Anche il margine operativo netto (Ebit ante special item) ha subito incremento del 32% rispetto all’anno precedente, raggiungendo il valore di 8,3 miliardi di euro. Il merito è probabilmente dovuto al segmento Chemicals (monomeri, prodotti petrolchimici e intermedi, etc.), che hanno registrato un miglioramento di volumi e margini.

Situazione differente per i segmenti Performance Products e Functional Materials & Solutions, dove l’Ebit è risultato invece inferiore a quello del 2016. Questo calo è dovuto all’aumento dei costi delle materie prime, non trasferiti interamente a valle nei prezzi di vendita, e dei costi fissi legati all’avvio di nuovi impianti.

Riguardo gli utili netti dovrebbero registrare una crescita di quasi il 50%, da 6,3 a 8,6 miliardi di euro. BASF stima un beneficio di circa 400 milioni di euro nel quarto trimestre 2017, dovuto alla riforma fiscale voluta dalla presidenza Trump negli Usa.

ARTICOLI CORRELATI

BASF_logo_blue World Plastics Council

BASF aderisce al World Plastics Council

BASF aderisce al World Plastics Council che riunisce gli operatori leader dell’industria della plastica

Partec 2019: call for papers

Partec 2019: call for papers published

Researchers and scientists have until 30 April 2018 to submit their contributions for Partec 2019

PPS Ryton

Advanced Sensor Technologies sceglie il PPS Ryton di Solvay

ASTi sceglie il PPS Ryton di Solvay per alloggiamenti di sensori ad alta resistenza chimica e termica