Connettività Hot Swap nelle zone 1 e 21

14 Giugno 2022
Connettività Hot Swap nelle zone 1 e 21

R. STAHL introduce nuovi connettori a innesto antideflagranti per il collegamento rapido e sicuro, collegabili in rete con tutti i comuni sistemi di bus di campo come Profinet per lo scambio dei dati.

 

Nelle aree a rischio di esplosione il collegamento e lo scollegamento sicuri dei componenti elettrici ed elettronici, che richiedono manutenzione o pulizia frequenti, sono di difficile attuazione oppure vengono utilizzati in luoghi diversi, richiedono spesso tempi lunghi di esecuzione.

 

Per ridurre al minimo i costosi tempi di fermo durante l’installazione, la manutenzione o riparazione o la sostituzione dei componenti, R. STAHL ha introdotto nuovi connettori a innesto per il collegamento rapido con modo di protezione Ex e ed Ex d. Con i connettori e i giunti Hot Swap compatibili della serie miniCON, i pannelli di controllo, gli apparati elettrici, le macchine mobili, gli azionamenti e i sistemi di telecamere ed HMI possono essere alimentati in maniera rapida e sicura fino nelle zone 1 e 21, nonché collegati in rete con tutti i comuni sistemi di bus di campo come Profinet per lo scambio dei dati.

Il nuovo sistema miniCON di R. STAHL offre ai produttori e integratori di gruppi costruttivi elettronici, nonché agli operatori degli impianti, notevoli possibilità di risparmio: dalla pianificazione all’installazione, comprese la manutenzione e la riparazione. L’elevata percentuale di componenti uguali garantisce uno stoccaggio particolarmente efficiente e semplifica la gestione degli approvvigionamenti.
Tutte le connessioni elettriche possono essere pianificate e realizzate con un unico sistema di connettori a innesto. I diversi gruppi costruttivi elettrici possono essere interamente progettati con la necessaria idoneità alla protezione antideflagrante in sede di realizzazione in fabbrica così da mettere a disposizione degli operatori degli impianti soluzioni complete, certificate e pronte per il collegamento mettendole in funzione con notevole facilità. In questo modo, l’installazione dura meno di un minuto.

 

Collegamento rapido con idoneità Hot Swap

La connessione miniCON plug & play compatibile con bloccaggio a scatto brevettato permette anche a una sola persona senza competenze elettrotecniche di collegare componenti elettrici nelle aree a rischio di esplosione e di scollegarli in sicurezza per interventi di manutenzione anche se sotto tensione. La facilità di impiego permette inoltre anche l’uso con una sola mano con guanti da lavoro.
L’idoneità Hot Swap con una capacità di disconnessione di 500 V AC/16 A riduce notevolmente i tempi di fermo durante la manutenzione e la sostituzione degli apparecchi. Poiché non sono richiesti lunghi lavori di cablaggio sul posto, il sistema è ideale anche per il collegamento di apparecchi in luoghi di utilizzo di difficile accesso o in condizioni complesse.
I collegamenti miniCON, costituendo una soluzione flessibile, sono indicati anche per l’alimentazione di apparecchi mobili antideflagranti, come ad esempio pompe, bilance, carrelli elevatori, strumenti di misura o lampade di controllo.

 

Soluzione modulare variabile per diverse gamme di tensione

Grazie al design robusto e di lunga durata i connettori a innesto miniCON sono la scelta perfetta ovunque, persino negli ambienti industriali più difficili e nelle condizioni climatiche estreme. Con un grado di protezione IP66/IP68 e un range di temperatura ammissibile da -60 °C a +75 °C, possono essere usati trasversalmente in ogni settore: dall’industria alimentare a quella farmaceutica, fino alla chimica di precisione. In più resistono affidabilmente anche nelle condizioni più critiche del trasporto di petrolio e gas in qualsiasi zona climatica.
I giunti e le spine a 8 poli sono progettati per sezioni di cavo da 0,25 mm² a 2,5 mm² e compatibili con tutti i comuni pressacavi, nonché con i pressacavi M 20/M 25. Il montaggio dei conduttori sugli spinotti e sui manicotti si effettua mediante crimpaggio o saldatura. Il sistema modulare, in più, copre diverse gamme di tensione: da 24 V/0 – 4 mA per la trasmissione dei segnali fino all’alimentazione trifase con max 500 VAC/16 A e un contatto ausiliario, nonché un collegamento bus di campo e Profinet.
I connettori a innesto disponibili nella versione in plastica o acciaio inox sono muniti delle certificazioni ATEX e IECEx per le zone 1 e 21, dell’omologazione russa EAC, nonché dell’omologazione cULus per la variante metallica ai fini dell’esercizio nella classe I, div. 2 in Canada e negli Stati Uniti.
Tra gli accessori figurano, oltre a diversi adattatori, anche pressacavi con modo di protezione Ex e ed Ex d, nonché uno stringi cavo interno.

 

Connessione a prova di errore nella configurazione specifica per il cliente

La struttura modulare del sistema, costituito da un massimo di otto poli, offre numerose opzioni per una configurazione personalizzata. Un posizionatore consente di orientare i componenti degli apparecchi in 24 posizioni diverse con passi di 15°. Per l’adattamento ai diversi livelli di tensione è possibile scegliere tra tre diverse varianti di codifica, in modo da garantire che siano collegabili a innesto solo gli accoppiamenti corretti. Il tipo di codifica del giunto e del connettore a innesto è affidato a un dischetto di codifica accluso e può essere modificato in qualsiasi momento dall’utilizzatore. All’occorrenza il connettore e il giunto possono essere montati invertiti (revers gender), cambiandone le funzioni, per ridurre la profondità di montaggio.
Nelle versioni metalliche la terra di protezione può essere integrata con facilità mediante un anello di contatto in PE. La connessione a individuazione automatica con speciale meccanismo di rotazione del dado di raccordo permette di realizzare un collegamento elettrico e meccanico sicuro.
Un freno a trazione impedisce il verificarsi di pericolosi archi voltaici e di fenomeni di usura, come ad esempio la bruciatura dei contatti, ottenendo una disconnessione semplice, rapida e sicura. Il meccanismo di bloccaggio, attraverso un’indicazione on/off, mostra se la connessione a innesto è chiusa o no. I cappucci di protezione imperdibili proteggono contro la sporcizia e l’umidità in caso di non utilizzo.

 

Collegabili ai sistemi digitali e ai moderni sistemi di manutenzione preventiva o predittiva 

Per la trasmissione di segnali e dati nelle aree a rischio di esplosione i connettori a innesto miniCON rappresentano una soluzione ottimale proiettata al futuro supportando anche l’implementazione di sistemi di manutenzione preventivi o predittivi.

Gli apparecchi dotati di sensori intelligenti e collegati tramite miniCON ai sistemi bus di campo digitali o a Profinet possono inoltrare in qualsiasi momento i loro dati di stato e di valori di processo al sistema di controllo (PLC o DCS). In questo modo, grazie al riconoscimento precoce della necessità di manutenzione, si evitano tempi morti e si garantisce una disponibilità ottimale degli impianti.

Il sistema di collegamento rapido accelera la sostituzione sicura degli apparecchi nelle aree a rischio di esplosione, evita costosi tempi di fermo impianto e mancate produzioni durante i lavori di riparazione e manutenzione sotto tensione e garantisce quindi il mantenimento delle prestazioni ottimali dell’impianto.

 

Conclusione

Con la sua serie miniCON a struttura modulare, R. STAHL offre numerose opzioni per il collegamento in-line protetto e puntuale dei componenti elettrici ed elettronici nelle aree a rischio di esplosione. Il nuovo sistema di connettori a innesto copre con un numero limitato di varianti un’ampia gamma di applicazioni per l’alimentazione elettrica e il collegamento con i moderni bus di campo.
Il sistema, inoltre, accorcia notevolmente le attività di installazione, manutenzione e riparazione, riducendo lo sforzo personale e permette il collegamento e lo scollegamento rapido dei componenti elettrici anche in condizioni di carico senza bisogno di una specifica autorizzazione per i lavori a caldo. I diversi meccanismi di sicurezza garantiscono una connessione meccanica ed elettrica sicura.
Grazie al design robusto e resistente alle temperature estreme, i connettori a innesto miniCON con protezione antideflagrante resistono anche agli ambienti industriali più duri e sono indicati per l’uso in tutto il mondo in qualsiasi zona climatica.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Gastech Milano 2022: il cuore del confronto su gas naturale, GNL, idrogeno e soluzioni a basse emissioni di carbonio

Gastech Milano 2022: il cuore del confronto su gas naturale, GNL, idrogeno e soluzioni a basse emissioni di carbonio

Entra a far parte dell'industria globale del gas, del GNL, dell'idrogeno e dell'energia a Milano, dal 5 all'8 settembre 2022.

In Italia il laboratorio globale di ricerca COIM per le soluzioni a base acqua

In Italia il laboratorio globale di ricerca COIM per le soluzioni a base acqua

Inaugurato presso lo stabilimento di Offanengo il laboratorio di ricerca di riferimento a livello globale per i prodotti delle gamme...

Nuove pompe criogeniche centrifughe

Nuove pompe criogeniche centrifughe

I modelli HDM 185 e HDM 200 di Vanzetti Engineering offrono peso ridotto per massimizzare il payload e particolare compattezza...

Share This